20 mar 2022 · 8 min read

Guerra Ucraina-Russia: come influenzerà Bitcoin e le Crypto?

Ucraina Russia Bitcoin
Kyiv. Fonte: Twitter/@IAPonomarenko

 

  • La stagnazione altalenante del mercato delle criptovalute al momento è il risultato di diversi fattori, e non solo della guerra Ucraina-Russia.
  • "L'instabilità politica evidenzierà ancora una volta l'obiettivo principale di bitcoin, ovvero quello di essere una rete trasparente, open-source, peer-to-peer non controllata da un singolo amministratore o da una banca centrale".
  • La continuazione della guerra potrebbe servire come catalizzatore per la transizione di bitcoin da un asset di rischio a un asset risk-off.

Sono passate più di tre settimane e la guerra Ucraina-Russia è ancora in corso, nonostante i negoziati per un possibile accordo di pace. Mentre i costi umani della guerra sono qualcosa che non potrà mai essere ripagato, la guerra ha anche avuto un impatto notevole sull'economia globale e sui mercati finanziari, compreso il mercato delle criptovalute.

Già a gennaio, gli analisti avevano previsto che il conflitto armato diretto tra Russia e Ucraina avrebbe potuto portare a perdite significative per bitcoin (BTC) e le altre criptovalute. Questo è stato confermato in una certa misura dalla guerra che ne è seguita, con il prezzo di bitcoin che inizialmente ha risposto all'invasione della Russia giovedì 24 febbraio con un calo del 7% da circa 37.500 dollari a 34.740 dollari.

Tuttavia, bitcoin ha recuperato arrivando a circa 40.600 dollari (al momento della scrittura), con figure del settore che dicono a Cryptonews.com che la guerra ha, in qualche misura, rafforzato l'idea della criptovaluta come alternativa alle valute fiat, così come le azioni. Ma, mentre alcuni dicono che la guerra in corso potrebbe aumentare il valore relativo di bitcoin, i suoi effetti a lungo termine sull'economia globale potrebbero continuare a trascinare giù il mercato delle criptovalute per qualche tempo.

Guerra, inflazione e tassi di interesse

Gli analisti tendono ad affermare che la stagnazione altalenante del mercato crypto al momento è il risultato di diversi fattori, e non solo della guerra in Ucraina.

"Gli investitori in genere si allontanano dagli asset percepiti come più rischiosi quando c'è incertezza. Ecco perché abbiamo visto le criptovalute sotto pressione durante questa guerra, nei momenti in cui le tensioni si sono intensificate", ha detto Simon Peters, analista senior di eToro.

Pur riconoscendo l'impatto della guerra sul mercato delle criptovalute, Peters suggerisce che è lo stato preesistente dell'economia globale il principale responsabile del suo declino. Egli nota anche che, storicamente, la tecnologia crypto è stata testimone di un mercato ribassista di qualche tipo ogni quattro anni circa, con l'ultimo nel 2018.

"L'alta inflazione e il rallentamento della crescita nelle economie sviluppate come gli Stati Uniti potrebbero pesare anche sul sentimento di mercato, dato che gli investitori cercano chiarezza dalle banche centrali su quali decisioni politiche saranno prese per combatterle", ha detto Peters a Cryptonews.com.

Questo è più o meno il punto di vista degli analisti, con Mike McGlone di Bloomberg Intelligence che suggerisce anche che il mercato crypto ha bisogno di un po' di tempo per raffreddarsi dopo essere esploso "nel mezzo di una frenesia speculativa e inflazionistica globale" l'anno scorso.

"Il declino delle criptovalute fa parte delle maree ribassiste e il mercato azionario statunitense è un bene primario a rischio di "inversione", in particolare perché il mercato affronta le banche centrali concentrate sulla riduzione dell'inflazione. Gli asset che hanno avuto un rally eccessivo sono a maggior rischio di inversione", ha detto a Cryptonews.com, prima di suggerire che le altcoin sono a maggior rischio di bitcoin.

Di nuovo, la maggior parte degli analisti sottolineano il fatto che bitcoin e le altre criptovalute sembrano essere correlate ai mercati azionari al momento, il che significa che scendono per gli stessi motivi per cui scendono le azioni.

"Le banche e le altre istituzioni finanziarie trattano bitcoin e le criptovalute come degli "asset di rischio", il che significa che i possessori tendono a vendere quando sono nervosi per l'economia". Il conflitto in Ucraina ha pesato molto sui mercati azionari per diverse settimane, e i mercati delle criptovalute sono scesi con loro", ha detto l'analista Glen Goodman, autore di The Crypto Trader.

Cosa succede se la guerra continua per mesi?

Con la guerra che dura da quasi un mese, si pone la domanda su come potrebbe compromettere i mercati globali, comprese le criptovalute. Poiché il conflitto ha mandato i prezzi del petrolio e del gas a nuovi massimi, questo ha inevitabilmente un effetto a catena sull'inflazione e sui prezzi degli asset.

"Il conflitto in Ucraina sarebbe normalmente classificato come una piccola guerra, ma gli effetti delle sanzioni sulla Russia potrebbero avere un impatto più grave sull'economia globale. Poiché la criptovaluta segue da vicino le azioni, subisce l'impatto di queste pressioni di recessione", ha detto Glen Goodman.

Ma mentre gli analisti si aspettano che la guerra continui a pesare sulle azioni per tutto il tempo che durerà, alcuni dicono che potrebbe avere effetti positivi su bitcoin.

"Ciò che è importante in tutto questo è che l'instabilità politica metterà ancora una volta in evidenza l'obiettivo principale di bitcoin, ovvero quello di essere una rete trasparente, open-source, peer-to-peer non controllata da un singolo amministratore o da una banca centrale. Questo significa che anche se le banche sono chiuse e le valute locali cadono in valore durante i periodi di instabilità, i cittadini avranno ancora accesso al capitale attraverso la tecnologia crypto", ha detto Simon Peters.

Questa analisi è supportata dall'impennata di transazioni crypto in Ucraina e Russia, alimentata dalle restrizioni sui prelievi (in Ucraina) e anche dall'inflazione (in Russia).

Se la guerra si dovesse intensificare, alcuni analisti sospettano che potrebbe seguirne una recessione, che in realtà potrebbe finire per giocare a favore di bitcoin.

"La guerra probabilmente inclinerà il mondo verso la recessione e mi aspetto una normale inversione dei prezzi del greggio fino ai 50 dollari al barile, insieme al crollo dell'economia russa e alle relative forze deflazionistiche, che dovrebbero aumentare il valore di bitcoin. La criptovaluta è sulla buona strada per diventare il punto di riferimento globale delle valute digitali in un mondo che sta diventando sempre più digitale", ha detto Mike McGlone. 

Russia e Ucraina - Bitcoin e le altre crypto come soluzione alternativa

Probabilmente, più a lungo dura la guerra in Ucraina, più la gente sarà costretta a usare bitcoin e le altre criptovalute. Questo si è già in parte concretizzato nel fatto che il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelenskyy ha recentemente firmato una nuova legge che concede legittimità alle criptovalute, permettendo agli exchange di operare legalmente e riconoscendo il diritto ai cittadini di detenere la loro ricchezza sotto forma di crypto.

"Penso che la descrizione di bitcoin quale rete di pagamento aperta e che non richiede permessi sia stata certamente rafforzata, nel bene e nel male", ha detto Simon Peters.

"'Bene' nel senso che con i sistemi finanziari tradizionali che stanno diventando meno efficaci o che vengono congelati completamente, la tecnologia crypto fornisce un modo per essere in grado di spostare ancora il capitale e di effettuare transazioni, e anche potenzialmente un mezzo per proteggere la ricchezza nel momento in cui la valuta nazionale si sta significativamente svalutando".

Tuttavia, con i timori che la Russia e i suoi oligarchi possano tentare di eludere le sanzioni attraverso la tecnologia crypto, Peters ammette anche che questa narrazione ha un lato "negativo", in quanto una rete di pagamenti aperta e senza bisogno di permessi potrebbe teoricamente rendere le punizioni economiche meno efficaci. Detto questo, afferma che Bitcoin è fondamentalmente neutrale, mentre vale anche la pena sottolineare che la sua blockchain è completamente pubblica e trasparente.

Per Mike McGlone, il proseguimento della guerra potrebbe servire da catalizzatore per quello che si aspetta sarà la transizione di bitcoin, da un asset risk-on a uno risk-off. Come indicazione di ciò, cita la relativa sovraperformance nel 2022 di Bitcoin rispetto all'indice azionario NASDAQ 100, facendo notare che l'indice è sceso di circa il 19% contro il 15% della criptovaluta al 14 marzo, nonostante il trading di criptovalute abbia circa 3 volte la volatilità del Nasdaq.

"Una volta che il polverone si sarà assestato sull'atteso processo di "mean reversion" nel mercato azionario, di fronte alla guerra e alla moderazione della Federal Reserve bitcoin dovrebbe uscirne in vantaggio", ha detto.

Naturalmente nella guerra - proprio come nel mercato delle criptovalute - non è facile fare previsioni esatte, quindi non si sa quanto questa guerra in Europa durerà e quanto gravemente impatterà le criptovalute. Detto questo, la capitalizzazione totale di mercato è attualmente più alta di quando le forze russe hanno invaso l'Ucraina il 24 febbraio.

Ma ancora una volta, i costi umani della guerra sono qualcosa che non potrà mai essere ripagato.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più: 
- Ucraina lancia una raccolta fondi crypto con l'exchange FTX

- Sanzioni russe: più paesi potrebbero considerare le CBDC
- La guerra in Ucraina solleva interrogativi sul ruolo di BTC
- Freezing Russian Reserve Assets Marks End of Monetary Regime; Gold, Bitcoin to Rise – Arthur Hayes
- Sanzioni: i paesi potrebbero passare alle riserve di Bitcoin

- Bitcoin e la crisi ucraina
- What Can We Learn from Canadian Crypto Freeze as War in Europe Rages On?

- Market cap dei token garantiti dall'oro supera 1 mrd USD
- La guerra in Ucraina e l'impatto sui mercati finanziari
- Could the Ukraine Invasion Spark a Global Financial Crisis?