29 mag 2021 · 4 min read

Cosa possono imparare i trader e gli investitori cripto da Daniel Kahneman sul rumore

Ben Newell, Professore di Psicologia Cognitiva, UNSW.
_____

Fonte: Adobe/Maria

Immagina due medici che hanno le stesse informazioni riguardo un paziente e che forniscono diagnosi molto diverse. Ora immagina che il motivo della differenza sia dovuta al fatto che i medici abbiano effettuato la diagnosi o al mattino o al pomeriggio, all'inizio o alla fine della settimana.

Questo è il "rumore" - il motivo per cui i giudizi umani variano anche se dovrebbero essere identici - che Daniel Kahneman, uno degli psicologi più famosi al mondo e vincitore del Premio Nobel per l'economia nel 2002, affronta nel suo ultimo libro, Noise: A Flaw in Human Judgment.

Kahneman ha vinto il premio Nobel per il suo lavoro pionieristico, con il collega psicologo israeliano Amos Tversky, su come i pregiudizi cognitivi modellano il giudizio. Il loro lavoro, iniziato alla fine degli anni '60, ha gettato le basi per il nuovo campo dell'economia comportamentale, che ha sfidato l'ortodossia economica secondo cui le decisioni sono razionali.

Il libro precedente di Kahneman Thinking, Fast and Slow, pubblicato nel 2011, ha attirato l'attenzione di un pubblico più ampio e ha consolidato la sua reputazione di figura fondamentale nella comprensione del comportamento umano.

Nel libro Noise, in cui sono co-autori Olivier Sibony e Cass Sunstein, esplora un fenomeno diverso dal pregiudizio cognitivo.

Il pregiudizio è un processo psicologico e può essere rilevato nel giudizio individuale, ha spiegato il geniale 87enne quando l'ho intervistato (tramite video) per l'UNSW Center for Ideas. "Ma non possiamo identificare il rumore in un giudizio particolare." Dobbiamo invece guardare l'insiemi dei giudizi per identificare il rumore.

Il rumore è un concetto statistico

Il nuovo libro di Kahneman presenta diversi casi convincenti di affari, medicina e giustizia penale in cui i giudizi sembrano variare senza "buone" ragioni.

Noise: A Flaw in Human Judgment, by Daniel Kahneman, Olivier Sibony & Cass R. Sunstein (William Collins, 2021)

Noise: A Flaw in Human Judgment di Daniel Kahneman, Olivier Sibony & Cass R. Sunstein (William Collins, 2021)

Un esempio è l'analisi delle impronte digitali, in cui lo stesso analista esprime giudizi diversi sulla stessa stampa in momenti diversi. Se l'analista ha solo l'impronta digitale da guardare – e nessun'altra informazione sul caso – e decide in un'occasione che è una corrispondenza e in un'altra è inconcludente, questo è rumore.

Se, d'altra parte, l'analista cambia idea a causa di informazioni extra (ad esempio gli viene detto che le prove balistiche suggeriscono una conclusione diversa), questo è pregiudizio.

Entrambi sono un problema, dice Kahneman. Ma poiché il rumore può essere identificato solo nelle statistiche, è più difficile pensarci e quindi tende a non essere discusso.

Rumore nei giudizi di sistema

Il libro di Kahneman discute diversi tipi di rumore, ma la discussione più significativa riguarda il rumore di sistema: la variabilità nelle decisioni che sorgono nei sistemi destinati a produrre giudizi uniformi.

Ci sono molte situazioni in cui la diversità di opinione è altamente desiderabile. Kahneman sostiene che "il rumore è la variabilità dove non la vuoi".

Basti pensare al sistema giudiziario che produce sentenze, o al sistema di sottoscrizione per fissare i premi assicurativi. Tali sistemi sono pensati per parlare con "una voce". Vogliamo che le sentenze giudiziarie riflettano il crimine, non il giudice a cui capita di ascoltare il caso. Vogliamo che due sottoscrittori con esattamente le stesse informazioni calcolino premi uguali o simili.

La sfida, quindi, è identificare la variabilità indesiderata e quindi fare qualcosa per mitigarla.

Daniel Kahneman in 2009. nrkbeta/Flickr, CC BY-ND

Il problema dell'intuizione

Su questo, il libro offre un'intuizione chiave che puoi applicare al tuo processo decisionale: resisti all' "intuizione prematura" - la sensazione di "sapere" qualcosa anche se non sei sicuro del perché lo sai.

In alcuni casi l'intuizione è molto utile per prendere decisioni immediate. In altre situazioni meno critiche in termini di tempo, Kahneman afferma che i giudizi basati su sentimenti intuitivi devono essere disciplinati e ritardati.

Per saperne di più: Spiegazione: cos'è l'intuizione?

Consigliava di agire d'intuizione solo dopo aver fatto un esame equilibrato e attento delle prove. Per quanto possibile, raccogliere tali prove da diverse fonti e da persone che hanno espresso il proprio giudizio indipendente sulle prove.

Senza questo, ha detto Kahneman, il rumore può essere facilmente amplificato.

Passando all'intelligenza artificiale

Una risposta alla prevalenza del rumore nei giudizi è quella di rivolgersi alle macchine e lasciare che i computer decidano.

Kahneman non è ancora entusiasta. Crede che l'intelligenza artificiale "produrrà grandi problemi per l'umanità nei prossimi decenni" e non è pronta per molti dei domini in cui è richiesto il giudizio.

Per saperne di più: Gli algoritmi che i lavoratori non possono vedere tirano sempre più i fili della gestione 

Tuttavia, a lungo termine vede un mondo in cui potremmo "non aver bisogno di persone" per prendere molte decisioni. Una volta che diventa possibile strutturare i problemi in modo regolare e accumulare dati sufficienti su tali problemi, i giudici umani potrebbero diventare superflui.

Fino ad allora c'è molto da fare per ridurre l'errore umano migliorando il giudizio umano, piuttosto che eliminarlo affidandosi alle decisioni delle macchine.

Conoscere il rumore (e il pregiudizio) aiuterà con questo obiettivo.

Una registrazione dell'intera conversazione di Daniel Kahneman con Ben Newell è disponibile sul sito Web del Centre for Ideas dell'UNSW.

 

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

____
Per saperne di più:

- Top 11 Do's and Don'ts of Bitcoin
- 10 Dangerous Traps For Crypto Traders

- DeFi Spectacular Returns Unsustainable In Long-Term - Research
- Flash Crash Post-Mortem: Overleveraged Crypto Gamblers Did It Again

- From Tulips and Scrips to Bitcoin and Meme Stocks – Speculating & Mania
- Obsessed Amateur Crypto Traders Are 'Disproportionately Liquidated'