11 aprile 2021 · 7 min read

Con le banche che si aprono a Bitcoin, è ora di investire nei titoli bancari?

L'adozione da parte della banca potrebbe portare il numero di utenti cripto "da oltre 100 milioni a 1 miliardo". Il crescente coinvolgimento delle banche nelle criptovalute sarà anche una spinta per le banche stesse. Alcuni avvertono che un ampio strato di custodia presso le banche potrebbe creare un rischio sistemico per il mercato di BTC.

Fonte:  Adobe/Antonio

Le banche stanno arrivando. Dopo anni di derisione e sospetto, le principali banche si stanno gradualmente avvicinando a Bitcoin (BTC), con molte importanti istituzioni finanziarie che iniziano a lanciare servizi legati alle criptovalute.

In passato, gran parte della comunità Bitcoin era solita affermare: "Compra Bitcoin, lascia i bancari". Ma ora che artisti del calibro di Goldman Sachs, Morgan Stanley, BNY Mellon, State Street, Deutsche Bank e altri stanno entrando nello spazio delle criptovalute, forse dovremmo dire di rimanere con le banche e anche con i BTC.

Secondo gli operatori del settore che parlano con Cryptonews.com, il coinvolgimento nelle criptovalute sarà un grande vantaggio netto con pochi rischi per le banche  (supponendo che non detengano criptovaluta esse stesse). Allo stesso modo, mentre alcuni commentatori suggeriscono che un ampio livello di custodia basato sulle banche potrebbe creare un rischio sistemico per le criptovalute, altri affermano che il coinvolgimento delle banche renderà in gran parte le criptovalute più sicure e stabili.

Le banche saltano in carrozza = la carrozza accelera

Passano soltanto due settimane e già qualche grande banca o istituto finanziario ha annunciato che in un modo o nell'altro cominciano ad immergere le dita dei piedi nel mare delle criptovalute. 

A febbraio, la più antica banca americana, la BNY Mellon, ha rivelato che stava implementando servizi per i suoi clienti della gestione patrimoniale, e che potevano acquistare, detenere e vendere bitcoin tramite la banca. Allo stesso modo, Morgan Stanley ha annunciato a metà marzo che avrebbe consentito ai suoi clienti di investire in tre fondi bitcoin.

E alla fine di marzo, è stato riferito che Goldman Sachs avrebbe accolto con favore il secondo trimestre del 2021 offrendo ai suoi clienti per la gestione patrimoniale uno "spettro completo" di investimenti in bitcoin e altri criptovalute.

Questa è una vera svolta per una banca il cui gruppo di strategia di investimento ha effettivamente dichiarato nel 2018 che bitcoin fosse morto. E questo dimostra quanto l'umore del settore bancario sia cambiato solo negli ultimi mesi.

Per molte figure del settore, questa inversione di tendenza è un grande, grande vantaggio per bitcoin e per il più ampio mercato delle criptovalute.

"L'adozione da parte delle banche è ovviamente la chiave in questa fase, porterà il numero di utenti cripto da più di 100 milioni  a oltre 1 miliardo", ha affermato Igor Khmel, CEO e fondatore della società di digital asset banking Bankex. "

Secondo Campbell Adams, il fondatore del mercato interbancario Pure Digital Markets, il coinvolgimento delle banche è probabilmente la cosa più grande che potrebbe accadere al bitcoin in termini di aumento dell'adozione.

Come riportato questa settimana, la piattaforma di trading Currenex di State Street ha collaborato con Puremarkets Ltd (Pure Digital) con sede a Londra al fine di sviluppare una piattaforma di trading di valuta digitale multi-custodia all'ingrosso.

“L'infrastruttura cripto frammentata e principalmente guidata dalla vendita al dettaglio è un serio ostacolo al suo sviluppo e alla sua maturazione. Il trading di valuta digitale ha bisogno di grandi partecipanti al bilancio per aumentare l'efficienza del capitale e consentire investimenti significativi da denaro reale e fondi pensione", ha detto a Cryptonews.com."

In particolare, Adams ha suggerito che la partecipazione delle principali banche è del tutto indispensabile se bitcoin e le criptovalute vogliono perdere le loro rispettive immagini di mercati manipolabili in cui il prezzo attuale non è sempre affidabile.

“Il coinvolgimento delle banche globali aumenterà il livello di qualità e promuoverà la creazione di un mercato primario significativo e affidabile da cui una significativa scoperta dei prezzi di mercato si riverserà sui mercati sottostanti - in modo simile funziona oggi l'infrastruttura dei mercati valutari tradizionali; in modo affidabile, robusto e con successo anche in periodi di estremo stress", ha affermato.

Una nuova fonte di guadagno

Mentre il crescente coinvolgimento delle banche potrebbe dare una spinta a bitcoin e le altre criptovalute, sarà anche una spinta per le banche stesse. Non solo genereranno entrate maggiori addebitando ai clienti transazioni di intermediazione e servizi di custodia, ma svilupperanno sempre più le proprie piattaforme basate sulla blockchain le quali forniranno maggiore efficienza e porteranno nuovi affari.

“La tecnologia sottostante è fondamentale e non evaporerà molto semplicemente: i suoi casi d'uso sono troppo convincenti per essere ignorati dalle banche globali e, soprattutto, i loro clienti. Il valore della criptovaluta non è il suo prezzo, soprattutto per quanto riguarda il settore bancario", ha affermato Adams.

Come ha sottolineato Igor Khmel, numerose banche stanno già iniziando a utilizzare criptovalute e blockchain per vari scopi.

“Alcune banche hanno emesso stablecoin per automatizzare i processi bancari interni, come JPMorgan Coin per i pagamenti transfrontalieri. Il 70% delle banche centrali globali sta sperimentando proprie soluzioni di valuta digitale", ha affermato."

Khmel ha anche ricordato la DBS Bank di Singapore, che ha annunciato il lancio di DBS Digital Exchange a dicembre, fornendo ai clienti l'accesso alla tokenizzazione degli asset e al trading secondario di asset digitali. Tali banche che iniziano a integrarsi abbastanza pesantemente nel settore, si dimostreranno a prova di futuro per un mondo in cui le criptovalute giocano un ruolo significativo.

Un'arma a doppio taglio

I possessori di criptovalute potrebbero supporre che questo coinvolgimento crescente sia una ragione sufficiente per riprendere a desiderare (piuttosto che a cortocircuitare) le banche, ma la sovrapposizione di banche e criptovalute potrebbe creare rischi per entrambi?

Il famoso ricercatore di Deribit, Hasu, sembra pensarla così, dopo aver pubblicato un'analisi nel maggio 2020 in cui sostiene che un ampio livello di custodia basato sulle banche (in cui gli investitori acquistano BTC attraverso le banche) potrebbe creare un rischio sistemico per il mercato di bitcoin. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che agli acquirenti può essere impedito di convertire i loro depositi presso le banche in bitcoin effettivi (ad esempio, è stato impedito loro di ritirare bitcoin), o dall'intervento del governo o perché le commissioni bancarie sono aumentate troppo.

Tuttavia, gli attori del settore delle criptovalute coinvolti nel settore bancario tradizionale, affermano che questo è più un rischio remoto e teorico.

“Non credo che ci sia un rischio sistematico per bitcoin [centralizzazione] a causa delle banche. Il settore diventerà più maturo e ci saranno abbastanza soldi per lo sviluppo di sistemi centralizzati e trustless ”, ha affermato Igor Khmel.

Campbell Adams ha concordato, sostenendo che uno strato depositario bancario ridurrebbe il rischio sistemico.

“Infrastrutture di livello bancario e conformi alle normative garantirebbero livelli di stabilità e sicurezza ben al di sopra di quelli attualmente in uso. L'intermediazione del credito sarebbe implementata in modo importante attraverso una tale configurazione che abiliti e stabilizzi ulteriormente il mercato delle criptovalute per tutti ", ha affermato.

Inoltre, Caitlin Long, CEO e fondatrice della banca Avanti, focalizzata sugli asset digitali, ha avvertito che il fatto che Pure Digital stia costruendo un'offerta over-the-counter con linee di credito bilaterali significa che "le grandi banche portano un grande effetto leva a BTC. Ma la leva finanziaria e il bitcoin non si mescolano bene insieme - non finirà bene per le banche".

Inoltre, le banche possono creare rischi per se stesse (e per il mercato delle criptovalute) se iniziano a investire in bitcoin e altre monete.

“Un altro scenario è che le banche mettano le criptovalute nei loro bilanci, aprano depositi di criptovalute e soprattutto che prestino criptovalute. Si tratta di attività volatili con diversi tipi di rischio ", ha affermato Igor Khmel.

Questo scenario, tuttavia, è molto lontano e, se dovesse diventare una possibilità più tangibile, è probabile che nuove normative e linee guida verrebbero imposte alle banche (ad esempio relative ai requisiti patrimoniali).

Per ora, l'universo cripto sembra essere per lo più contento del fatto che le istituzioni finanziarie stiano iniziando a inserire nuovi e ricchi clienti nel mercato.
____
Per saperne di più:
- US Banks Offering Crypto Custody is 'Insanely' Bullish and Risky
- Bitcoin, Ethereum & Stablecoin Tribes Fight Over Benefits Of OCC News
- Colombia’s Banco de Bogotá Begins Crypto Pilot
- BIS and SWIFT Intensify Race With Crypto For Cross-Border Payments
- Davos Watch: ‘Underestimated’ Digital Revolution & Unsafe 'Magic Money Tree'
- Russian Banks Given Power to Freeze or Block Crypto-linked Accounts
- Spanish Banking Giant Prepared For Bitcoin
- Several Swiss Banks Are 'Ready to Go' Upon Crypto Gateway Launch - SDX
- Crypto Can Disrupt Legacy Finance And Add Another Layer On It - Panel