07 dicembre 2020 · 10 min read

Arte "tradizionale" contro arte cripto: come valutarla

Mentre lo spazio dell'arte cripto sembra crescere a un ritmo sempre più veloce, i critici mettono in discussione la sua capacità di competere con il mercato dell'arte tradizionale in termini di funzionalità ed efficacia.

EthBoy, di Trevor, Alotta Money. Venduto per 260 ETH. Fonte: async.art

Diamo una rapida occhiata alle caratteristiche chiave di entrambi i mercati per determinare quale valore futuro, se ce n'è uno, potrebbe avere l'arte cripto.

‘Posto giusto al momento giusto? "

A settembre, Async Art , una piattaforma artistica programmabile basata su blockchain, ha annunciato di aver fatto la storia partecipando ad una vendita di 100.000 dollari, che in quel momento era l'importo più alto che un pezzo di crypto art abbia mai raccolto.

L' opera d'arte basata su NFT (non-fungible token) è stata venduta per 262 ETH(circa USD 159.000 a dicembre) a un collezionista anonimo privato di nome TokenAngels.

Il pezzo, denominato "Right Place & Right Time", è stato progettato, scritto e distribuito dall'artista Matt Kane sulla piattaforma Async. L'opera d'arte digitale è composta da 24 livelli, che tracciano il prezzo di bitcoin (BTC) per oltre 24 ore. Ogni strato rappresenta un'ora in un giorno. Quando questi strati si uniscono, creano un'opera non statica che è esteticamente dinamica e allo stesso tempo significativa per l'occhio più esperto.

Il creatore ha affermato che la sua vendita rappresenta una nuova era nel settore dell'arte in quanto fornisce agli artisti viventi un modo per trarre profitto dal proprio lavoro, cosa che è una rarità per gli artisti.

Kane ha detto:

“Sono davvero entusiasta di aver aiutato ad espandere i livelli di prezzo per altri artisti digitali affinché il loro lavoro fosse preso sul serio e iniziassero a guadagnarsi da vivere con le vendite d'arte. Fino a quando non avremmo potuto dimostrare la provenienza e la rarità sulla blockchain, il modo in cui vendevamo arte digitale era preistorico in confronto. Il futuro è finalmente adesso!”

Perché l'arte cripto?

L'arte digitale esiste dall'avvento dei computer. Inoltre, gli NFT nel regno dell'arte non sono nuove. Già nel 2017, ai giocatori come i CryptoPunks stavano già gettando le basi per un raro ecosistema artistico nel mondo delle criptovalute. Tuttavia, la sfida significativa per l'arte digitale è sempre stata la rarità. Combinando l'arte digitale con gli NFT, gli artisti sono in grado di creare opere che hanno molte delle caratteristiche dell'arte fisica; e anche altre.

Ad esempio, "Right Place & Right Time" di Kane è unico per ragioni che vanno oltre il suo prezzo di vendita.

  • Innanzitutto, è un'opera d'arte in continua evoluzione. A causa della sua programmazione, il pezzo cambia ogni giorno per rappresentare la volatilità dei prezzi di bitcoin. Il pezzo durerà dieci anni.
  • In secondo luogo, la grafica è progettata per creare NFT aggiuntivi durante il suo tempo di esecuzione che rappresentano momenti specifici nel ciclo di vita di Bitcoin. Questi pezzi saranno di un numero limitato, solo 210. I proprietari dei nuovi 210 pezzi riceveranno anche il diritto di acquistare una stampa fisica del loro NFT.
  • In terzo luogo, il pezzo rappresenta un nuovo modello di condivisione degli utili nel mondo dell'arte. L'acquirente iniziale, Token Angels, riceve una percentuale sulle vendite degli NFT coniati secondariamente, mentre anche il suo creatore Kane ha diritto a una percentuale. Questa è una rielaborazione molto apprezzata del modello tradizionale in cui gli artisti non ricevono una quota delle vendite nei mercati secondari.

Kane ha aggiunto:

"Come allusione alla fornitura fissa di 21 milioni di Bitcoin, il collezionista riceve il 21% dei singoli NFT e delle vendite delle stampe. Verranno coniati solo 210 NFT. Speriamo che la nostra partnership, la prima tra artista e collezionista, ispiri future collaborazioni, che continueranno a innovare e rafforzare questo nuovo modello che abbiamo creato."

Kane riceve il 10% di ogni vendita secondaria di NFT. Ha anche mantenuto un gettone di proprietà che gli consente di apportare modifiche estetiche all'opera d'arte.

La vendita da record di "Right Place & Right Time" dà credito alla convinzione che la crypto art sia un mercato in rapida crescita. Inoltre, il suo approccio sperimentale ma innovativo all'arte programmabile, combinato con il suo modello di entrate all'avanguardia, dà spazio a nuovi livelli.

I critici, tuttavia, si preoccupano se il mercato dell'arte crittografica venga sopravvalutato, portandoci alla questione della valutazione dell'arte.

Valorizzare l'arte tradizionale

Il più recente rapporto Art Basel/UBS sullo stato del mercato mondiale dell'arte ha valutatoche il settore ha raggiunto l'enorme cifra di 64,1 miliardi di dollari nel 2019. Sebbene fosse diminuito del 5% rispetto all'anno precedente, il mercato ha segnato un aumento delle vendite private, favorendo le tasche dei commercianti. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Cina rimangono mercati chiave nonostante il calo delle vendite.

Il mercato dell'arte tradizionale è ampio e può essere molto redditizio. Tuttavia, la valutazione delle opere d'arte rimane un argomento alquanto oscuro. Affinché un'opera d'arte possa essere venduta, deve essergli assegnato un prezzo.

La valutazione dell'arte nel mercato dell'arte tradizionale in genere considera quattro questioni chiave:

  • Richiesta
  • Liquidità
  • Intermediari
  • Dati di mercato

La richiesta, in questo contesto, si riferisce al patrimonio dell'artista nella comunità artistica e alla domanda di opere d'arte simili. Pertanto, artisti nuovi e sconosciuti, è improbabile che vendano pezzi a prezzi elevati. Questo perché le azioni di un artista aumentano man mano che creano opere. Inoltre, anche se pezzi comparabili potrebbero funzionare bene per l'artista, a volte è dannoso in quanto la rarità o l'unicità sono una caratteristica ricercata. Anche i materiali utilizzati per creare l'opera d'arte tengono conto del fatto che alcuni mezzi sono più desiderabili di altri.

La liquidità è correlata alla domanda. Se un artista è conosciuto e rispettato, è più facile per l'acquirente rivendere il pezzo. A causa di questo fattore, solo quegli artisti che hanno domanda sono in grado di vendere pezzi per valori elevati, poiché è relativamente semplice liquidare l'opera d'arte. Dato che gli acquirenti di fascia alta in genere acquistano opere d'arte come riserva di valore, questo è un fattore importante.

I mercanti d'arte e le case d'asta svolgono un ruolo determinante nella valutazione delle opere d'arte tradizionali. Se un rinomato collezionista o commerciante d'arte accetta di prendere un artista o acquista il suo lavoro, le riserve dell'artista aumentano. È in qualche modo considerato un'approvazione del ruolo dell'artista nella scena artistica e aumenta ulteriormente il valore del loro lavoro.

Infine, i dati di mercato possono essere utilizzati per valutare le opere d'arte. Questo è spesso impiegato da case d'asta e società che si occupano di ricerche di mercato. I dati di mercato sono spesso utilizzati da parti che vorrebbero valutare legalmente le opere d'arte per sfruttarle in un altro modo finanziario, come una garanzia per un prestito.

Sebbene vi siano fattori che determinano la valutazione di un'opera d'arte, gran parte della valutazione finale è soggettiva. Si basa sulle decisioni di alcuni gatekeeper.

Nel suo libro del 2012, "The Value of Art: Money, Power, Beauty", il famoso mercante d'arte Michael Findlay ha spiegato:

“Come la valuta, il valore commerciale dell'arte si basa sull'intenzionalità collettiva. Non esiste un valore intrinseco e oggettivo (non più di quello di una banconota da cento dollari). La stipulazione e la dichiarazione umana creano e sostengono il valore commerciale.”

Questo stato di cose è ampiamente accreditato al magnate e collezionista Robert Scull che nell'ottobre 1965 vendette un certo numero di opere d'arte di artisti emergenti per molte volte l'importo per il quale le aveva acquistate. Da allora, il mercato dell'arte ha seguito una traiettoria di crescita costante con alcuni pezzi venduti per milioni.

Sfortunatamente per gli artisti, hanno diritto solo alla prima vendita e non ricevono un parte nei mercati secondari. Ad esempio, l'artista Robert Rauschenberg ha venduto la sua opera del 1958 a Robert Scull e sua moglie Ethel per 900 USD. Il pezzo, denominato Thaw, è stato successivamente rivenduto all'asta del 1965 per 85.000 USD da cui non ha ricevuto royalty.

Valorizzare la crypto art

Mentre Matt Kane ha fatto la storia con la vendita del suo pezzo, non è l'unico nome che ha fatto scalpore nel settore della crittografia. Un artista anonimo (o collettivo artistico) di nome Pak è ben considerato nella scena dell'arte cripto con i suoi pezzi che in genere vengono venduti per migliaia di dollari. Inoltre, in una vendita storica, la rinomata casa d'aste Christie's ha messo all'asta il suo primo NFT in assoluto l'8 ottobre per 130.000 USD.

fonte: christies.com

Questi eventi indicano un mercato dell'arte cripto in crescita. Tuttavia, i critici ritengono che il settore sia probabilmente rovinato dalla manipolazione dei prezzi e dal wash trading, che sopravvaluta il valore dell'opera d'arte. Inoltre, ci sono dubbi sul fatto che la provenienza supportata dalla tecnologia blockchain sia davvero importante nella scena artistica.

Il podcaster Crypto, Guy Swann, ha dichiarato :

“[...] Gli NFT sembrano per lo più inutili perché Bitcoin (e qualsiasi blockchain) non può verificare o attestare l'integrità dei dati di input umani. Qualcuno che crea l'NFT per un'immagine/opera d'arte/bene non dà assolutamente alcuna garanzia su chi l'ha creato. "

Queste sono critiche valide. Tuttavia, se vogliamo tracciare parallelismi con il mercato dell'arte tradizionale, bisogna considerare diversi livelli di qualità. Non si può paragonare un'immagine disegnata da un bambino di tre anni durante il pranzo a un dipinto creato da un artista in un periodo di settimane. Allo stesso modo, non si può paragonare un NFT di qualità e innovazione - come la creazione di Kane - con qualcuno che ha semplicemente preso uno screenshot della Gioconda e lo ha trasformato in un NFT. C'è un'ovvia disparità di qualità che influenza il valore degli NFT.

Inoltre, è possibile applicare i quattro parametri considerati nella valutazione nel mercato dell'arte tradizionale alla crypto art. Artisti come Kane e Pak sono ben considerati e quindi creano domanda.

In termini di liquidità, esistono già marketplace e piattaforme attraverso le quali gli NFT sono rare opere d'arte digitali che possono essere vendute. Gli esempi includono OpenSea , Async e Rarible . Inoltre, la finanza decentralizzata (DeFi ) consente agli utenti di sfruttare opere NFT attraverso servizi come NFTfi per accedere ai prestiti fornendo crypto art come garanzia. Dal lancio nel maggio 2020, la piattaforma ha già supportato oltre 60.000 USD in prestiti garantiti tra utenti, dimostrando che il mercato è pronto per una tale soluzione.

L'arte cripto inizia a slegarsi dalleredità della sua controparte al parametro degli intermediari. In base alla progettazione, le tecnologie basate su blockchain, almeno quelle aperte, funzionano su un modello decentralizzato che elimina gli intermediari in molti scenari in cui invece esistono nel mondo fisico. L'arte non è diversa.

Esistono piattaforme, come la già citata Async, che consentono agli artisti di creare e vendere il proprio lavoro mantenendo il controllo e la sovranità. Poiché le azioni di un artista non sono influenzate da commercianti o collezionisti fisici, potrebbe essere più facile per l'artista realizzare profitti maggiori con il proprio lavoro. Inoltre, tali piattaforme in genere offrono agli artisti royalties, commissioni e altri introiti sia sulle vendite primarie che secondarie. Questa è una netta differenza rispetto al settore artistico tradizionale.

The Quiet of Silence... Triptych (Wabi-Sabi) by Tony Corocher. Venduto per 6ETH. Questo pezzo NFT è composto da 3 strati. Ogni livello ha 6 stati che possono essere modificati dal proprietario del livello e si rifletteranno sul Master. Questo crea un totale di 216 possibili combinazioni. fonte: async.art

Anche i dati di mercato giocano un ruolo nel settore della crypto art, anche se in modo diverso. Data la natura aperta di molti mercati NFT e di opere d'arte digitali rare, è inevitabile che ci sia un comportamento senza scrupoli. Alcune piattaforme sono popolate da utenti che si impegnano in pratiche come il wash trading, il che le rende inefficienti e fraudolente per il settore in generale.

Data la natura aperta di tali piattaforme, è difficile controllare chi può partecipare. Tuttavia, queste piattaforme utilizzano il loro mercato per determinare se devono intromettersi in funzionalità che limitino tali attività. Ad esempio, Rarible ha introdotto commissioni e un token di governance per combattere il wash trading sulla sua piattaforma dopo che è stato richiamato da NonFungible.com per i suoi alti livelli di attività sospetta.

I dati di mercato aiutano a proteggere il settore cripto poiché supportano un sistema autonomo di controlli ed equilibri che può aiutare a proteggersi da attività di trading improprie.

Tuttavia, proprio come nel settore dell'arte tradizionale, la valutazione finale è veramente soggettiva. Fortunatamente, ciò che è buono per uno è buono anche per l'altro. Pertanto, si dovrebbe consentire all'arte cripto di valutare se stessa in base ai parametri visti nell'arte tradizionale, lasciando spazio alle stesse sfumature soggettive.

____

Ulteriori informazioni:

Why One Crypto Artist Won’t Call Biden Victory until Fat Lady Sings
New Initiative Rewards Artists For Bitcoin Street Art
'Largest Collaboration of Crypto Artists in History' is Set for Launch
Art + Crypto Tale Takes New Twist as Artist Tokenizes His Output