30 lug 2022 · 5 min read

Gli Stati Uniti sono in recessione?

 

Recessione
Fonte: Adobe/Jon

L'economia statunitense si è ridotta a un tasso annuo dello 0,9% da aprile a giugno, secondo le stime del Bureau of Economic Analysis il 28 luglio 2022. Segue una contrazione del prodotto interno lordo dell'1,6% registrata nel primo trimestre dell'anno.

Alcuni osservatori suggeriscono che i due trimestri di contrazione costituiscano una "recessione tecnica" o l'"inizio non ufficiale" di una recessione, mentre altri suggeriscono che almeno solleva timori o segnali che è in arrivo. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell apparentemente la pensa diversamente. Il 27 luglio, dopo aver aumentato i tassi di interesse di 0,75 punti percentuali, Powell ha detto ai giornalisti: "è un'economia forte e nulla suggerisce che sia vicina o vulnerabile a una recessione".

Confuso sul fatto che gli Stati Uniti siano in recessione o come capire quando lo saranno? Se lo siete, unitevi al club.

The Conversation US ha chiesto a Brian Blank, un economista finanziario della Mississippi State University, di spiegare cosa sta succedendo nell'economia e quali fattori determinano se è in recessione.

Cosa ci dice l'ultimo rapporto sul PIL?
 

L'economia è davvero difficile da definire in questo momento.

In primo luogo, la domanda di cui tutti parlano ora è la pubblicazione del rapporto sul prodotto interno lordo, tutt'altro che impressionante, che ha mostrato una contrazione dopo l'adeguamento per l'inflazione.

Alcuni aspetti del rapporto sono stati positivi, come il fatto che i consumi – quanto le persone stanno acquistando – sono ancora leggermente aumentati e gli investimenti fissi delle imprese – quanto le aziende spendono per macchine e fabbriche – sono rimasti invariati, evitando il calo precedentemente previsto.

Per quanto riguarda alcune delle notizie più negative, gli investimenti in alloggi residenziali e immobili sono diminuiti del 14%, il che ha senso visto quanto erano aumentati da quando la pandemia ha sconvolto il mercato immobiliare. Inoltre, un calo degli investimenti in scorte private, una misura di quanto le aziende hanno prodotto ma non ancora venduto, ha forse avuto l'impatto maggiore sui dati negativi del secondo trimestre. Mentre le riduzioni delle scorte possono essere un segno di forza dalla vendita di prodotti, il calo ha ridotto il PIL complessivo di oltre 2 punti percentuali.

Nel complesso significa che l'economia statunitense si è tecnicamente ridotta per due trimestri consecutivi, motivo per cui molti più economisti, giornalisti e altri usano la temuta parola "R": recessione.

 

Che cos'è una recessione?

Due trimestri consecutivi di contrazione sono l'abbreviazione che i giornalisti e molti altri usano per descrivere una recessione.

Negli Stati Uniti, tuttavia, l'economia viene considerata ufficialmente in recessione solo dopo che il National Bureau of Economic Research, un'organizzazione senza scopo di lucro e apartitica, lo dichiara.

L'ufficio definisce una recessione come un "declino significativo dell'attività economica che si diffonde in tutta l'economia e dura più di pochi mesi". Il suo comitato di datazione del ciclo economico, composto da otto professori di economia, si riunisce per determinare quando iniziano e finiscono le recessioni. Utilizza tre criteri chiave:

1) Quanto velocemente l'economia si sta contraendo. 2) Quanti aspetti dell'economia sono in declino. 3) Per quanto tempo l'economia si contrae.

Il NBER definisce le recessioni come il tempo tra il punto in cui l'economia smette di crescere – il picco – e il punto in cui ricomincia a crescere – il minimo.

recessione

Le aziende stanno investendo meno nelle scorte, poiché l'inflazione elevata rallenta la spesa dei consumatori. AP Foto/Andres Kudacki

 

Gli Stati Uniti sono in recessione ?
 

Le recessioni sono complicate da identificare, dato che l'economia è grande e ha molte parti. Attualmente, alcune parti dell'economia statunitense, come il mercato del lavoro, stanno crescendo rapidamente, mentre altre, come l'edilizia abitativa, stanno rallentando.

Sebbene due trimestri di contrazione economica coincidano tipicamente con una recessione, in genere non coinvolgono nemmeno la crescita di posti di lavoro che l'economia statunitense ha visto quest'anno. Le recessioni si verificano raramente quando la disoccupazione – che attualmente è al minimo di circa mezzo secolo del 3,6% – sta diminuendo. L'economia in genere non è in recessione se quasi tutti coloro che vogliono un lavoro ne hanno uno.

Inoltre, le recessioni di solito comportano cali del reddito interno lordo reale, che è simile al PIL ma invece misura specificamente il reddito e i costi relativi alla produzione. In teoria dovrebbero muoversi più o meno in tandem, ma il reddito interno lordo continua a crescere.

Un'altra misura della crescita è il reddito personale, che è cresciuto per la maggior parte dell'anno ed è aumentato più velocemente della spesa a maggio. La Fed osserva attentamente questa metrica a causa della sua capacità predittiva, così come il National Bureau of Economic Research, oltre alla disoccupazione.

A mio modesto parere, credo che Powell abbia ragione. L'economia non sembra essere in recessione al momento, vista la forza del mercato del lavoro. Dal momento che 2,7 milioni di persone in più hanno un lavoro ora rispetto alla fine dello scorso anno, una misura chiave dell'economia è ancora in crescita.

Powell ha detto ai giornalisti: "Ci sono troppe aree dell'economia che stanno andando troppo bene". "Non ha senso che l'economia sia in recessione con questo genere di cose che stanno accadendo".

Detto questo, Powell e la Fed stanno facendo del loro meglio per frenare l'impennata dell'inflazione rallentando l'economia - e ci sono preoccupazioni che ciò possa indurre una recessione. Se vuoi un segnale forte per dire se ciò potrebbe accadere, considera gli investimenti residenziali come percentuale del PIL. L'investimento residenziale è quanto le persone spendono per nuove case e lavori di ristrutturazione. In questo momento è piatto, ma quando inizia a diminuire, di solito è in arrivo una recessione.

Il 2021 ha vantato una delle migliori economie statunitensi degli ultimi decenni, quindi forse gli americani possono accettare un 2022 così così. In un certo senso, un'economia che non sta crescendo troppo velocemente potrebbe anche significare un'economia che sta tenendo sotto controllo l'inflazione, il che suggerisce che a volte le notizie non proprio eccellenti sono in realtà buone notizia. 

_____

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.
_______

D. Brian Blank, assistente professore di finanza, Mississippi State University.

_____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

______


Per saperne di più:
- US Fed Fires Another 75 Basis Points Rate Hike at Record Inflation, Bitcoin & Ethereum Jump
- Inflation Is 2022’s Boogeyman

- European Central Bank Raises Rates for the First Time in 11 Years
- Pandemic is the Biggest Threat to Markets in the Next Decade - FTX CEO

- We Now Understand How Little We Understand About Inflation – Fed’s Powell
- Surveyed Central Bank Reserves Managers Say Inflation is Not ‘Transitory’, Likely to Remain High

- Bitcoin Better at Tackling Rate Hikes than Ethereum, Stocks - Report
- As inflation ‘Mellows Out’, a Bottom in Crypto is Likely in ‘The Back Half of 2022’ – VC Investor