La Grande Depressione e la stampa di Denaro di oggi

| 9 min read

Mary O’Sullivan, Professore di Storia economica, Università di Ginevra.
___

Il Franklin Delano Roosevelt Memorial a Washington. Fonte: Adobe / Zack Frank

All’inizio della pandemia di COVID-19 nel marzo 2020, il governatore della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ha fatto una dichiarazione straordinaria: “Non finiremo le munizioni”. La banca centrale era pronta a intraprendere qualsiasi azione necessaria per arginare la crescente crisi economica. Tre mesi dopo, la Fed ha iniettato quasi 3 trilioni di dollari di liquidità nell’economia statunitense.

Tale azione radicale delle banche centrali – il quantitative easing (QE) – ha i suoi critici sia a destra che a sinistra. Altrettanto sorprendente è il fatto che molti importanti economisti e storici economici si siano mobilitati a sostegno del QE come risposta alla minaccia della crisi economica. La loro straordinaria certezza rivela una storia su come la nostra comprensione delle crisi presenti sia stata dominata dalle lezioni tratte dalle crisi passate, e in particolare dalla Grande Depressione negli anni ’30 e dalla sua interpretazione da parte degli economisti, Milton Friedman e Anna Schwartz, nel loro libro del 1963, Una storia monetaria degli Stati Uniti.

Friedman e Schwartz hanno affermato che il sistema della Federal Reserve fosse responsabile della trasformazione da una normale recessione economica alla Grande Depressione. Quando una massiccia crisi finanziaria ha portato ad un forte calo dello stock di moneta nell’economia statunitense, la Fed ha fallito nel mitigare il problema.

Entro la fine del XX secolo, la loro interpretazione della Grande Depressione era diventata sufficientemente dominante nell’economia e nella storia economica da qualificarsi come l’ortodossia. Quando la crisi finanziaria globale ha colpito nel 2008, il sistema della Federal Reserve ha proposto politiche aggressive di espansione monetaria per evitare i suoi presunti errori durante la Grande Depressione.

L’edificio del Consiglio della Federal Reserve statunitense. Steve Heap / Shutterstock

Quell’inondazione di liquidità nel sistema finanziario del capitalismo è notevole in prospettiva storica, superando tutti i precedenti record di interventi monetari, al di fuori del tempo di guerra, dall’inizio del XX secolo. Definisce la nostra realtà economica a tal punto che la fiction su un misterioso “professore”, che pianifica meticolosamente un raid nella Zecca reale di Spagna per stampare miliardi di euro, è diventata la base per la famosissima serie televisiva, La Casa de Papel. Come ha spiegato il professore:

Nel 2011, la Banca centrale europea ha incassato dal nulla 171 miliardi di euro. Proprio come stiamo facendo noi. Solo più in grande … “Iniezioni di liquidità”, le chiamavano. Sto effettuando un’iniezione di liquidità, ma non per le banche. Lo sto facendo qui, nell’economia reale.

Il professore ha fatto queste osservazioni molto prima che le banche centrali rispondessero alla crisi del coronavirus con un flusso di liquidità ancora maggiore.

Analisi storica come eresia economica

L’inizio della Grande Depressione ha coinciso con “un’età dell’oro” della ricerca teorica ed empirica sui cicli economici e le crisi. Sebbene non fossero d’accordo sulle cause dei cicli, gli economisti tendevano a cercare delle spiegazioni alle ricorrenti fluttuazioni economiche nelle dinamiche interne del sistema. Questa enfasi è immediatamente evidente nel lavoro di Wesley Clair Mitchell, un economista americano che all’inizio del XX secolo era la principale autorità globale sui cicli economici.

Mitchell ha iniziato la sua carriera come economista monetario presso l’Università di Chicago, dove ha incontrato Thorstein Veblen ed è stato ispirato dal criticismo non convenzionale dell’economista nei confronti della teoria economica ortodossa e, in particolare, del suo abbandono del processo di cambiamento economico “evolutivo”.

Per Mitchell, era la “dipendenza precaria” del benessere materiale da un’economia organizzata per la ricerca del profitto che generava cicli economici: “Dove domina l’economia monetaria, le risorse naturali non sono sviluppate, l’attrezzatura meccanica non è fornita, l’abilità industriale non è esercitata, a meno che le condizioni non siano tali da promettere un profitto in denaro a coloro che dirigono la produzione “. Ha guardato alle dinamiche del profitto delle imprese per spiegare le fasi ricorrenti dell’attività aziendale e il modo in cui “crescono l’una nell’altra” in un processo di cambiamento cumulativo.

La profondità e la persistenza della Depressione, specialmente nel paese che sembrava incarnare il capitalismo nella sua forma più sofisticata, rafforzò l’importanza di comprendere le fluttuazioni nell’attività economica. Una nuova prospettiva proposta da John Maynard Keynes ha attirato particolare attenzione: Keynes ha guardato alle dinamiche interne del sistema economico per cercare le radici dei cicli, facendo eco allo scetticismo di altri economisti sulla sua capacità di auto-aggiustamento, ma ha identificato un nuovo ruolo significativo per il governo di garantire la stabilità economica.

L’interpretazione della Grande Depressione che Friedman e Schwartz hanno esposto può essere apprezzato solo comprendendo la continuità e la rottura che ha segnato negli economisti. Il loro libro era basato su una combinazione di teoria e storia che ha una strana somiglianza con l’approccio metodologico distintivo di Mitchell allo studio del cambiamento cumulativo. Ma proprio come Mitchell aveva usato annali storici e statistiche per sfidare l’ortodossia economica dei suoi giorni, Friedman e Schwartz impiegarono la loro ricerca storica per confrontare non solo ciò che credevano Mitchell e Keynes, ma ciò che molti economisti credevano sull’instabilità intrinseca di un sistema economico capitalista.

Nella storia Monetaria, Friedman e Schwartz concepirono la norma nel capitalismo come stabilità, caratterizzata da un’armoniosa covarianza di denaro e reddito, interrotta solo da cicli aberranti. È stato durante questi momenti storici insoliti, hanno affermato, che il denaro contava moltissimo. Per quanto riguarda la Grande Depressione, hanno ipotizzato che fosse il calo del denaro a far diminuire il reddito. Pur riconoscendo che il collasso monetario ha avuto origine nelle ondate di crisi bancarie che hanno devastato il sistema finanziario statunitense nei primi anni ’30, hanno incolpato l’autorità monetaria statunitense per non aver iniettato abbastanza liquidità nel sistema per contrastare il collasso. In tal modo, ritenevano il governo responsabile di quella che alla maggior parte delle persone sembrava essere una crisi del capitalismo.

Per difendere le loro audaci affermazioni, Friedman e Schwartz hanno abbracciato un approccio metodologico ispirato a Mitchell ma sempre più criticato come antiquato contro la crescente influenza dell’analisi econometrica in economia. Gli econometrici erano d’accordo con Mitchell sull’importanza di integrare la teoria economica e le prove, ma proiettavano l’attività economica in termini di relazioni matematiche stabili che smentivano l’importanza del cambiamento cumulativo che Mitchell enfatizzava.

Friedman e Schwartz rifiutarono di lasciarsi influenzare dalla moda metodologica, scegliendo invece di andare “oltre i soli numeri” per “discernere le circostanze antecedenti da cui sono nati i movimenti particolari che diventano così anonimi quando inseriamo le statistiche nel computer ”.

Sulla base della ricerca storica, hanno preteso di ricostruire la sequenza temporale di eventi che, secondo loro, avrebbero portato a una “contrazione catastrofica” durante la Grande Depressione. Hanno anche usato il ragionamento storico per andare oltre, per trascendere una storia che altrimenti collocherebbe il collasso dell’economia statunitense nei fallimenti del suo sistema finanziario privato. Il sistema della Federal Reserve aveva “ampi poteri”, suggerivano, “per interrompere il tragico processo di deflazione monetaria e collasso bancario”, ma non usò questi poteri “efficacemente”. Attraverso l’uso della storia controfattuale, quindi, hanno creato l’impressione di una crisi che non doveva verificarsi.

Black and white photo of men in coats and hats queing outside building with sign reading 'Free soup coffee and doughnuts for the unemployed'.
Uomini disoccupati in coda fuori da una mensa per i poveri aperta a Chicago da Al Capone. Everett Collection/Shutterstock

Soldi, soldi, soldi

Chiedere perché la Grande Depressione si è verificata negli Stati Uniti era una domanda difficile. La risposta di Friedman e Schwartz è stata provocatoria e plausibile, ma molto è stato tralasciato e molto aggiunto. Ci aspetteremmo critiche alle loro affermazioni e una pletora di alternative. Tuttavia, nonostante le critiche nel corso degli anni, molti storici hanno esteso l’ipotesi del denaro o ne hanno qualificato elementi specifici, piuttosto che confrontarsi o valutare le affermazioni fondamentali su cui era stata costruita.

Alla fine del XX secolo, l’interpretazione radicale della Grande Depressione proposta da Friedman e Schwartz era diventata l’ortodossia storica. I pochi studiosi che furono abbastanza impertinenti da affrontarla direttamente furono oggetto di un assalto di critiche. E per coloro che non volevano accettare la rivendicazione della stabilità intrinseca del capitalismo, l’indifferenza si è rivelata un’arma potente. Che tale indifferenza fosse di moda tanto quanto l’ignoranza si può vedere negli scritti di un economista accademico, Ben Bernanke, che avrebbe costruito una carriera ancora più brillante come banchiere centrale.

Bernanke ha riconosciuto un’importante lacuna nella storia del denaro e ha proposto di colmarla. L’interpretazione di Friedman e Schwartz della Grande Depressione si basava in gran parte su un panico bancario, in cui i depositanti ritiravano i loro soldi da banche sane e malsane, ma senza offrire alcuna seria spiegazione del turbamento del sistema finanziario statunitense. Bernanke è venuto in soccorso ma solo escludendo i pochi contemporanei come Hyman Minsky a cui si sarebbe potuto rivolgere per approfondimenti sull’instabilità del sistema finanziario statunitense, visto che il loro lavoro si allontanava “dal presupposto di un comportamento economico razionale”.

Il fatto che l’articolo di Bernanke abbia raccolto così tanta attenzione accademica suggerisce l’effetto schiacciante delle ortodossie accademiche sulla presunta indagine scientifica. Ma la posta in gioco è diventata improvvisamente molto più alta, e l’azione più drammatica, quando l’ortodossia storica della Grande Depressione è passata dalle menti accademiche alla sfera politica all’inizio del 21° secolo.

Un sentore di ciò che stava per accadere era in evidenza in una celebrazione del 90° compleanno di Friedman nel 2002. A quel punto, Bernanke era un membro del Consiglio dei governatori del Federal Reserve System e in un tributo spesso citato, disse: “Io vorrei dire a Milton e Anna: sulla Grande Depressione. Hai ragione, ce l’abbiamo fatta. Siamo molto dispiaciuti. Ma grazie a te, non lo faremo di nuovo. “

Le parole di Bernanke davano sicuramente al nonageneriano una pausa e un piacere. Nel discorso presidenziale di Friedman all’American Economic Association, pochi anni dopo la pubblicazione di A Monetary History, si preoccupò del fatto che “corriamo il rischio di assegnare alla politica monetaria un ruolo più ampio di quello che può svolgere”. Tuttavia, difficilmente avrebbe potuto immaginare cosa avrebbe osato Bernanke quando si fosse presentata l’occasione.

Friedman forse non era più in circolazione per assistere alle politiche aggressive di espansione monetaria che Bernanke ha attuato nella sua determinazione a non “farlo di nuovo”. Tuttavia, Schwartz ha suggerito che stava combattendo la guerra sbagliata poiché la crisi del 2008-2009 non aveva nulla a che fare con la liquidità. Ironia della sorte, molti economisti una volta credevano più o meno la stessa cosa sulla Grande Depressione degli anni ’30. Immagina solo cosa significherebbe per la nostra comprensione di quella crisi, per non parlare dell’attuale moda del quantitative easing, se avessero ragione.

Questo articolo è adattato dall’annuale Tawney Lecture della Economic History Society

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.

____
Per saperne di più:
Bitcoin Is More ‘Public’ Money than Central Bank-Issued Fiat Currencies
Prepare For ‘Uncertain Future of Money’ – US Intelligence Center
IMF Says Higher Rates Might Reduce Appetite for Risk. And Bitcoin?
Bitcoin Faces Hedge Test Amid Rising Inflation Concerns
The Case Of a Plunging Fiat Currency: Turkey’s Struggling Lira
Joe Biden’s USD 1.9T Stimulus Won’t Reignite World Economy
A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?