Home In EsclusivaIn Primo Piano

Perché il tasso di mortalità per coronavirus della Corea del Sud è così basso?

Di Tim Alper
Perché il tasso di mortalità per coronavirus della Corea del Sud è così basso? 101
Fonte: iStock/Goldcastle7

Mentre dilaga la pandemia coronavirus – portando malattie, morte e un declino economico senza precedenti sulla sua scia, la pressione è su scienziati, medici e statistici per scegliere i modelli chiave dall'inondazione di dati relativi al coronavirus.

In effetti, se torni indietro di alcune settimane potresti ricordare che la Corea del Sud era la nazione del mondo più colpita dal coronavirus insieme alla Cina continentale. E' classificata ancora come una delle nazioni più colpite, con 8.413 infezioni al momento della stesura.

Ma una statistica spicca. Il bilancio delle vittime del paese è relativamente piccolo, con 75 vittime (meno dell'1%). Nei paesi europei, dove l'epidemia si è intensificata in seguito, il tasso è già più elevato: 2% in Francia, 4,5% in Spagna, 2,7% nel Regno Unito. (Ma è lo 0,27% in Germania). Negli Stati Uniti, si attesta all'1,8%, la Cina al 4%.

Perché?

È una domanda che fa grattare il capo agli osservatori di tutto il mondo.

Potrebbe convincere i cittadini a indossare maschere per il viso?

Una dottoressa italiana residente a Napoli che ha chiesto di non essere nominata ha detto a Cryptonews.com di ritenere che il motivo per cui il tasso di mortalità in Italia è così elevato, rispetto alla Corea del Sud, fosse dovuto al fatto che la popolazione italiana è molto anziana, mentre il virus aveva per lo più infettato i giovani sudcoreani.

Il virus ha causato oltre 2.500 vittime in Italia, con 31.506 infetti e 2.941 guariti.

Il medico italiano ha affermato che “i cittadini più anziani sono più sensibili. La popolazione italiana è la più vecchia in Europa. Ecco perché la Corea del Sud sta subendo molte meno vittime."

Tuttavia, uno sguardo attento ai numeri suggerisce che potrebbe non essere così.

L'età media in Italia è di 46 anni, ma nonostante la sua giovane immagine K-pop, la Corea del Sud non è un popolo poi così giovane. Ha una popolazione super invecchiata, il tasso di natalità più basso del mondo - e una popolazione con un'età media di 42 anni.

Quindi, se l'età non è il fattore più importante, qual è?

Anche gli addetti alle criptovalute in Corea del Sud hanno detto la loro.

Il consulente aziendale di Blockchain Lee Jong-cheol ha dichiarato a Cryptonews.com ,

“Sento che testiamo più persone qui di quanto le autorità potrebbero fare in Occidente. Qui, puoi andare praticamente ovunque e fare il test se ti senti un pò malato o sei incerto. Ci sono stazioni di test drive-through sui marciapiedi delle strade principali, oppure puoi semplicemente andare in ospedale e chiedere un test.”

In effetti, Seoul si è concentrata sulla costruzione di una scorta costante di kit di test e altre forniture mediche - e non si sta risparmiando quando si tratta di utilizzarli.

Lee ha aggiunto,

“Forse in questo modo diagnostichiamo più persone con sintomi più lievi che altrove potrebbero non essere testati. Forse questo sta distorcendo i numeri.”

Janet Cho è una giornalista di Seoul che scrive di blockchain e altre forme di tecnologia all'avanguardia, incluso l'IT medico. Ha detto a Cryptonews.com che i precedenti focolai di virus hanno, in un certo senso, lasciato il Paese ben preparato per focolai come il COVID-19.

Lei ha detto:

“Questa non è la nostra prima volta al rodeo del virus, purtroppo.”

La SARS ha devastato gran parte dell'Asia orientale tra novembre 2002 e luglio 2003. Sebbene solo tre sudcoreani siano stati colpiti durante l'epidemia, la Cina continentale, Taiwan, Hong Kong e Singapore sono state particolarmente colpite dalla malattia. E questo a sua volta, afferma Cho, ha visto molti ospedali nella vicina Corea del Sud costruire i loro dipartimenti di emergenza con speciali unità di contenimento virus.

Poi è sopraggiunta la MERS, che ha colpito molto più duramente la Corea del Sud, a metà 2015, con 38 morti e 186 infetti.

Fondamentalmente, sia MERS che SARS sono relativamente simili al ceppo COVID-19 a causa del fatto che tutti e tre sono coronavirus. In quanto tali, spesso tendono a influenzare il sistema respiratorio dei pazienti più o meno allo stesso modo.

Tra questi famigerati focolai si verificò lo scoppio del 2009 di influenza suina, che infettò 108.234 persone e ne uccise 170, nonché diversi focolai di influenza aviaria.

Cho ha aggiunto:

“La MERS è stata la più grande. Fu allora che gli ospedali iniziarono a dotarsi di speciali reparti di isolamento, a rifornirsi di dispositivi di protezione per medici e infermieri e a dotare le unità di ventilatori, forniture di ossigeno e altre attrezzature essenziali. I focolai altamente contagiosi sono un pericolo costante e nessuno li prende alla leggera in questo paese.”

In quanto residente a lungo termine a Seoul, anch'io ho vissuto diversi focolai. Ero lì durante ognuno di essi a partire dalla SARS - e ho potuto vedere in prima persona quanto sono sofisticati questi reparti e quanto velocemente le persone vengono portate in quarantena a tenuta stagna se si ammalano.

Se strutture come queste siano meglio attrezzate per salvare vite umane rispetto a quelle di altre parti del mondo o no, io, come la cripto-comunità della nazione, non saprei dirlo.

Sia Cho che Lee hanno fatto di tutto per sottolineare a Cryptonews.com che non sono esperti medici. E nemmeno io.

Quindi ci siamo rivolti ai professionisti medici della Corea del Sud per sapere cosa ne pensano.

Secondo parere

Il dottor Ha Ji-hoon, del Hu Medical Center di Gangnam, Seoul, ha detto a Cryptonews.com , che la situazione della Corea del Sud fosse unica in quanto ha vissuto molto presto e con un molto picco improvviso le infezioni da coronavirus.

La risposta delle autorità è stata fondamentale in questa fase, un vero punto di non ritorno: hanno deciso di testare un numero enorme di persone in pochissimo tempo.

A differenza di molti altri paesi, le cui autorità sanitarie hanno detto agli ospedali di salvare i loro kit di test per le persone che già presentano sintomi del virus, agli operatori sanitari sudcoreani è stato detto di rintracciare quanti più contatti delle persone infette possano identificare - e testarle tutte.

Alcuni sostengono che l'identificazione dei portatori di virus prima che diventassero sintomatici ha permesso ai medici sudcoreani di effettuare interventi vitali e tempestivi.

Ha spiegato:

“In Corea del Sud, i medici hanno iniziato il trattamento molto presto - dal punto della diagnosi, piuttosto che dopo che i sintomi hanno iniziato ad apparire, come sembra essere il caso in Occidente. Iniziare il trattamento fin dalle prime fasi ha permesso ai medici di agire più rapidamente e di ottenere un vantaggio.”

Shim Young-sun, un'infermiera senior presso il Seoul National University Hospital , concorda sul fatto che i precedenti focolai di coronavirus hanno aiutato i medici - e il governo - a migliorare la loro preparazione.

Shim ha detto Cryptonews.com,

“Dopo l'epidemia di MERS del 2015, la Corea del Sud ha sviluppato collettivamente una notevole quantità di know-how nel campo della lotta alle epidemie. Il Ministero della salute e del benessere è stato molto organizzato nel suo approccio. L'industria medica ha reagito rapidamente, in particolare le persone che hanno eseguito operazioni di controllo delle infezioni. Questo ci ha aiutato a condurre molti test nella fase iniziale su persone con sintomi molto lievi.”

Shim ha aggiunto:

“Anche i cittadini stanno provando a fare la propria parte in modo responsabile. Quasi tutti indossano una maschera quando sono fuori e rispettano attentamente le linee guida per il lavaggio delle mani.”

La Corea del Sud si è guadagnata la reputazione di essere particolarmente esperta di tecnologia. Quindi, come ci si potrebbe aspettare, i guru della tecnologia e gli esperti medici si sono uniti per rilasciare dozzine di soluzioni basate sull'informatica, aiutando i membri del pubblico a rimanere informati. Molti di questi sono stati sviluppati dai ministeri del governo.

Perché il tasso di mortalità per coronavirus della Corea del Sud è così basso? 102
Schermata delle versioni iOS delle app mobili sviluppate dal Ministero degli Interni, progettate per aiutare il pubblico sudcoreano a combattere la pandemia di coronavirus

Puoi persino scaricare app mobili che ti consentono di condurre test rudimentali a casa, con i risultati trasmessi alle autorità sanitarie. Oppure puoi utilizzare le app che ti permetteranno di vedere quali negozi vicini hanno forniture di maschere per il viso o disinfettante per le mani. Se ciò non bastasse, è possibile utilizzare la tecnologia GPS per monitorare i movimenti di portatori di virus noti in tempo reale.

Perché il tasso di mortalità per coronavirus della Corea del Sud è così basso? 103
Alcune delle tante app COVID-19 della Corea del Sud disponibili per i cittadini

Ma potrebbero esserci altre ragioni, più fondamentali, per cui la Corea del Sud ha un rapporto infetti/mortalità così basso?

Park Yong-jin, uno studente di medicina a Daejeon, una delle più grandi città della Corea del Sud, ipotizza che potrebbero esserci anche ragioni metaboliche per cui i sudcoreani hanno così statisticamente probabilità di sopravvivere al COVID-19.

Park ha detto Cryptonews.com:

“In questa fase è comunque impossibile saperlo, ma esiste una possibilità esterna che tutti i recenti mortali coronavirus e ceppi di influenza che hanno interrotto la vita qui negli ultimi anni abbiano in qualche modo costruito una resistenza collettiva dei sudcoreani al virus.”

__
Per saperne di più:
18 Ethereum Conference Attendees Got Coronavirus, Buterin Not On the List
Coronavirus Outbreak And its Implications for Protocol-based Governance
Here Is How China Uses Blockchain Technology to Fight the Coronavirus

Più Articoli