15 giugno 2021 · 4 min read

I 3 progetti Kusama e Polkadot più innovativi nel crowdloaning

Dichiarazione di non responsabilità: la sezione Industry Talk presenta approfondimenti degli attori del settore delle criptovalute e non fa parte del contenuto editoriale di Cryptonews.com.

Polkadot

Sia Kusama che Polkadot hanno molto in comune. In effetti, Kusama presenta molto dello stesso codice di Polkadot, con la stessa architettura, che è una struttura multichain ed eterogenea che funziona su un modello Proof of Stake, piuttosto che su Proof of Work di Ethereum. Ciò significa che i progetti e le app realizzate con queste due architetture portano tempi di esecuzione più rapidi, grazie al loro approccio multi-chain e per l'utente finale, forse altrettanto importante, la possibilità di usufruire di commissioni di transazione molto più realistiche.

Mentre Kusama è eccellente come zona di sperimentazione per nuove tecnologie, startup e codici, con una bassa barriera all'ingresso, Polkadot si concentra maggiormente sul flusso aziendale e B2B, grazie alle sue caratteristiche di maggiore stabilità e sicurezza.

Entrambe queste reti offrono ai team la possibilità di svilupparsi su di esse possedendo una parachain. Gli sviluppatori dovrebbero passare attraverso le aste di slot Parachain per la comunità di entrambe le reti, il che significa rispettivamente i titolari dei token nativi KUS e DOT. Questo è un modo per gli sviluppatori che vogliono sfruttare l'utilità di questi protocolli per raccogliere fondi, senza bisogno di ICO, che ha i suoi vantaggi per gli investitori, inclusa la previsione per non imbattersi in frodi.

Qui esaminiamo 3 degli esempi più importanti di progetti che hanno utilizzato le aste di slot Parachain per lanciare i loro progetti:

Moonbeam

Moonbeam, che si basa su Polkadot, offre compatibilità e interoperabilità per le applicazioni blockchain con Ethereum, collegando efficacemente Ethereum a Polkadot, utilizzando smart contract. Il suo obiettivo è lavorare verso Web3, un modo per le app e gli utenti di utilizzare il Web, senza compromettere o monetizzare i propri dati personali. Si concentra sull'elemento dell'interoperabilità attraverso l'intero regno cripto. Offre l'implementazione con Ethereum Virtual Machine, un'API che rende i progetti Web3 compatibili e ponti che collegano Moonbeam alle catene di Ethereum.

Gli sviluppatori possono utilizzare gli strumenti che già usano per Ethereum, inclusi MetaMask, Remix, Hardhat e Truffle e possono utilizzare il codice esistente, che funziona immediatamente. Moonbeam sta pianificando di avere il proprio token di utilità, anche se ora si sta concentrando rigorosamente sull'interoperabilità multi-chain, che offre agli utenti l'accesso a una vasta gamma di token in tutto l'ecosistema Polkadot.

Protocollo Kilt

Potere alle persone e ritorno alla privacy dei dati, questa è la battaglia che Kilt Protocol sta combattendo. Questo protocollo fornisce all'utente un modo democratico e affidabile per rivendicare il potere sui propri dati e in effetti per proteggere i propri dati privati. Offrono certificati agli utenti, piuttosto che doversi registrare per prodotti e servizi utilizzando i dati di accesso, come e-mail, password e informazioni personali.

Questi dati sono normalmente penetrabili dalle società a cui gli utenti si registrano, poiché sono archiviati sui server delle società, rendendo questo un obiettivo interessante per gli hacker. Ciò rende anche le organizzazioni che archiviano questi dati più potenti, in grado di venderli o utilizzarli per scopi pubblicitari. Con Kilt, ci sono due parti coinvolte, la prima è l'Attester, che è un membro fidato della comunità Kilt. Verificheranno i dettagli dell'utente, noto come Claimer, e gli forniranno un certificato che corrisponde a un valore hash sulla blockchain. I garanti possono rimuovere questo certificato in qualsiasi momento se ritengono che l'utente abbia violato la fiducia. Questo valore hash è nascosto e sicuro, il che significa che è impossibile tentare di hackerare la blockchain per ottenere i dati, con l'ulteriore vantaggio di impedire ai monopoli di accedere ai dati degli utenti privati. Il Richiedente può presentare il certificato a qualsiasi servizio a cui desidera registrarsi, consentendogli di mantenere privati ​​i propri dati.

Anche entità e organizzazioni affidabili possono prendere parte a questa soluzione che mira all'interoperabilità nell'intero ambito delle cripto, oltre a fornire un'alternativa ai processi di registrazione, pronta per Web3.

Acala Network

Acala Network è un hub per la finanza decentralizzata, che offre agli utenti la possibilità di fare staking, swap, prendere in prestito, prestare e guadagnare con probabilmente il maggior beneficio di tutti, commissioni di microgas da pagare con qualsiasi token l'utente desideri. La rete compatibile con Ethereum utilizza la propria piattaforma per le transazioni, che è ciò che mantiene le transazioni straordinariamente basse in termini di costi e veloci rispetto alle velocità di transazione su Ethereum. Inoltre, tutti gli smart contract e le app basati su Ethereum possono essere implementati sulla rete Acala, che apre all'utente un'ampia selezione di asset cripto leader. Acala, che si basa su Polkadot, sta partecipando alle aste di slot Parachain, con molti esperti che prevedono un esito positivo, sul retro di questa rete rivoluzionaria, stabile, sicura e ricca di funzionalità.

Il token nativo di Acala, il dollaro Acala, è ancorato all'USD, il che lo rende stabile. I detentori di questa moneta diventano membri della comunità Acala, che fornisce loro diritti di governo e di voto, per determinare il percorso futuro di questo progetto.

Conclusione

Il crowdloaning di questi progetti e di altri su Kusama e Polkadot offre agli investitori un modo per ottenere visibilità su nuovi progetti solidi, non disponibili per coloro al di fuori delle loro comunità. Il crowdloaning è sicuro e protetto tramite le aste di slot Parachain, soprattutto se confrontato con le ICO.