07 nov 2021 · 6 min read

Pre-mine Ethereum: equità, regolamentazione, centralizzazione

Ethereum

Fonte: Adobe/ilolab

Ecco il dibattito di Ethereum Premine su equità, regolamentazione e centralizzazione

  • Una pre-mine non è etica e favorisce alcuni attori rispetto ad altri in modo politico".
  • "L'ICO può essere classificata come un'offerta di sicurezza e i token ether come titoli".
  • La vendita di ETH è stata in realtà più aperta e distribuita di quanto affermano i critici.
  • Il campo di ETH afferma che PoS non favorisce gli attori con grandi partecipazioni in ETH.

Potresti non esserne a conoscenza, ma nel luglio del 2014, Ethereum (ETH) aveva un pre-mine in cui venivano venduti circa 60 milioni di ETH (per un valore di circa 272 miliardi di dollari ora) per un totale di 18,3 milioni di dollari, mentre 12 milioni erano tenuti da parte per primi contributori e la Fondazione Ethereum. A 72 milioni di ETH, questo totale rappresenta circa il 63,7% dell'attuale offerta totale di Ethereum, aumentando lo spettro della centralizzazione, in particolare quando la piattaforma passa a un meccanismo di consenso Proof of Stake (PoS).

In effetti, per molti dei detrattori di Ethereum, la sua premine è uno dei motivi principali per cui non sarà mai decentralizzato come Bitcoin (BTC) e dicono potrebbe finire per essere controllato da un gruppo relativamente piccolo di persone (se non lo è già). Allo stesso tempo, suggeriscono che il premine sia simile a un'offerta iniziale di monete (ICO), mettendo così Ethereum potenzialmente nella linea di tiro della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti.

Tuttavia, la comunità di Ethereum nega che il pre-mine del 2014 abbia alcun effetto sul decentramento della piattaforma, sostenendo che il premine di ETH è stato distribuito a migliaia di persone. Allo stesso tempo, sostengono che il passaggio di Ethereum alla PoS non ridurrà il suo decentramento.

Ethereum pre-mine: è un male?

“Una pre-mine non è etica e favorisce alcuni attori rispetto ad altri in modo politico. Di conseguenza, i problemi che si creano non sono solo nel futuro, ma anche nel presente e nel passato", ha affermato Gigi, autore e sostenitore di Bitcoin.

Suggerisce che uno dei grandi problemi con la vendita premine di Ethereum è che rischia ripercussioni normative per la piattaforma, in particolare nel caso in cui distribuisse token solo a un numero relativamente piccolo di acquirenti. Questo sembra essere il caso, dati i dati della vendita che indicano che il 40% del totale venduto è andato a soli 100 acquirenti.

"Sempre più persone giungono alla conclusione che la prevendita di Ethereum ha le caratteristiche di una security offering illegale", ha detto a Cryptonews.com, consigliando ai lettori di studiare gli articoli pubblicati dall'avvocato Preston Byrne e dal ricercatore Hasu nel 2018 (così come il pezzo di Amy Cator collegato sopra).

E Gigi non è l'unico osservatore che afferma che il premine probabilmente qualifica ETH come una security. Questa è anche l'opinione di Josef Tětek, Trezor Brand Ambassador presso SatoshiLabs.

“In primo luogo, l'ICO può essere classificata come un'offerta di sicurezza e i token ether come titoli. La SEC può cambiare la sua posizione precedente su questo argomento, semplicemente perché l'offerta non è molto diversa da quella che hanno fatto le successive ICO, classificate come offerte di titoli senza licenza", ha detto a Cryptonews.com.

Inoltre, Tětek nota anche che il pre-mine aggraverà i problemi relativi alla concentrazione della proprietà e alla centralizzazione, in particolare quando Ethereum diventerà Ethereum 2.0 ad un certo punto (l'anno prossimo?).

"In secondo luogo, il passaggio al sistema proof-of-stake andrà a vantaggio soprattutto di coloro che erano lì per la premine e la vendita iniziale e quindi consoliderà il potere di questi addetti ai lavori e renderà Ethereum ancora più centralizzato di quanto non sia oggi", ha affermato.

Fondamentalmente, il pensiero qui è che, poiché la Fondazione Ethereum ha venduto ETH ora per un valore di centinaia di miliardi a una "manciata" di acquirenti, questi individui/entità saranno in grado di esercitare un'influenza indebita sullo staking una volta che Ethereum 2.0 diventerà realtà.

“La Proof-of-Stake porta alla centralizzazione anche senza alcuna pre-mine -- possiamo già vedere lo staking-as-a-service offerto da borse e altre terze parti [...] Il pre-mine apre la strada a una centralizzazione ancora più rapida, poiché quelle con la maggior parte delle monete concentrerà ulteriormente il potere sulla rete e acquisirà un'importanza relativa nel tempo", ha affermato Tětek.

Ethereum pre-mine: è bene?

Nel frattempo, il campo di ETH presenta due principali controargomentazioni contro le accuse sollevate sopra contro il pre-mine. Il primo implica sostenere che la vendita era in realtà più aperta e distribuita di quanto affermano i critici.

“Oltre 10.000 indirizzi BTC distinti hanno partecipato alla vendita di massa, il che significa che un gran numero di persone è stato in grado di ottenere visibilità su Ethereum nelle prime fasi. Sebbene lo spazio sia cresciuto da allora e una tale vendita di massa sarebbe difficile da replicare, penso che all'epoca fosse un ottimo approccio di lancio perché consentiva un ampio set di partecipanti, molti dei quali sono ancora coinvolti nell'ecosistema oggi " ha affermato lo sviluppatore di Ethereum Tim Beiko.

È anche discutibile che, non solo la vendita sia stata ampia, ma che la proprietà di ETH sia aumentata dal 2014.

“Escludendo i portafogli infrastrutturali, come il contratto di deposito ETH 2.0 e i portafogli exchange, ci sono solo 3 portafogli nella top 10 che detengono approssimativamente il 3,3% della fornitura totale di ETH. Nel corso del tempo, la quantità di ETH nelle mani delle persone di tutto il mondo è aumentata continuamente", ha affermato un portavoce di ConsenSys, un'importante azienda blockchain focalizzata sull'ETH.

Inoltre, il portavoce di ConsenSys osserva che il conteggio effettivo degli indirizzi ethereum (una persona può possedere più indirizzi) è notevolmente aumentato sin dal suo inizio, da 9.205 a 172.088.521 di oggi.

Anche Tim Beiko non è d'accordo con l'etichetta "pre-mine", preferendo invece riferirsi all'evento come a una vendita di massa. Non è inoltre d'accordo sul fatto che la vendita minacci di indebolire il decentramento di Ethereum.

“La vendita di massa è andata a un folto gruppo di partecipanti e penso che ci sia una forte argomentazione sul fatto che questo gruppo sia più diversificato rispetto ai primi miner. In secondo luogo, anche se non fosse stato così, Ethereum ha funzionato con prove di lavoro per ~ 5 anni, quindi chiunque volesse fare mining di ether aveva ampie opportunità (oltre all'accesso a diversi mining pool) ", ha detto a Cryptonews. com.

Inoltre, Beiko sostiene che PoS non favorisce gli attori con grandi partecipazioni in ETH e, per estensione, non comporterà l'aumento di alcuna concentrazione di ricchezza basata su ETH.

“Non è vero che il PoS di Ethereum conceda ‘più peso agli attori più in grado di puntare più ETH’: le ricompense sono le stesse per ogni staker, e addirittura diminuiscono man mano che più staker si uniscono. Ci sono anche diverse cose nel protocollo che hanno lo scopo di "inclinare la bilancia" verso gli staker più piccoli, come le sanzioni anti-correlazione [vedi qui per una spiegazione di tali sanzioni]", ha aggiunto.

Questo va in qualche modo a placare le preoccupazioni che PoS e la vendita del 2014 potrebbero trasformare Ethereum in qualcosa di paragonabile all'"attuale sistema monetario fiat", come suggeriscono più di pochi critici. E mentre è possibile per singole entità (con abbastanza ETH) eseguire più validatori, le penalità anti-correlazione sopra menzionate (tra le altre cose) possono rendere loro difficile farlo.

In secondo luogo, un certo numero di persone ha risposto che, nonostante inizialmente sia grande, il premine diventerà sempre meno importante nel tempo, man mano che verranno emessi più ETH.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

____
Per saperne di più: 
- Come si misura la decentralizzazione nelle criptovalute?
- Bitcoin ed Ethereum si sfidano a vicenda

- L'Economia Ethereum è un castello di carte
- Perché ETH è Lontano dall'Essere "Denaro ad Ultrasuoni"