11 giugno 2021 · 8 min read

Capire cosa ha convertito il presidente di El Salvador Bukele al Bitcoin

È il 3 febbraio 2019 e i media di tutto il mondo riportano che Nayib Bukele, "il Donald Trump latinoamericano", è appena salito al potere nelle elezioni presidenziali di El Salvador. Si scopre però che questo è un resoconto piuttosto pigro: Sì, Bukele è un populista di destra. Ma presto si scoprirà che in questo ex sindaco di San Salvador, che ha abbandonato il college, ha fatto il venditore di automobili ed è poi diventato presidente, c'è molto di più di quanto molti pensassero.

Nayib Bukele. Fonte: uno screenshot, Instagram/nayibbukele

Pochi immagineranno, ad esempio, che sarà l'autore della prima legge al mondo a rendere bitcoin (BTC) una valuta a corso legale.

Diego Sánchez-Ancochea, Capo del Dipartimento di Sviluppo Internazionale dell'Università di Oxford, ha dichiarato a Cryptonews.com,

"L'elezione di Bukele è il risultato dell'insoddisfazione della popolazione all'incapacità dei partiti tradizionali di promuovere l'equità e lo sviluppo umano per la maggioranza della popolazione".

E nonostante "alcuni miglioramenti" sotto due dei predecessori di Bukele, Sánchez-Ancochea ha aggiunto che "la crescita economica è rimasta bassa, la dipendenza dalle rimesse elevata e la concentrazione del reddito significativa".

“Bukele ha promesso un nuovo modo di fare politica anche se non è mai stato chiaro quale modello economico avrebbe promosso”, ha detto.

Bukele (39) si è opposto al sistema vincendo le elezioni nel 2019, ma lo ha fatto grazie all'ondata di approvazione pubblica per i suoi ideali. El Salvador e l'economia salvadoregna sono stati dominati (e terrorizzati) da bande violente per decenni, con omicidi e corruzione politica all'ordine del giorno. Bukele ha promesso di farla finita. E ha scoperto rapidamente le sue carte.

Nel 2020, il media El Faro ha riferito che il presidente ha "negoziato" con i leader (incarcerati) di famigerate bande come Mara Salvatrucha (MS-13) nel tentativo di ridurre il tasso di omicidi. Nel 2012, una tregua tra bande è crollata, portando il caos nelle strade negli anni precedenti l'elezione di Bukele. Il media aveva accusato Bukele di aver negoziato con la banda in cambio della pace per le strade.

I paralleli con Trump non sono del tutto privi di fondamento: Bukele, come Trump, preferisce parlare su Twitter, e spesso in inglese, così il mondo occidentale può capirlo forte e chiaro, come hanno recentemente appreso i bitcoiner.

In risposta alle accuse, Bukele ha pubblicato una serie di foto che mostrano prigioni anguste, con prigionieri a torso nudo ammanettati e schiacciati l'uno contro l'altro in quelle che la BBC ha definito "condizioni antigieniche" al culmine della pandemia di coronavirus. Gli osservatori, parlando con l'Americas Quarterly, hanno etichettato la mossa come una "scioccante" dimostrazione di "tattiche da uomo forzuto".

Su Twitter ha scritto:

"Mostrami un privilegio [che ho concesso alle gang], solo uno."

Negli Stati Uniti, i membri Democratici della Commissione per gli Affari Esteri della Camera a Washington hanno scritto a Bukele per esprimere il loro "allarme" e per quella che hanno definito una risposta "estremamente preoccupante".

I semi di un'imminente frattura tra Bukele e la Washington di Joe Biden erano già stati seminati.

Passando velocemente a febbraio di quest'anno la situazione sembrava essere peggiorata.

"L'amministrazione Biden ha rifiutato una richiesta di incontro con il presidente di El Salvador", ha riferito il media AP. In precedenza, i dettagli di uno sfortunato accordo di lobbying con Robert Stryk, "uno dei lobbisti di maggior successo durante la presidenza Trump", sono stati esposti dallo stesso media.

Ad aprile, Bukele ha restituito l'offesa, con AP che ha riferito che Bukele aveva "snobbato" un incontro con Ricardo Zuniga, l'inviato dell'amministrazione Biden nella regione.

A marzo, le politiche di Bukele hanno ottenuto un enorme successo da parte del pubblico, che ha votato in modo schiacciante a favore del suo Nuevas Ideas Party alle elezioni legislative, garantendo al partito 56 seggi su 84 in parlamento.

Il più grande partito di opposizione, ARENA, ne ha solo 14. Una sfilza di nuovi parlamentari ha preso la parola. Sono tutti giovani, travolgenti, ambiziosi, carismatici, e quasi totalmente inesperti in politica. Come Bukele, sono bravi con la tecnologia ed hanno un profilo completamente diverso dai politici che hanno dominato la scena fino a poco tempo fa. Uno di loro ha solo 25 anni, l'età legale più bassa per un deputato salvadoregno.

A maggio, il rapporto tra San Salvador e Washington sembrava sull'orlo del collasso totale. Reuters ha riferito che l'Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) aveva deciso di interrompere la concessione di aiuti alla polizia nazionale di El Salvador e ad un istituto di informazione pubblico e aveva deciso invece di "reindirizzare i finanziamenti ai gruppi della società civile". Questo è successo dopo che Bukele si era mosso per "cacciare" il procuratore generale della nazione e un certo numero di giudici, che secondo quanto riferito sono stati sostituiti dagli alleati di Nuevas Ideas.

L'USAID si è detta "profondamente preoccupata", ma a Bukele non sembrava importare.

Con Washington che si è inasprita nei suoi confronti, Pechino si è apparentemente precipitata dalla sua parte, con un finanziamento in investimenti pubblici per un valore di 500 milioni di dollari, sempre secondo Reuters. Il paese ha anche utilizzato il vaccino cinese Sinopharm come parte del suo progetto di immunizzazione del coronavirus.

Solo una cosa ha trattenuto Bukele da una scissione totale dagli Stati Uniti: la dollarizzazione. Quando il paese ha adottato l'USD come valuta ufficiale nel 2001, ha effettivamente ceduto il controllo sulla sua politica monetaria, un fattore che finora ha legato Bukele a Washington, che gli piaccia o no. E qui entra in scena il Bitcoin.

Scappare dal biglietto verde

Durante la recente sessione live di Bukele con la comunità cripto, il partner di Castle Island Ventures Nic Carter ha chiesto in modo diretto al presidente se l'adozione di BTC come moneta a corso legale fosse "l'inizio della de-dollarizzazione" (e se la sua mossa fosse "motivata da timori di inflazione nel dollaro”).

La risposta del presidente è stata "no".

Bukele e il suo governo hanno voluto sottolineare che il dollaro statunitense rimarrà a corso legale. Ma fornire un'alternativa al biglietto verde è già un enorme passo avanti nella lotta per riconquistare il controllo della sua economia.

La legge su bitcoin potrebbe non essere una strategia di de-dollarizzazione per chiudere la partita, ma è sicuramente una mossa interessante a metà partita. Attrarre alcuni dei giocatori tecnologici più influenti del mondo per affermarsi nella nazione sarebbe un altro.

Frances Coppola, una commentatrice finanziaria britannica, ha scritto su Twitter,

“L'adozione di BTC offre potenzialmente a El Salvador il legame con la valuta forte e la disciplina monetaria di cui ha bisogno, rompendo al contempo la sua dipendenza dalla politica monetaria e fiscale dagli Stati Uniti. Non è una sovranità monetaria totale, ma è un miglioramento della situazione attuale».

Ma ha affermato che per far funzionare tutto questo, Bukele ha bisogno che le aziende e le società del paese "utilizzino" le sue nuove politiche.

“El Salvador dovrà attirare BTC nel paese per accumulare riserve. […] Sembra che il presidente stia cercando di attirare i pesci grossi, che è una strategia ragionevole, ma il paese dovrà anche sviluppare industrie di esportazione basate su BTC, altrimenti i soldi saranno molto, molto limitati”, ha scritto Coppola.

In effetti, Bukele e i suoi alleati sembrano eccezionalmente desiderosi di convincere gli imprenditori cripto esteri a trasferirsi in El Salvador e hanno iniziato a offrire assistenza per la residenza accelerata e agevolazioni fiscali come incentivi. Inoltre, il paese potrebbe diventare un altro hotspot per i miner di Bitcoin.

Pedro Mendes Loureiro, docente di studi latinoamericani e direttore dei dottorati di ricerca presso il Center of Latin American Studies dell'Università di Cambridge, ha dichiarato a Cryptonews.com che "parte" del ragionamento alla base della mossa di Bukele "è legato al suo profilo giovane e orientato alla tecnologia."

Ha aggiunto che "Bukele è stato eletto in gran parte come presidente anti-istituzione" il quale è "giovane ed esperto di tecnologia" ed ha "un severo programma anti-crimine" - e nonostante le accuse di autoritarismo, di violazioni dei diritti umani e persino di consentire massacri nelle carceri, si è dimostrato "uno dei migliori presidenti nell'affrontare il COVID-19 nella regione dell'America Latina".

Mendes Loureiro ha anche aggiunto che "parte del" ragionamento di Bukele "è innegabilmente legato al grande ruolo che le rimesse dagli Stati Uniti - lavoratori migranti negli Stati Uniti che inviano denaro alle famiglie in El Salvador - stimate intorno al 20% del PIL, giocano un importante ruolo nell'economia."

Le rimesse rappresentano il 23% del PIL di El Salvador e ne beneficiano circa 360.000 famiglie, secondo i dati AP. Il denaro inviato a casa in El Salvador dai migranti ha raggiunto un record di 5,92 miliardi di dollari nel 2020.

Loureiro ha detto:

“Bitcoin può, potenzialmente, facilitare queste rimesse. I costi di transazione di Bitcoin per gli acquisti quotidiani, tuttavia, potrebbero essere proibitivi, quindi con ogni probabilità, la sua introduzione è prevista per transazioni su larga scala".

L'economista Luis Hasburn sembrava essere d'accordo. Ha detto che l'accelerazione della spesa pubblica sotto il regime di Bukele ha visto una spirale del debito, aggiungendo che “i salvadoregni all'estero inviano a casa 4 miliardi di dollari in rimesse all'anno. E [Bukele] vuole accedere a questi fondi".

Nel frattempo, Sánchez-Ancochea ha dichiarato:

“Bukele ha sostenuto che [la nuova legge] darà più accesso ai servizi finanziari ai poveri, ma questo argomentazione non ha senso. Mi chiedo se questa sia più una mossa pubblicitaria che altro e se in realtà avrà implicazioni politiche limitate”.

All'interno del paese, gli esperti finanziari hanno espresso dubbi.

Secondo il media ElSalvador.com, l'economista e conduttore di talk show Luis Membreño ha affermato che obbligando i commercianti ad accettare pagamenti in BTC, il governo "sta limitando la libertà economica" e ha affermato che "la volatilità del bitcoin sta per introdurre una distorsione macroeconomica nazionale."

Un altro economo ha affermato nello stesso pezzo che la mossa aveva messo El Salvador "in prima linea nell'irresponsabilità, non nella tecnologia".

Ma l'autore di un articolo editoriale sul Diario El Mundo ha affermato che sebbene non fosse priva di "rischio", la mossa era comunque "audace" e ha concluso affermando:

“La verità è che c'è una crescente accettazione di [cripto] nel mondo e in El Salvador. […] Per ora, è chiaro che [BTC] non sostituirà il dollaro e questo darà tranquillità alle persone”.

___
Per saperne di più:
- IMF Not Happy About El Salvador Bitcoin Move
- El Salvador Brings New Global Puzzle - What Is Bitcoin & How To Tax It?

- More Latin American MPs Push for Bitcoin Laws – Including a Gov’t Vice Minister
- Latin American MPs Widen Overton Window For Bitcoin