20 giugno 2021 · 7 min read

La mentalità del "numero in aumento" guida il mondo delle cripto

Il "numero in aumento" è praticamente la forza trainante del mercato e dell'industria. È improbabile che questa dinamica di mercato duri per sempre, soprattutto perché più partecipanti, retail e istituzionali, entrano nel settore.

Fonte: Adobe/franz massard

Le criptovalute sono tutta una questione di "numeri in aumento"? Molti dei suoi detrattori lo direbbero sicuramente, mentre molti sostenitori si entusiasmano eccessivamente per i grandi aumenti dei prezzi, tradendo la possibilità che ne siano interessati solo per i soldi.

In entrambi i casi, mentre gli scettici sostengono che i grandi numeri sono le uniche cose che guidano i trader e i detentori di criptovalute, altri affermano che molti partecipanti sono guidati da una visione del futuro in cui i governi e le banche centrali hanno meno potere sulle economie e sui sistemi finanziari.

Tuttavia, non ci sono numeri che indichino quanti utenti di criptovalute stanno entrando nell' universo cripto, solo per la speranza di fare soldi velocemente. Soprattutto quando ci vuole tempo e fatica per capire questo nuovo mondo complesso.

La forza motrice

Il noto autore di criptovalute e scettico David Gerard sostiene fermamente che la mentalità del numero in aumento è dominante all'interno delle criptovalute.

"La visione a lungo termine nel trading di criptovalute sembra essere nell'ordine di mesi, nel corso di una bolla in cui tutti i numeri stanno aumentando. I possessori di bitcoin a lungo termine potrebbero essere un'eccezione a questa regola, come quelli che sono entrati nei primi tempi con una moneta popolare come ethereum o (in una certa misura) EOS", ha detto a Cryptonews.com.

Per Gerard, pochi detentori di criptovalute sono in realtà investitori che credono fermamente che un progetto darà un contributo significativo al mondo. Questo accade in parte, secondo lui, perché la blockchain rimane una tecnologia sperimentale e non consolidata, con una domanda relativamente bassa dal resto del mondo.

Inoltre ha aggiunto che “la stragrande maggioranza dei progetti cripto fallisce. Anche cercare di scegliere i vincitori è principalmente un gioco d'azzardo professionale".

Persino grandi operatori come Barry Silbert, fondatore e CEO di Digital Currency Group, hanno affermato di recente di ritenere che il 99% delle criptovalute sia troppo caro.

Inoltre, alcune persone più favorevoli nei confronti delle criptovalute concordano che il "numero in aumento" è praticamente  la forza trainante del mercato e dell'industria. Ciò include Anndy Lian, Chief Digital Advisor presso Mongolian Productivity Organization, che afferma che la maggior parte dei trader fa ciò che fanno di solito: inseguono grandi guadagni a breve termine.

“In primo luogo, i grandi guadagni li hanno portati nel mercato delle criptovalute. Le aspettative, l'avidità e la prosperità li spingono a rimanere per "cacciare" nuovi token. Se il prodotto sia significativo o meno è irrilevante, la maggior parte dei trader guarda al valore a breve termine", ha affermato.

Tuttavia, il team di OKEx Insights sottolinea che il trading e l'investimento (nel senso a lungo termine) coesistono come due strategie diverse.

Hunain Naseer, Senior Editor di OKEx Insight, ha affermato che “spesso i trader di criptovalute hanno dotazioni separate per investire in progetti e piattaforme che hanno un potenziale promettente. In definitiva, la scelta tra il trading e l'investimento dipende dalle preferenze personali, dagli obiettivi e dal più ampio sentimento e condizione del mercato".

Altri hanno una visione più sfumata, suggerendo che anche i trader guidati da guadagni a breve termine stanno cercando di vedere se una moneta o un progetto ha buone ragioni sostanziali per aumentare. L'analista e autore Glen Goodman è uno di questi e ha detto a Cryptonews.com che le criptovalute hanno problemi più grandi delle persone che cercano guadagni rapidi a breve termine.

"Non è certamente buona pratica diventare ossessionati da una particolare criptovaluta e convincersi che conquisterà il mondo, anche se la comunità perde interesse, il suo prezzo crolla per anni e i suoi effetti di rete diminuiscono", ha detto.

"Il numero in aumento" ha guidato il recente mercato rialzista?

Supponendo che la mentalità dell'aumento del numero sia dominante nelle criptovalute, penseresti che sia in gran parte responsabile del mercato rialzista di fine 2020/inizio 2021 a cui abbiamo assistito di recente. Tuttavia, a seconda della tua posizione generale nei confronti delle criptovalute, non era la causa iniziale.

Per Robbie Liu, analista di mercato presso OKEx Insight, il promotore principale era la più ampia condizione macroeconomica in cui si trovava il mondo, definita in gran parte da "una sovrabbondanza di liquidità di cassa".

“L'economia era più depressa nel mezzo dell'epidemia. Senza una spesa dei consumatori sufficiente e un rallentamento dell'espansione del business, il denaro può solo andare in asset di rischio per cercare rendimenti", ha detto a Cryptonews.com.

Tali condizioni hanno portato le istituzioni a entrare nelle criptovalute, in un modo che non avevano fatto in precedenza.

Inoltre Liu ha aggiunto che "un altro fattore importante è che gli investitori istituzionali stanno gradualmente classificando Bitcoin nella classe di asset alternativa dallo scorso anno [...] Queste entità hanno anche cercato diversificazione e rendimenti maggiori in questo mercato".

Tuttavia, se l'allentamento quantitativo, i bassi tassi di interesse e l'eccesso di liquidità sono stati i primi motori, i trader a breve termine hanno presto seguito per dare slancio al mercato rialzista.

Inoltre Liu ha detto che “più operazioni speculative sono state effettuate da investitori al dettaglio, scommettendo su Bitcoin, titoli tecnologici e in crescita. Penso che alcuni di questi investitori possano diventare trader "di numero in aumento"".

Tuttavia, Glen Goodman suggerisce che, nel contesto della stampa di denaro su larga scala, anche le preoccupazioni relative all'inflazione e all'offerta di moneta sono state un grande fattore trainante, e non solo il puro breve termine.

"Penso che il recente mercato rialzista sia stato guidato da potenti narrazioni sul futuro, non solo dai trader in cerca di guadagni veloci. La pandemia ha inaugurato una nuova era di stampa di denaro da parte delle banche centrali, che ha alimentato i timori per la diluizione del dollaro e l'inflazione", ha affermato.

Una parte necessaria della maturazione

Guardando al futuro, la mentalità dell'aumento dei numeri potrebbe rimanere un appuntamento fisso per molto tempo a venire. Per i critici questa è una brutta cosa, mentre altri dicono che è una parte necessaria della maturazione delle criptovalute.

Hunain Naseer ha affermato che "questa mentalità del "numero in aumento" non è vacua e viene continuamente rafforzata, poiché BTC continua ad aumentare nel lungo termine. Tuttavia, è improbabile che questa dinamica di mercato duri per sempre, soprattutto perché più partecipanti, al dettaglio e istituzionali, entrano nel settore".

Allo stesso modo, Anndy Lian suggerisce che almeno una parte dei trader a breve termine svilupperà, nel tempo, una mentalità più a lungo termine, in particolare quando le criptovalute iniziano a offrire prodotti e servizi realmente validi.

“Il gruppo di persone entrerà in una modalità di rotazione. Quelli che hanno attraversato l'alto e il basso. Capiranno che il mercato non riguarda le speculazioni. Il gruppo del "numero in aumento" si sposterà per esaminare il valore reale dietro la moneta o l'azienda. Poi i nuovi prenderanno il loro ruolo", ha detto.

D'altra parte, David Gerard afferma che le criptovalute non offriranno mai un prodotto significativo che abbia un'applicazione o un utilizzo più ampio, il che significa che il "numero in aumento" è qui per rimanere.

“L'aumento del numero è intrinseco al modo in cui funzionano le cripto; Non ho visto alcun segno di utilità per le criptovalute oltre a questo, o prospettive di maturazione", ha affermato. "La DeFi è pubblicizzata come la soluzione di una sorta di problema applicabile alla finanza più ampia - ho persino visto i sostenitori della DeFi affermare che in qualche modo renderà bancabili i soggetti non bancabili - ma funzionalmente è solo un gioco d' azzardo fino alla morte giocato tra trader di cripto più impegnati”.

Tuttavia, gli utenti BTC di Bitcoin Beach, in El Salvador, potrebbero avere un opinione diversa, così come i processori di pagamenti cripto come BitPay e BTCPay, che hanno elaborato miliardi in pagamenti cripto, mentre gli utenti DeFi stanno testando nuovi modi per interagire con una nuova infrastruttura finanziaria sperimentale. Inoltre, mentre alcune persone in paesi meno stabili utilizzano criptovalute per proteggere il proprio capitale, un recente sondaggio internazionale di Mastercard ha mostrato che il 40% degli intervistati sta valutando l'utilizzo delle criptovalute come metodo di pagamento.

Forse, se guardiamo sia al prezzo che all'adozione, forse una diagnosi più corretta sarebbe che "i numeri salgono".

 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN  

 

___
Per saperne di più: 
- Not Only Bitcoin Price Is Changing During This Bull Run
- Crypto Adoption in 2021: Bitcoin Rules, Ethereum Grows & Faces Rivals

- Knowledge of Crypto on the Rise, Encouraging Investment - Survey
- Developing Economies & Better Educated People Lead Crypto 'Space Race'

- Governments, Financial Institutions See Crypto As A Tool For Financial Inclusion
- Honesty and Education Will Help Bitcoin Build Trust – Survey

- Russia’s Foreign Minister: Crypto Will Inevitably Play Role in Int’l Trade
- Visa Boss Wants Company ‘in the Middle’ of Crypto as Cash ‘Declines’

- Private Jet Booking Company Claims Its Sales Grows on Bitcoin Payments
- 'DeFi Will Eat JPMorgan' But There Are Risks Before That Meal