04 set 2021 · 5 min read

Perché quando acquisti un NFT non lo possiedi completamente?

 

NFT copyright

Fonte: Adobe/alexskopje

NFT o token non fungibili hanno catturato per la prima volta l'immaginazione del pubblico quando un collage digitale di un artista di nome Beeple è stato venduto per 69 milioni di dollari da Christie's nel marzo 2021. Da allora, c'è stata un'esplosione nell'uso di queste unità per l'archiviazione di contenuti digitali, che vengono acquistati e venduti utilizzando registri online, noti come blockchain.

Da quella connessione iniziale con l'arte, stiamo assistendo all'uso di NFT in numerosi altri modi. In particolare, molti vengono scambiati come oggetti da collezione su exchange come OpenSea e Rarible. Ultimamente, ad esempio, una serie di 8.888 adorabili "Pudgy Penguins" è stato un successo, ognuno dei quali riflette la sua caratteristica unica e uno è stato venduto per la cifra record di 150 ETH (circa 5 milioni di dollari).

NFT Pudgy Penguins

Pssst, ti va un pinguino?OpenSea

Tuttavia, che si tratti di un'opera d'arte digitale meravigliosa o di un simpatico pinguino digitale, gli NFT sono essenzialmente jpeg o gif scambiabili. A differenza degli oggetti da collezione fisici, un proprietario di NFT non sarà in grado di esporre il bene nella propria casa, tranne che su uno schermo. Potrebbero pensare di poterlo visualizzare su un sito Web, ma non è necessariamente così. Quindi, cosa si ottiene effettivamente quando si compra un NFT, e cosa si possiede veramente da un punto di vista legale?

La nuova frontiera NFT

Per comprendere gli NFT, è importante capire cosa si intende per "fungibile". Fungibile deriva dal verbo latino fungi, che significa eseguire. In un contesto più ampio, questo significa intercambiabile e si riferisce alla possibilità di scambiare qualcosa.

Il denaro è fungibile, nel senso che puoi acquistare una merce del valore di 10 GBP con qualsiasi banconota da 10 GBP; non importa quale usi. D'altra parte, gli NFT non possono essere scambiati in modo simile con un altro. Sono ciascuno di un genere, o uno di un'edizione limitata.

I contenuti venduti come NFT possono essere creati in molti modi. Possono essere generati al computer, che è stata la base per la produzione di 10.000 CryptoPunk unici nel 2017.

Può riflettere un lavoro collaborativo, come la serie di NFT musicali della cantautrice inglese Imogen Heap, "Firsts". Questi hanno coinvolto la sua improvvisazione insieme alle immagini fornite dall'artista Andy Carne. Oppure gli NFT possono rappresentare una singola opera, come l'opera d'arte di Beeple; o una serie di articoli, come la serie “NFT Yourself” dei Kings of Leon in cui gli asset in offerta includevano album musicali con caratteristiche uniche e biglietti speciali per i concerti.

Diritti limitati per gli NFT

Gli NFT consentono al proprietario di un'opera o di una collezione limitata di raggiungere direttamente il proprio pubblico. Mentre in precedenza non era possibile vendere online qualcosa come il primo tweet, o una gif a tema taco, o addirittura un'opera d'arte, ora singolo individui, aziende o organizzazioni culturali possono farlo purché ne siano i legittimi proprietari.

L'autore può farlo perché, secondo la legge sul copyright del Regno Unito, il copyright sorge automaticamente quando viene creata un'opera, purché rifletta la "creazione intellettuale dell'autore". Ciò significa che il creatore di un'opera è il titolare del diritto d'autore e può farne ciò che vuole.

Quando qualcuno acquista un NFT dall'autore, ne ottiene la proprietà nel senso che diventa di sua proprietà. Dopotutto, un NFT è un certificato di proprietà digitale che rappresenta l'acquisto di un asset digitale, tracciabile sulla blockchain.

Ma il titolare dell' NFT non ha altri diritti sull'opera. Ciò include quelli offerti dalla legge sul diritto d'autore, come il diritto di comunicazione al pubblico (in altre parole, rendendo il bene disponibile al mondo in generale), o i diritti di adattamento o di riproduzione.

La situazione è la stessa se si acquista un oggetto fisico da collezione. Possedere un dipinto non ti dà automaticamente il diritto di esporlo in pubblico. Inoltre, non ti dà il diritto di citare in giudizio per violazione del copyright se qualcuno riproduce l'immagine nel dipinto senza permesso. Per ottenere tali diritti, devi essere il proprietario del copyright dell'opera o avere il copyright assegnato a te dall'autore (per iscritto e firmato).

Il problema con i contenuti online è che, in virtù della loro natura digitale, sono facili da condividere, copiare e riprodurre. Gli acquirenti degli NFT devono capire che violerebbero il diritto d'autore se intraprendessero tali attività, senza il permesso del titolare dei diritti. L'unico modo in cui tali diritti possono essere trasferiti è attraverso i termini incorporati nell' NFT, sotto forma di licenza.

Ci sono stati alcuni NFT in cui all'acquirente è stato concesso il diritto di utilizzare il copyright in modo limitato. Ad esempio, i proprietari di CryptoKitties NFT sono stati autorizzati a ottenere fino a 100.000 USD di ricavi lordi da essi ogni anno. In altri casi, gli autori hanno specificamente limitato tutti gli usi commerciali dell'opera. Ad esempio, i Kings of Leon stabilirono che la loro musica NFT fosse solo per consumo personale.

NFT CryptoKitty

CryptoKitties consente ai proprietari di guadagnare fino a $ 100.000 all'anno. Vectory Factory

Gli acquirenti, quindi, devono essere chiari sul fatto che i motivi principali per acquistare un NFT sono l'investimento speculativo e il piacere di avere qualcosa di unico da un artista ammirato, un brand, una squadra sportiva o altro. A meno che i termini non lo consentano, gli acquirenti avranno solo una capacità limitata di condividere il lavoro creativo su piattaforme pubbliche o di riprodurlo e renderlo disponibile per altri.

Per inciso, gli acquirenti dovrebbero anche essere consapevoli che la blockchain non può assolutamente sapere se un'opera creativa è autentica. Qualcuno può prendere il lavoro di un'altra persona e tokenizzarlo come NFT, violando così i diritti del proprietario del copyright. Devi essere sicuro di acquistare qualcosa che ha avuto origine dal creatore.

In breve, gli NFT sono probabilmente qui per restare, ma sollevano chiaramente questioni di proprietà relative alla legge sul copyright. Questo potrebbe non essere immediatamente chiaro alla maggior parte delle persone ed è importante che tu capisca i limiti di ciò che ottieni con i tuoi soldi.

 

Dinusha Mendis, Professore di Diritto della Proprietà Intellettuale e dell'Innovazione e Vice Preside ad interim (Ricerca), Facoltà di Media e Comunicazione, Università di Bournemouth.

 

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.


_____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

Per saperne di più:
- Il progetto d'arte NFT di Damien Hirst: cosa scopriremo alla fine
- Gli NFT vendono per milioni, ma come si distingue un diamante vero da uno falso?

- Perché gli NFT non servono solo per oggetti d'arte e da collezione
- Considera queste domande legali prima di spendere milioni in NFT

- NFT del meme Doge frazionato in token vale ora 500m USD
- Dodicenne guadagna 300.000 USD dalla sua collezione NFT