Home In EsclusivaIn Primo Piano

Cosa piace dell'economia austriaca alla maggior parte dei Bitcoiners

Di Alex Lielacher
Cosa piace dell'economia austriaca alla maggior parte dei Bitcoiners 101
Un Bitcoin fisico e Carl Menger. Source: iStock/JUN2, Austriancenter.com, Cryptonews.com.

Bitcoin è una fusione innovativa di tecnologie preesistenti e la creazione di nuove tecnologie che ha portato a una forma di denaro completamente nuova. Tuttavia, per molti, il supporto per la prima valuta digitale del mondo si basa principalmente sulle preferenze ideologiche.

In questo articolo, scoprirai perché una quantità significativa di Bitcoiners ama anche l'economia austriaca.

Che cos'è l'economia austriaca?

Austrian Economics è una scuola di pensiero nata a Vienna, in Austria. Sebbene influenzato da opere di epoche precedenti, l'opera considerata la base di questa scuola di pensiero economica è il libro di Carl Menger del 1871 'Principles of Economics.' Nel 1949, un altro nome notevole all'interno della scuola austriaca, Ludwig Mises, pubblicò il libro ‘Nationalokonomie,’ che fornisce una panoramica dei principi che governano gli economisti che si identificano con questa etichetta.

Al momento della sua pubblicazione, il libro di Mises fu accolto sfavorevolmente da altri importanti economisti che avevano già fatto una svolta verso l'economia keynesiana, a seguito degli effetti devastanti delle guerre mondiali. L'economia austriaca stava perdendo la guerra ideologica, con l'economia keynesiana che influenzò significativamente l'economia globale soprattutto dopo la Conferenza di Bretton Woods nel 1944 dove è stato creato il Fondo monetario internazionale (FMI). Il FMI ha svolto un ruolo importante nel sistema monetario mondiale postbellico, stabilendo l'oro e il dollaro come standard e rendendo notevolmente più forte la posizione degli Stati Uniti nella politica globale.

In seguito alla pubblicazione del suo libro del 1949, Mises ispirò un rilancio della scuola austriaca che aveva iniziato a sussultare senza contributi scolastici e senza il sostegno degli economisti di tutto il mondo. Murray N. Rothbard, un ex studente di Mises, ha riacceso ulteriormente l'interesse per l'economia austriaca con la sua storia in quattro volumi dell'America coloniale e la secessione dalla Gran Bretagna, lavoro che ha chiamato "Conceived in Liberty". È stata questa serie che ha portato ad una maggiore notorietà l'economia austriaca affermandola saldamente come una scuola di pensiero separata da quelle esistenti al momento. Altri nomi importanti nell'economia austriaca sono Friedrich Hayek e Friedrich von Wieser.

I principi dell'economia austriaca

Gli studiosi della Scuola di Economia austriaca si sono impegnati a studiare la natura del mercato, soprattutto per quanto riguarda l'imprenditorialità, il denaro e le banche, la struttura temporale dei beni capitali, il ciclo economico, la dinamica dei mercati e gli ordini spontanei. E, infine, le critiche all'intervento e alla pianificazione del governo perché credevano che la conoscenza sia generalmente decentralizzata e inconoscibile per i pianificatori centrali.

Gli economisti austriaci elogiano fortemente i mercati liberi. La scuola di pensiero crede che il mercato funzioni meglio senza l'intervento esterno di alcuna forza, tranne quelle che operano al suo interno. Di conseguenza, è ovvio il motivo per cui l'economia austriaca è generalmente in contrasto con molte altre scuole di pensiero come il marxismo e il keynesismo, che entrambi si appoggiano pesantemente all'intervento statale. Nella tradizione austriaca, gli interventi statali come tasse, sussidi, mandati e divieti sono considerati dannosi e da evitare.

Un altro principio fondamentale all'interno della scuola austriaca è il concetto di moneta sana. Sebbene il concetto di moneta sana non abbia avuto origine con gli economisti austriaci, costituisce una base fondamentale per il modo in cui la tradizione intellettuale guarda alla moneta. Gli austriaci credono che il denaro, come il mercato, debba essere privo di interferenze statali. Inoltre, i soldi devono essere scarsi in natura. Infine, al mercato deve essere permesso di scegliere quale denaro funziona meglio per esso.

Per concludere, un'altra caratteristica importante dell'economia austriaca è la riserva posta sulle libertà personali. I due principali economisti austriaci del XX secolo furono Mises e Hayek, che dimostrarono entrambi, rispettivamente negli anni '20 e '40, che un'economia complessa non può essere pianificata razionalmente perché i veri prezzi di mercato sono assenti. Di conseguenza, non è possibile ottenere le informazioni essenziali per la pianificazione centralizzata. Questa è un'altra ragione delle critiche all'intervento statale.

Le economie complesse non possono essere pianificate razionalmente perché non si può logicamente mirare a rendere conto dell'azione umana. Pertanto, l'economia austriaca sostiene lo studio dell'economia come scienza umana rispetto alla scienza fisica perché è impossibile rendere conto di tutto il comportamento umano. In questo modo, gli economisti austriaci sostengono la libertà umana e la conseguente imprevedibile natura del mercato.

Perché i Bitcoiner adorano l'economia austriaca

Bitcoin ha radici nel movimento crypto-anarchico che prende in prestito concetti dall'economia austriaca. Il whitepaper di Bitcoin è stato inizialmente pubblicato su una mailing list di crittografia popolata da scienziati informatici e crittografi che lavoravano per utilizzare le innovazioni tecnologiche a supporto della privacy e della sovranità finanziaria.

Inoltre, all'interno del blocco genesis del network Bitcoin, vi è un'allusione al salvataggio delle banche da parte del governo a seguito della crisi economica globale del 2008. Mentre il ritaglio del giornale è stato incluso senza contesto, molti credono che sia una critica all'azione, soprattutto dato il suo appoggio alla b-money di Wei Dai, che si definì senza dubbio cripto-anarchico.

La proposta b-money afferma: “Sono affascinato dalla cripto-anarchia di Tim May. A differenza delle comunità tradizionalmente associate alla parola "anarchia", in una cripto-anarchia il governo non è temporaneamente distrutto ma permanentemente proibito e permanentemente inutile. È una comunità in cui la minaccia della violenza è impotente perché la violenza è impossibile, e la violenza è impossibile perché i suoi partecipanti non possono essere collegati ai loro veri nomi o luoghi fisici.”

Dati questi indizi un pò segreti e palesi, è possibile dedurre le tendenze politiche e ideologiche di Nakamoto. Spiega anche perché la scuola austriaca trova favore nella maggior parte degli utenti di Bitcoin.

Come menzionato in precedenza, la scuola austriaca considera superflue le interferenze statali. Per Bitcoin, una valuta digitale decentralizzata aperta al di fuori dell'influenza di ogni singolo stato, questa è una realtà più vicina della valuta fiat. Gli utenti di Bitcoin si identificano indubbiamente con questo principio.

Infine, il meccanismo con cui vengono create e trasferite nuove unità di bitcoin lo rende sia scarso che rispettoso della sovranità dell'individuo. Un nodo può scegliere di partecipare in qualsiasi modo o forma sulla rete Bitcoin. Nel suo libro del 2018, The Bitcoin Standard l'economista Saifedean Ammous sostiene Bitcoin come denaro valido sotto la scuola austriaca del pensiero economico e molti utenti Bitcoin sono d'accordo, sia con le sue conclusioni che con la tradizione intellettuale austriaca.

Più Articoli