13 giu 2022 · 5 min read

La Fed potrebbe attaccare l'inflazione più aggressivamente

Inflazione
Fonte: AdobeStock / Wirestock



L'inflazione è aumentata al ritmo più veloce in oltre 40 anni nel maggio 2022, spingendo la Federal Reserve verso un ritmo più aggressivo di aumenti dei tassi di interesse per rallentarla. Sebbene ci sia la preoccupazione che possa causare un aumento della disoccupazione, un indicatore economico poco noto suggerisce che la Fed può farlo senza causare troppo dolore economico.

La Fed ha già alzato i tassi di interesse due volte negli ultimi mesi, incluso un aumento di mezzo punto all'inizio di maggio, nel tentativo di domare l'inflazione. Il 10 giugno Bureau of Labor Statistics ha riferito che l'indice dei prezzi al consumo è salito a un tasso annualizzato dell'8,6% dall'8,3% di aprile. Questo è al di sopra delle previsioni economiche dell'8,2% e della lettura più alta dal dicembre 1981, che è la fine del l'ultima volta che l'economia statunitense ha lottato con una feroce inflazione.

In altre parole, le azioni della banca centrale finora non sembrano aver avuto molto effetto.

Aumentare ulteriormente i tassi potrebbe avere un costo. Gli economisti temono che un aumento dei tassi troppo rapido e troppo drastico potrebbe probabilmente frenare la crescita economica, provocando una recessione economica e un'impennata della disoccupazione. Tuttavia, come economista che studia l'inflazione, credo che ci siano diverse ragioni per cui la Fed può combattere più ferocemente l'inflazione senza preoccuparsi così tanto della disoccupazione.

La Fed è stata accusata di essere stata lenta
 

Economisti e investitori hanno esortato la Fed a diventare più aggressiva per molte settimane.

La loro argomentazione principale è che l'aumento vertiginoso dell'inflazione è almeno in parte colpa della Fed e del governo federale. I responsabili politici statunitensi hanno perseguito programmi di stimolo molto aggressivi per attutire gli effetti dannosi sull'economia del COVID-19. I circa 4,6 trilioni di dollari in denaro di stimolo alla fine hanno portato a un aumento della domanda complessiva di beni e servizi, che ha fatto aumentare i prezzi nello stesso momento in cui le catene di approvvigionamento erano un disastro.

Ad aggravare le cose, l'invasione russa dell'Ucraina ha causato un aumento dei prezzi del petrolio e del gas.

Nel frattempo, la Fed è stata accusata di essere stata lenta nell'intraprendere azioni politiche che avrebbero potuto aiutare a domare l'inflazione prima. Anche l'aumento del tasso di 0,5 punti percentuali a maggio sembra debole in retrospettiva.

Motivi di cautela della Fed
 

A difesa della Fed, ha buone ragioni per essere prudenti. La Fed ha quello che è noto come un doppio mandato non solo per tenere sotto controllo l'inflazione, ma anche per promuovere la massima occupazione.

Il problema è che le azioni volte a ridurre l'inflazione possono causare un aumento della disoccupazione.

Così la Fed si è concentrata sull'esecuzione di un cosiddetto atterraggio morbido, in cui aumenta i tassi di interesse abbastanza da rallentare l'inflazione, ma non così tanto da mandare l'economia in recessione, il che probabilmente comporterebbe meno posti di lavoro vacanti e più americani senza lavoro .

Ma penso che la Fed abbia due grandi ragioni per gettare al vento la sua cautela.

Inflazione: la "curva di Beveridge"
 

Il primo è quello che ci dicono gli ultimi dati sull'inflazione. L'inflazione incontrollata è terribile per un'economia e molto dolorosa per i consumatori, quindi la Fed non ha altra scelta che ridurla a qualunque costo.

L'altro ha a che fare con quella che è nota come curva di Beveridge, uno strumento utilizzato dagli economisti per analizzare il mercato del lavoro e sempre più monitorato dal presidente della Fed Jerome Powell e altri.

La curva di Beveridge esamina la relazione statistica tra il livello di disoccupazione e il numero di offerte di lavoro aperte. L'idea alla base di questa curva è piuttosto semplice: quando ci sono molti posti vacanti non occupati, il mercato del lavoro è estremamente teso ed è facile trovare lavoro, portando a un livello estremamente basso di disoccupazione. D'altra parte, in un mercato debole, il numero di posti vacanti è basso ed è più difficile trovare lavoro e la disoccupazione è alta.

A maggio c'erano 11,5 milioni di offerte di lavoro negli Stati Uniti per 6 milioni di disoccupati. Questo rapporto di quasi 2-1 è estremamente alto, il più alto mai registrato. Al contrario, prima della pandemia, quando il mercato del lavoro era in condizioni molto solide, c'era un posto vacante ogni due disoccupati. La curva di Beveridge utilizza i tassi, quindi attualmente mostra un tasso di apertura del lavoro del 7,3% su un tasso di disoccupazione del 3,6%.

Storicamente, un calo delle opportunità di lavoro, dovuto ad esempio a un rallentamento dell'economia, corrisponde a un aumento della disoccupazione e viceversa. La pandemia ha cambiato radicalmente il modello esistente e sembra che la disoccupazione sia meno sensibile ai cambiamenti nel tasso di apertura del lavoro. Ciò significa che la Fed potrebbe diventare più aggressiva riguardo all'aumento dei tassi di interesse per frenare l'inflazione senza preoccuparsi così tanto che un calo dei posti di lavoro vacanti a causa di un rallentamento economico farà salire drammaticamente la disoccupazione.

Detto questo, dovremmo anche tenere a mente che gli ultimi numeri rappresentano un indicatore di ritardo. Ci vuole tempo prima che le politiche della Fed siano visibili nei dati e, per quanto ne sappiamo, i rialzi dei tassi stanno già avendo effetto.

Tuttavia, credo che la Fed abbia buone ragioni per un'azione più aggressiva, quindi non sorprenderti se la banca centrale statunitense alzerà i tassi di 0,75 punti percentuali nella sua prossima riunione di metà giugno. Sarebbe l'incremento maggiore dal 1994.

____

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.


_______

Veronika Dolar, assistente professore di economia, SUNY Old Westbury.

________

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

___

Per saperne di più:
- L'inflazione definirà Bitcoin quest'anno e oltre
- Fed ha una "potenza limitata" sul rialzo dei tassi

- When Bitcoin Meets Inflation
- Davos Watch: Real Interest Rates to Remain at ‘Nothing or Next to Nothing’ & Higher Inflation Target

- As inflation ‘Mellows Out’, a Bottom in Crypto is Likely in ‘The Back Half of 2022’ – VC Investor
- Inflation Should Be Viewed as Public Enemy Number 1