La regolamentazione crypto è imminente

crypto
Fonte: Adobe/matimix

 

Negli ultimi mesi in particolare, un argomento che ha dominato la conversazione all'interno del settore delle criptovalute è stato l'inizio degli aggiornamenti normativi in ​​più giurisdizioni. Dalle recenti mosse in Francia, al MiCA nell'UE, al Congresso degli Stati Uniti e alla Securities and Exchange Commission (SEC), all'India e alla Cina, può sembrare che ogni autorità di regolamentazione si stia affrettando a regolamentare questo fiorente settore. Dal punto di vista del settore, la regolamentazione è stata lenta, fuorviante e mal concepita. È essenziale una regolamentazione completa; tuttavia, normative male informate proposte da legislatori con una scarsa comprensione del settore stesso ostacoleranno l'innovazione.

Considerando KYC (know your customer) come esempio, nel definire le regole, i regolatori e i professionisti del settore dovrebbero rendersi conto di un aspetto cruciale trascurato dell'intero dibattito: è probabile che KYC nella regolamentazione crypto non sarà troppo dissimile da alcune normative finanziarie esistenti.

Invece di perdere tempo a ipotizzare come sarà il KYC per le criptovalute, i membri del settore dovrebbero invece giocare in modo proattivo secondo regole che potrebbero essere applicate, nell'aspettativa che la legislazione KYC specifica per le criptovalute diventi imminente legge.

La realtà è che, con alcune piccole modifiche, è probabile che i requisiti KYC per le criptovalute siano sostanzialmente simili alle regole della finanza tradizionale.

Anche laddove tali regole non sono state ancora formalmente applicate alle criptovalute, specialmente nelle giurisdizioni che sono state lente a rispondere, i partecipanti al mercato responsabili dovrebbero lavorare partendo dal presupposto che quelle regole, che rimangono il "gold standard", si applicheranno e dovrebbero applicarsi anche alle criptovalute.

Lavorare su questa base, utilizzando tutte le linee guida KYC e AML (antiriciclaggio) sviluppate negli anni nel settore finanziario tradizionale non solo renderà l'ambiente crypto più sicuro, più protetto e più affidabile, ma effettivamente fornire chiarezza utile a tutti i partecipanti.

"Il settore crypto deve lavorare con le autorità di regolamentazione"

È tempo che i partecipanti che vogliono vedere le criptovalute mature e svilupparsi smettano di impegnarsi nell'arbitraggio normativo o fingono di non sapere come saranno quasi sicuramente le regole. In effetti, KYC è solo un aspetto delle discussioni da tenere sulla regolamentazione delle criptovalute. Alcune giurisdizioni sono state più rapide di altre nel fornire soluzioni legali anche ad altre questioni che devono essere risolte: come vengono effettuati e verificati legalmente i trasferimenti di asset digitali; l'effetto dell'insolvenza; e la natura dei diritti di proprietà generati dalla detenzione di asset digitali. È della massima importanza che la regolamentazione blockchain non ostacoli l'innovazione e la crescita all'interno del settore.

C'è bisogno di trovare un equilibrio. Ecco perché il settore deve lavorare con, piuttosto che contro, le autorità di regolamentazione, ove possibile.

La complessità del settore crypto, oltre alla fase nascente del settore e il livello di volume dato ai suoi critici, ha influenzato un'ampia gamma di persone a credere che per regolamentare le criptovalute, debbano reinventare la ruota.

Ci sono un certo numero di giurisdizioni in tutto il mondo che stanno adottando un approccio crypto-avanti alla regolamentazione. Il Liechtenstein, ad esempio, ha introdotto "The Liechtenstein Blockchain Act" nel 2019. Ciò l'ha resa una delle prime giurisdizioni a introdurre un quadro completo che disciplina l'economia dei token, insieme alle Bermuda, un territorio d'oltremare del Regno Unito, che ha introdotto un simile Digital Assets Business Act nel 2018. Allo stesso modo, il Regno Unito ha recentemente chiarito le sue ambizioni di diventare un hub globale per le criptovalute, segnalando i suoi piani per adottare un approccio pragmatico alla regolamentazione delle criptovalute.

All'avvento del Web2, le autorità di regolamentazione hanno lottato per adattarsi e legiferare per le tecnologie emergenti che dominano il mondo in cui viviamo oggi. Si può sostenere che, a parte il GDPR - Regolamento generale sulla protezione dei dati introdotto in Europa nel 2018 - ci sono state relativamente poche mosse normative straordinarie nel settore Web2 sin dal suo inizio. Funziona così sempre con le nuove tecnologie; le autorità di regolamentazione impiegano più tempo a lavorare con la nuova tecnologia, perché l'esperienza semplicemente non è ancora disponibile.

Lo stesso sta accadendo con Web3 in generale e con le criptovalute in particolare. Le autorità di regolamentazione di tutto il mondo stanno recuperando terreno e stanno cercando di capire in che modo questa tecnologia avrà un impatto sulle nostre società in futuro.

È possibile ottenere guadagni a breve termine aggirando le normative ora, ma a lungo termine, tutto ciò che farà è erodere la fiducia nel settore e aumentare la probabilità di normative prepotenti che soffocheranno l'innovazione.

Come devono prepararsi i leader del settore crypto?

Le autorità di regolamentazione stanno senza dubbio osservando il settore molto più da vicino rispetto a un anno fa. Ciò è probabilmente dovuto all'entità dei premi ricevuti da alcuni attori del mercato, al livello di esposizione al rischio per il pubblico in generale e al fatto innegabile che le criptovalute stanno diventando mainstream e dovrebbero essere trattate come tali. Le autorità di regolamentazione valutano le complessità di come governare al meglio questo settore, nel frattempo spetta a noi come leader del settore garantire che quando arriverà la regolamentazione, siamo pronti, abbiamo i nostri negozi in ordine e rispettiamo le regole. La lungimiranza è una cosa importante. Lo spettacolo del wild west è andato avanti per troppo tempo: per conquistare la fiducia delle autorità di regolamentazione, l'industria deve comportarsi come gli adulti che vuole essere.
_____

Stephen Stonberg, CEO di Bittrex Global, un exchange crypto.
______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Crypto Firms Flock to Dubai for Regulatory Clarity as UAE Cleans Its ‘Grey’ Reputation
- The Crypto Industry Needs to Unite to Bring Together a Global Regulatory Framework

- This Is Why 'the Government' Is Not Going to Ban Digital Assets
- Japanese Justice Ministry Wants Law Enforcers to Have Power to Seize Crypto