Chi ha creato Bitcoin (BTC)?

creatore di bitcoin

Bitcoin è la prima forma di denaro peer-to-peer decentralizzata al mondo. Ma chi ha creato un sistema così ingegnoso? Bene, potrebbe sorprenderti che non solo nessuno sa chi sia il creatore della criptovaluta e della rete di pagamento Bitcoin, ma anche che la sua scomparsa fosse ben allineata con il design di Bitcoin.

Chi è stato il creatore di Bitcoin?

È ampiamente noto che Bitcoin è il prodotto di un individuo o gruppo sconosciuto dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Più di 10 anni fa, il 31 ottobre 2008, scrisse su un'oscura mailing list di crittografia:

"Ho lavorato a un nuovo sistema di cassa elettronica completamente peer-to-peer, senza terze parti fidate."

Ha anche allegato un collegamento a un documento ora noto come Bitcoin Whitepaper. Successivamente, ha sviluppato la rete Bitcoin insieme ad altri sviluppatori per quasi due anni ed è improvvisamente scomparso entro la fine del 2010. La sua scomparsa è in linea con la controversia su Wikileaks. A quel tempo, Wikileaks è stato deplatformato da tutti i fornitori di servizi finanziari tradizionali, quindi bitcoin è stato suggerito come possibile mezzo di pagamento.

Satoshi non ha mai voluto che bitcoin ricevesse una tale attenzione in quel momento, il che è chiaro dai suoi post sul forum:

“Il progetto deve crescere gradualmente in modo che il software possa essere rafforzato lungo il percorso. Faccio questo appello a WikiLeaks per non provare a usare Bitcoin. Bitcoin è una piccola comunità beta nella sua infanzia. Non sopporteresti di ottenere più di spiccioli, e il calore che porteresti probabilmente ci distruggerebbe in questa fase. "

Dieci giorni dopo, il PC World ha pubblicato un articolo che suggeriva bitcoin come probabile strumento di pagamento per Wikileaks. Una tale sequenza di eventi ha spinto Satoshi a lasciare l'ultimo messaggio sul forum.

“Sarebbe stato bello ottenere questa attenzione in qualsiasi altro contesto. WikiLeaks ha preso a calci il nido di vespe e lo sciame si sta dirigendo verso di noi. "

creatore di bitcoin

Fonte: PCWorld.com

Da allora nessun messaggio pubblico è stato pubblicato da Satoshi. Sebbene ci fossero alcuni messaggi pubblicati sul suo account di fondazione P2P, si ritiene che l'account sia stato abbandonato e violato.

Chi è Satoshi Nakamoto?

Lui stesso ha affermato di essere un maschio di 37 anni che viveva in Giappone. Tuttavia, alcune persone hanno ipotizzato che fosse improbabile che fosse giapponese a causa del suo uso di un inglese perfetto e del suo software Bitcoin non documentato o etichettato in giapponese. Aveva anche un'impressionante conoscenza della storia finanziaria ed era un eccellente programmatore C ++. Ma anche se Satoshi ha lasciato più di 80.000 parole e un codice Bitcoin open source che tutti possono vedere e ispezionare, nessuno è riuscito a rivelare la sua identità.

Il misterioso inventore di Bitcoin potrebbe rimanere sconosciuto per sempre, ma ci sono alcuni indizi su chi potrebbe essere. Alcune persone si sono fatte avanti affermando di essere Satoshi, mentre altri erano implicitamente sospettati, ma lo hanno negato. Questi includono i primi sviluppatori di bitcoin e persone correlate con background software e fintech:

  • Nick Szabo. Un appassionato di valuta decentralizzata, cypherpunk e autore di Bit Gold, una valuta digitale spesso chiamata predecessore di Bitcoin. È stato citato anche nel white paper di Bitcoin. Szabo ha negato molte volte di essere Satoshi Nakamoto.
  • Wei Dai. Un ingegnere informatico e cypherpunk noto per aver creato un altro predecessore di Bitcoin B-money e una libreria Crypto ++.
  • Hal Finney. Pioniere di Bitcoin, cypherpunk e uno dei primi sviluppatori di Bitcoin. Ha ricevuto la prima transazione bitcoin da Satoshi Nakamoto nei primi giorni di Bitcoin. È morto il 28 agosto 2014.
  • David Kleiman. Un noto esperto di informatica forense, crittografo e autore. È morto il 26 aprile 2013.
  • Adam Back. Un cypherpunk e inventore di Hashcash, ora co-fondatore di Blockstream.
  • Dorian Satoshi Nakamoto. Un ingegnere informatico in pensione per società di servizi di informazione finanziaria e tecnologia. Ha negato di essere Satoshi Nakamoto e non ci sono prove che sia coinvolto con Bitcoin.
  • Craig S Wright. Un australiano che afferma di inventare Bitcoin insieme a David Kleiman. Le sue affermazioni sono state smentite da un'indagine approfondita dello sviluppatore di bitcoin core Jameson Lopp.

Tratti di Satoshi Nakamoto

Nonostante rimanga anonimo, ci sono molti indizi che potrebbero indicare il "vero" Satoshi Nakamoto. La precedente analisi dei post di Satoshi sul forum bitcointalk.org suggerisce che viveva in un fuso orario EST negli Stati Uniti.

Satoshi Nakamoto

Lo stile di scrittura di Satoshi rivela anche dettagli notevoli. Ha scritto in inglese britannico e ha usato espressioni come "scrivere una descrizione di Bitcoin per un pubblico generale è maledettamente difficile", il che potrebbe indicare le sue origini britanniche. Inoltre, era estremamente accurato con la sua scrittura e raramente commetteva errori di ortografia.

Un altro indizio che ha lasciato per gli appassionati di criptovaluta è nel primo blocco Bitcoin (noto come blocco genesis) dove ha codificato un messaggio segreto che recita:

"03/Gen/2009 Cancelliere sull'orlo del secondo piano di salvataggio per le banche."

Questo era il titolo del quotidiano The Times il 3 gennaio 2019. Non è un caso che Bitcoin sia emerso nel bel mezzo della crisi bancaria globale ed è il cosiddetto "antidoto" all'attuale fragilità dell'economia in cui viviamo.

Satoshi Nakamoto chi è

Fonte: Blockexplorer.com

Non è un segreto che Satoshi Nakamoto non avesse un debole per il sistema bancario contemporaneo. Nelle sue parole:

"Il problema principale con la valuta convenzionale è tutta la fiducia necessaria per farlo funzionare. Ci si deve fidare della banca centrale per non svilire la valuta, ma la storia delle valute legali è piena di violazioni di quella fiducia. Bisogna avere fiducia che le banche trattengano il nostro denaro e lo trasferiscano elettronicamente, ma lo prestano in ondate di bolle del credito con appena una frazione di riserva. Dobbiamo affidare loro la nostra privacy, fidarci di loro per non permettere ai ladri di identità di svuotare i nostri account ", è stato affermato nel white paper di Bitcoin.

Ad oggi, i primi portafogli Bitcoin presumibilmente di proprietà di Satoshi hanno oltre 1 milione di Bitcoin. Tuttavia, nessuno di quei Bitcoin è stato spostato e rimane ancora inattivo.

Perché Satoshi se ne andò?

Uno sviluppatore che afferma di aver lavorato con Nakamoto lo definisce paranoico, prepotente e un po 'strano. Poteva essere stato così paranoico da lasciare il protocollo a causa di tutto il fervore che ha iniziato ad attirare nel 2011? O c'era un'altra ragione?

Anche se oggi possiamo solo indovinare, la teoria prominente nella comunità Bitcoin è che Satoshi se ne è andato perché non voleva fuorviare lo sviluppo del protocollo Bitcoin. La sua presenza nella comunità avrebbe portato alla creazione di un'unica entità che avrebbe potuto influenzare lo sviluppo. In sostanza, i protocolli open source decentralizzati non dovrebbero essere influenzati dall'opinione di una persona, poiché ciò va completamente contro l'intero concetto di decentralizzazione. Pertanto, queste sono le probabili ragioni per cui Satoshi Nakamoto se ne è andato.

Satoshi se ne andò perché non voleva che la sua influenza influenzasse lo sviluppo del protocollo creando un unico punto di errore. L'idea stessa di "Satoshi Vision" è contro la visione di Satoshi per Bitcoin

— Federico Tenga (@FedericoTenga) 18 Luglio, 2018

L'idea è confermata dallo stesso Satoshi. Nella sua ultima email ha scritto:

"Sono passato ad altre cose. È in buone mani con Gavin (Anderson) e tutti ".

Non importa come e perché, Satoshi Nakamoto ha creato qualcosa che il mondo non ha mai visto prima: la prima valuta digitale e rete di pagamento veramente decentralizzata che non dipende da banche, governi e altre terze parti fidate.

Segui i nostri articoli su Satoshi Nakamoto per saperne di più.
 

______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT