20 nov 2021 · 5 min read

Quale sarà il controllo di Facebook sul Metaverso?

Meta
Fonte: Adobe/Valeriya Zankovych

Nel bel mezzo degli scandali relativi a Facebook, Facebook ha rinominato la società in Meta. Il nuovo nome è stato progettato per riflettere un obbiettivo al di là della piattaforma di social network Facebook e nel metaverso, ovvero l'estensione di Internet in spazi di realtà virtuale (VR) tridimensionali.

Tuttavia, data la gestione – o la cattiva gestione – da parte di Facebook delle loro attuali responsabilità sociali, dovremmo essere cauti su quanto controllo dovrebbe avere una singola azienda sul potenziale metaverso. Abbiamo l'opportunità di essere proattivi per quanto riguarda la costruzione di mondi sociali all'interno della realtà virtuale, piuttosto che lo stato reattivo in cui ci troviamo, rispetto agli attuali prodotti social di Meta.

Facebook

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha annunciato, durante un evento virtuale nell'ottobre 2021, il cambio di nome e le sue ambizioni per un metaverso per affari, intrattenimento e interazioni sociali. (AP Photo/Eric Risberg)

Come studioso che esplora l'interazione sociale all'interno degli spazi di realtà virtuale, sono preoccupato per il controllo del metaverso da parte di Facebook. Queste preoccupazioni hanno guidato le mie decisioni quando ho tenuto corsi all'interno di aule VR come parte del laboratorio VARC, presso la DePaul University, e quando ho istituito un programma di ricerca sulla realtà virtuale, presso l'Istituto per la comunicazione, la cultura, l'informazione e la tecnologia dell'Università di Toronto Mississauga.

Dovremmo tutti preoccuparci di come Facebook potrebbe e utilizzerà i dati raccolti all'interno del metaverso.

Preoccupazioni per il Metaverso di Facebook

Quando Facebook è stato sviluppato per la prima volta, faceva parte di una raccolta di siti Web di social network considerati una parte frivola della vita sociale. Inizialmente, la funzione principale del sito sembrava essere quella di poter tenere il passo con ciò che il tuo compagno di stanza del college stava mangiando a pranzo. Tuttavia, nel tempo, il sito si è evoluto fino a diventare un luogo in cui le persone potevano mantenere ampie fasce di connessioni sociali, impegnarsi in gruppi comunitari, accedere al supporto sociale e condividere informazioni politiche (e disinformazione) con un vasto pubblico in rete.

Facebook ha capitalizzato su una componente chiave dell'umanità: le interazioni sociali, che costituiscono il tessuto della nostra vita quotidiana. Tuttavia, man mano che il sito si evolveva, divenne chiaro che coloro che erano in grado di considerare come potesse cambiare radicalmente il modo in cui la nostra società si impegnava l'uno con l'altro non lo prendevano sul serio, lo consideravano una moda passeggera e lo usavano per la sorveglianza dei cittadini. C'è stato un fallimento nella gestione e regolamentazione del modello di business sottostante dei siti di social network.

Siamo pronti a ripetere gli stessi errori con la realtà virtuale. L'attuale applicazione primaria della realtà virtuale sono i giochi, che spesso non vengono presi sul serio dai responsabili politici, se non come capro espiatorio per comportamenti violenti. L'industria ei suoi consumatori possono a volte sembrare un parco giochi per dilettanti.

Metaverso

La realtà virtuale offre nuovi spazi per le interazioni sociali. (Lucrezia Carnelos/Unsplash),CC BY

Visione del metaverso di Facebook

Il futuro promesso dai leader del settore a volte può sembrare poco più che un imbroglio. La realtà virtuale rappresenta un modo per interagire e comunicare attraverso località geografiche, in modo più incarnato. I problemi hardware e software della realtà virtuale vengono continuamente affrontati con soluzioni ingegnerizzate sofisticate. La realtà virtuale potrebbe essere il prossimo grande progresso nell'interazione sociale. Facebook la pensa sicuramente così.

Nella visione del metaverso di Facebook, elenca un sistema onnicomprensivo: c'è Horizon Home per le interazioni sociali, Quest for Business in sostituzione del telefono e delle videoconferenze. Le palestre diventano applicazioni per il fitness, l'intrattenimento è fornito da giochi e ci sono contenuti educativi immersivi. A tutto questo possono accedere gli utenti tramite il visore Oculus.

Sono stato riluttante a ordinare i prodotti Oculus che richiedono un account Facebook, perché ho serie preoccupazioni nel richiedere ai miei studenti di firmare i propri dati. Ho preoccupazioni etiche sulla perdita del controllo dei dati, quando si utilizza la realtà virtuale nella ricerca.

Mentre il visore Oculus potrebbe non richiedere più un account Facebook, Facebook sembra ancora impegnato in un modello di visore per un utente/un modello.

Dati degli utenti di Facebook

Il collegamento di Oculus a un account Facebook consente a Facebook di considerare l'interazione che si verifica all'interno di un visore come dati di un singolo utente. I dati degli utenti, inclusi gli utenti con cui interagiscono socialmente, di cosa discutono al lavoro, le loro scelte di fitness e intrattenimento, il loro livello di istruzione e altro, possono essere raccolti, archiviati e utilizzati per ordinare le persone in segmenti di pubblico per i veri consumatori di Facebook: i professionisti del marketing. Il metaverso fornisce un'infrastruttura per i contenuti al fine di raccogliere dati degli utenti e fornire un pubblico su misura per i professionisti del marketing.

I decisori politici e gli organismi di regolamentazione sono rimasti a guardare mentre Facebook emergeva come una delle principali piattaforme di interazione sociale e discorso politico. Non hanno messo in atto protezioni antitrust, poiché Facebook ha acquisito ulteriori flussi di dati social attraverso l'acquisto di Instagram e WhatsApp. Ora la piattaforma è profondamente intrecciata nella vita sociale di molte persone e sarà difficile districare la società da Facebook.

Con la realtà virtuale, abbiamo ancora queste opportunità. Affinché il metaverso diventi veramente parte della vita quotidiana, dovrà essere accessibile senza Facebook, o Meta, come mediatore.

Le associazioni di settore potrebbero lavorare su standard per la programmazione indipendente del visore. Le autorità di regolamentazione antitrust possono considerare le implicazioni di una società che controlla così tanti flussi di dati in così tanti contesti. Gli scienziati sociali e computazionali possono essere consultati per considerare come la progettazione di mondi virtuali possa influenzare le relazioni sociali e i futuri movimenti sociali.

La realtà virtuale può e deve essere progettata per il movimento libero e facile attraverso gli spazi virtuali, piuttosto che una singola azienda che controlla l'accesso.

 

Bree McEwan, Professore Associato, Istituto di Comunicazione, Cultura, Informazione e Tecnologia, Università di Toronto

 ___

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

 

 _______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
 

____
Per saperne di più:

-KuCoin investe 100 milioni di dollari nel Metaverso
- Tinder e Bumble verso il metaverso e le crypto

- Seul lancerà la piattaforma di servizio pubblico 'Metaverso'
- 5 cose da sapere sul Metaverso

- Zuckerberg Makes Another Meta Move
- Nike & Microsoft Rush Into Metaverse
- Dovremmo lasciare che Facebook/Meta governi il Metaverso?
- Investire nel Metaverso:4 Modi per Investire nel Futuro Virtuale