Home In EsclusivaIn Primo Piano

Guerra Per il Controllo del Denaro: come possono i governi rispondere alle criptovalute?

Di Simon Chandler
  • "I governi proveranno a centralizzare le cripto."
  • "È come guardare l'industria dei taxi che prova a rispondere a Uber."
Guerra Per il Controllo del Denaro: come possono i governi rispondere alle criptovalute? 101
Source: iStock/duncan1890

I governi non sono mai stati dei grandi fan delle cripto. Sicuramente, qualche strano ministro delle finance e presidente ha elogiato la tecnologia blockchain o anche le stesse criptovalute in rare occasioni, ma in generale l'umore generale è stato di sospetto e persino totale ostilità.

E ora, con Facebook che entra nel settore con la sua stablecoin Libra, questa opposizione a malapena nascosta alle criptovalute si è manifestata pienamente, in vari modi. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump apertamente ha criticato Bitcoin e Libra a luglio, mentre diversi governi hanno già iniziato a flirtare con idee come divieti alle criptovalute e monete digitali delle banche centrali.

Entrambe queste potenziali risposte vengono concepite come un mezzo per castrare la minaccia rappresentata dalle valute decentralizzate o private, come Libra, ai monopoli dei governi sul denaro. Ma come segnalano numerosi esperti di criptovaluta, è probabile che "migliorare la valuta fiat" non sarà di per sé sufficiente a ridurre questa minaccia, dato che il principale vantaggio della criptovaluta è il suo divorzio da governi, banche centrali e altre istituzioni centralizzate.

Paura e inutilità di vietare le criptovalute

I governi adorano vietare le cose. Bitcoin e criptovaluta non fanno eccezione, come dimostrato dal loro divieto totale o parziale nei seguenti paesi: Afghanistan, Pakistan, Algeria, Bolivia, Bangladesh, The Republic of Macedonia, Saudi Arabia, Vanuatu, e Vietnam (tutti con divieti completi); China, India, Ecuador, Indonesia, Morocco, Zambia, Nepal, Egypt, American Samoa, e Qatar (tutti con divieti o restrizioni parziali).

Tuttavia, per quanto diversi governi siano stati innegabilmente felici negli ultimi anni, è chiaro che vietare le criptovalute non è in realtà un modo fattibile per ridurre la minaccia che rappresentano per il monopolio governativo sul denaro.

"Alcuni governi hanno cercato di vietare le criptovalute, ma ciò non ha impedito alle persone di usarle e di espandersi nel settore", Iqbal V. Gandham, amministratore delegato di eToro UK – dice a Cryptonews.com.

"Se la gente vuole usare questi token, ci sono pochi governi che possono fare qualcosa per impedirlo. Sarebbe come cercare di vietare Internet."

Questa "inarrestabilità" è una grande parte del motivo per cui i governi hanno paura delle criptovalute. E ora, l'emergere della stablecoin Libra di Facebook ha sollevato lo spettro di una valuta privata che possa diventare un vero rivale delle valute legali nazionali, come spiegato a Cryptonews.com da Glen Goodman, l'autore di The Crypto Trader.

"Libra di Facebook è la prima criptovaluta che spaventa davvero i grandi governi, anche se non esiste ancora", afferma. "Donald Trump lo ha riassunto in un tweet, quando ha criticato Bitcoin e Libra, dicendo che il dollaro sarà 'SEMPRE' la valuta dominante del mondo. Sa che gli Stati Uniti traggono importanti benefici economici da quella posizione e senza dubbio farà di tutto per proteggerla dai pretendenti al trono della valuta".

Digitalizzare le valute fiat

Quindi i governi hanno paura delle criptovalute e non possono vietarle con successo (perlomeno non le monete decentralizzate). Quindi cosa possono fare?

Bene, possono provare a creare le proprie valute digitali (CBDC) della banca centrale e/o digitalizzare le valute fiat esistenti.

"I governi proveranno a centralizzare [le cripto], "predice il consulente cripto Sydney Ifergan" e, allo stesso tempo, le trasformeranno a loro vantaggio."

Questo è già successo nel famigerato caso del Venezuela con il Petro, mentre altri quali Cina, Svezia, Ucraina e Uruguay hanno fatto ricerche o pianificato i propri CBDC. Si vocifera che faranno mosse simili anche Iran e Russia, apparentemente in vista di evadere le sanzioni Americane.

Inoltre, la Federal Reserve degli Stati Uniti ha recentemente rivelato piani per creare un sistema di pagamento nazionale guidato dalla banca centrale negli Stati Uniti, rendendolo più veloce ed efficiente, e potenzialmente superiore a Bitcoin e altre criptovalute in termini di prestazioni.

Ma sarebbe meglio?

La domanda è: anche se le principali nazioni lanciano le proprie criptovalute centralizzate o nuovi sistemi di pagamento digitali, saranno sufficienti le sole prestazioni superiori a neutralizzare la minaccia rappresentata dalle criptovalute alla sovranità monetaria nazionale?

Bene, per cominciare, non è nemmeno chiaro se un CBDC o un sistema di pagamento sostenuto dalla banca centrale possa essere tecnicamente superiore alle principali criptovalute. E come spiega l'autore sulle criptovalute Mark Jeffrey, lo sviluppo di tali progetti sarà rallentato dalla natura centralizzata e ingombrante delle organizzazioni che li guidano.

"Di recente, la Federal Reserve ha annunciato un sistema di pagamento in tempo reale chiamato "FedNow". Tuttavia, "FedNow" non sarà disponibile fino al 2023: ridicolmente lontano nel futuro", dice a Cryptonews.com.

“È come guardare l'industria dei taxi che tenta di rispondere a Uber: i tentativi sono a metà tra comici e tristi. La Federal Reserve non è mai stata costretta a innovare e competere: non hanno assolutamente idea di come farlo."

Più fatalmente, c'è anche la loro mancanza di decentralizzazione, che rappresenta il principale punto di forza delle vere criptovalute.

"Asset cripto come Bitcoin non esistono per la digitalizzazione del denaro", afferma Iqbal Gandham." L'intera ragione per cui il Bitcoin è stato creato è stata la sua capacità di aggirare le istituzioni finanziarie, come le banche, e le autorità emittenti, come i governi, nel tentativo di creare una valuta senza confini e decentralizzata."

“Semplicemente tokenizzare una valuta fiat tradizionale in modo che possa essere scambiata sulla blockchain non metterà in discussione la premessa con cui sono stati creati i criptoasset, incluso Bitcoin."

È per questo motivo che le cripto hanno un vantaggio rispetto ai CBDC o ai sistemi di pagamento in tempo reale per fiat. Sì, potrebbero potenzialmente finire per essere più veloci di molte criptovalute, ma una relativa mancanza di velocità non ha impedito a Bitcoin di guadagnare trazione negli ultimi anni, ad esempio, nonostante il fatto che il network di Visa fosse e sia ancora più veloce della sua blockchain.

Se la società dovesse iniziare a valutare la libertà monetaria più della velocità (che è davvero un problema tecnico risolvibile) e la volatilità dei prezzi diminuisse con la maturità del mercato, il tradizionale sistema monetario fiat potrebbe affrontare alcune seri dubbi sul suo futuro.

Più Articoli