Home In EsclusivaSondaggio

Perché i governi non potranno mai fermare le cripto

Di Juan M. Villaverde
Perché i governi non potranno mai fermare le cripto 101
Source: iStock/artisteer
Perché i governi non potranno mai fermare le cripto 102

Juan Villaverde è un econometrico e matematico dedito all'analisi delle criptovalute dal 2012. Guida la Weiss Ratings team di analisti e programmatori di computer che hanno creato i Weiss cryptocurrency rating
_____

Molte persone sostengono che le criptovalute non saranno mai accettate come una valida forma di denaro perché i governi possono semplicemente approvare leggi per vietarle.

"Ricorda la Cina, la Cina, la Cina!" Recita il loro mantra.

Il problema è che questi cripto scettici ignorano le conseguenze reali e concrete di tali "divieti" e quanto facilmente possono ritorcersi contro.

Facciamo un giro veloce intorno al mondo e ti mostrerò esattamente cosa intendo. E sì, possiamo iniziare da Pechino.

Nel 2017, le autorità cinesi non hanno tanto tergiversato. Sono andate dritte al cuore - gli exchange di criptovalute.

Era logico, o almeno così pensavano. Gli exchange sono aziende formali che devono essere conformi al quadro normativo dei paesi in cui operano.

Ma ecco il grande aspetto importante che Pechino sembra aver perso: Perché una popolazione adotti le criptovalute, non hanno bisogno di exchange.

Gli exchange sono convenienti? Sì.

Sono una necessità assoluta? No

In effetti, come spiegherò tra poco, sono solo uno dei modi in cui puoi scambiare i tuoi soldi fiat sponsorizzati dal governo in criptovaluta.

Quindi, una volta completato quel trade iniziale, sei nel cripto-spazio. Puoi teletrasportare i tuoi soldi ovunque tu voglia. Le tue transazioni sono quasi del tutto fuori dalla portata normativa di qualsiasi paese sulla Terra.

Ciò non significa che le criptovalute vivano in una terra marziana. Seguono una serie di statuti. La differenza è che non sono gli editti o le direttive di nessuna autorità centrale. Anzi …

   Le uniche regole che si applicano a un libro mastro distribuito pubblico sono le regole di consenso che esistono all'interno della sua rete. Nient'altro.

Dalle parole della Securities and Exchange Commission o della Commodity Futures Trading Commission, potresti dire che le reti di criptovaluta sono intensamente rigorose - ma amorfe - organizzazioni di autoregolamentazione.

Quindi, qual è stato l'effetto netto del cosiddetto "divieto della Cina" sulle criptovalute?

Pechino non è stata in grado di mettere fuorilegge il possesso di beni crittografici; è quasi impossibile persino rintracciare chi possiede cosa e dove.

L'hanno capito. Quindi non ci hanno nemmeno provato.

Motivo: per loro stessa progettazione, le reti di criptovaluta sono anonime.

Oppure sono quantomeno pseudonimi. In altre parole, sebbene ogni conto e l'importo detenuto siano informazioni pubbliche, non è possibile legare direttamente la proprietà di questi conti a nessuno.

Nel frattempo, nonostante il "divieto", la Cina è diventata rialzista sulla blockchain.

La settimana scorsa, il Presidente Xi Jinping ha dichiarato che la Cina deve "cogliere l'opportunità" creata dalla blockchain e che svolgerà "un ruolo importante nel prossimo round di innovazione tecnologica e trasformazione industriale". E questa settimana, il Partito comunista cinese sta facendo una serie di passi in quella direzione.

Ciò evidenzia la realtà che i cittadini cinesi sono ancora molto attivi nel commercio di criptovalute, nonostante il fatto che il "divieto" sia in vigore da oltre due anni.

Questo non significa che vietare gli exchange non abbia avuto alcun effetto. Sebbene detto effetto sia limitato. Se gli exchange stabiliti non sono disponibili, le persone si spostano semplicemente su siti di social media specializzati e applicazioni simili.

Considera siti Web come LocalBitcoins.com, un mercato di trading peer-to-peer, ad esempio.

Questi siti forniscono un framework per ...

  • Accettare i termini e ...
  • Ridurre il rischio che entrambe le parti scappino con i soldi.

Nelle aree in cui il trading di criptovaluta è ufficialmente "vietato", questo tipo di piattaforme si trasforma di fatto in scambi over-the-counter (OTC).

Per dirla semplicemente:

Finora, l'unico effetto significativo dei divieti sulle cripto è stato quello di spingere alcuni trader verso le piattaforme di trading OTC (over-the-counter).

E non è solo la Cina. Divieti simili in paesi come il Venezuela e lo Zimbabwe hanno ottenuto ben poco oltre a rendere queste piattaforme molto più popolari.

I governi possono chiudere anche questi? Sarebbe molto difficile.

Le parti si incontrano ovunque - in un bar, fuori da una banca, su una panchina del parco. Sono d'accordo con i termini. La parte legale del commercio viene effettuata. E una volta che l'acquirente ha trasferito la fiat tramite bonifico bancario (o anche in contanti), il venditore rilascia la criptovaluta.

Inoltre, per maggiore sicurezza, sia la fiat che la criptovaluta possono essere bloccate in un account di deposito a garanzia con un contratto intelligente.

Dove il trading di criptovalute è letteralmente per strada

Funziona? Assolutamente! Lo so perché ho fatto personalmente questi scambi OTC.

La mia esperienza non proviene da un luogo in cui la crittografia è vietata, ma piuttosto con un governo sull'orlo del default.

Mentre le autorità lottano per sbarcare il lunario e tenere le luci accese, ricorrono a misure draconiane.

Questo ci porta alla tappa successiva del nostro tour: l'Argentina, dove il governo ha imposto un'imposta del 33% sulle transazioni internazionali.

Pensaci. Ciò significa che ogni volta che desideri utilizzare il sistema bancario per mandare i tuoi soldi fuori dal paese, il governo prende quasi un terzo di tasse.

Forse desideri effettuare un acquisto online di un biglietto aereo da un vettore straniero.

O forse vuoi semplicemente acquistare l'ultimo smartphone non ancora offerto nei negozi locali.

Non importa. Se i soldi lasciano l'Argentina, paghi la tassa.

Oppure, considera la difficile situazione degli uomini d'affari ...

Mio padre, ad esempio, fa affari con aziende con sede in Argentina. Ogni volta che porta i soldi a casa, la tassa di un terzo è l'equivalente di una massiccia confisca.

Tutto questo con praticamente zero speranze che finisca presto!

Per lui, l'unica possibilità di ottenere i suoi soldi dal paese è ottenere Bitcoin.

Quindi, per dargli una mano, sono andato in Argentina per vedere quanto sarebbe stato difficile trovare qualcuno che commerciasse pesos per Bitcoin. A quanto pare, non solo ho trovato persone, ma ho anche trovato rivenditori locali.

"Se vuoi acquistare Bitcoin", ha detto uno, "ci paghi sopra il 15% sul prezzo di mercato. Se vuoi vendere, ti paghiamo almeno il 10% sul prezzo di mercato."

Ho fatto anche meglio del 10%. All'epoca Bitcoin si vendeva per circa 6.000 USD e ho ottenuto tra 6.800 e 7.000 USD. Le persone con cui ho avuto a che fare mi hanno detto che avrebbero acquistato tutte le criptovalute su cui avrebbero potuto mettere sopra le mani.

Il modello di business delle criptovalute ha molto senso ed è molto richiesto.

Hanno clienti con un grosso patrimonio netto che cercano di portare i loro soldi fuori dal paese. In grandi quantità e VELOCE.

Quindi, i rivenditori tengono a portata di mano una scorta di criptovalute, offrendo ai loro clienti la possibilità di ottenere i loro soldi fuori dal paese mentre bypassano il sistema bancario. Invece di pagare la vergognosa tassa del 33% del governo, i clienti sono lieti di pagare al rivenditore il suo 15%.

Questo è un grande cambiamento rispetto ai poteri di controllo del capitale che i governi avevano solo pochi anni fa!

All'epoca, quando i paesi imponevano controlli sui capitali, potevano vietare i commercianti al mercato nero e gettarli in prigione.

Gli uomini d'affari si vestivano come hippy, riempivano i loro zaini di valuta e provavano ad attraversare il confine. Ma gli agenti di frontiera li hanno catturati spesso poiché i controlli erano efficaci.

Non adesso! Non nell'era cripto!

Il volo verso il Bitcoin in Argentina è la stessa cosa che sta accadendo in quasi tutti i paesi che hanno tentato di imporre controlli valutari.

La valuta nazionale argentina è scesa del 50% rispetto al biglietto verde solo nell'ultimo anno. E ora, le stesse persone che hanno contribuito a causare la crisi sono appena state rimesse in carica.

Quindi, indipendentemente da ciò che i governi fanno o non fanno, puoi capire perché le risorse cripto come Bitcoin sono l'unica possibilità per i cittadini di questi paesi di proteggere la loro ricchezza.

Alla fine, cosa ottengono i governi con divieti o controlli draconiani?

Aiutano ad aumentare la consapevolezza delle criptovalute. Stanno rendendo le criptovalute più popolari.

Forse dovremmo inviare loro un'e-mail di ringraziamento:

"Continuate così, ragazzi."

Più Articoli