Il 33% degli investitori ICO intervistati si sente ingannato, ma il 56% investirà di nuovo

Sead Fadilpašić
| 3 min read

Quasi il 33% degli investitori intervistati ritiene che il progetto di offerta iniziale di monete (ICO) in cui ha investito li abbia ingannati, così afferma la piattaforma di divulgazione cripto Xangle del gigante d’affari sudcoreano – Hanhwa Group . Tuttavia, il 56% di tutti gli intervistati ha affermato che farebbe un altro investimento se avesse in supporto più informazioni e ricerche.

fonte: Adobe/MoiraM

Gli investitori sono "entusiasti" di investire i propri soldi nel settore in forte espansione delle criptovalute, il che si traduce in un’espansione del settore in quanto viene incoraggiata la creazione di più progetti cripto, ma un certo numero di investitori ha riferito di aver sperimentato l’ultima cosa che desiderava: essere tenuto all’oscuro del progetto, si sente come se le informazioni gli venissero negate o, nel peggiore dei casi, scopre che i loro soldi sono scomparsi dall’oggi al domani insieme alla società, "ha scritto il team di Xangle nel suo rapporto ICO Retail Investor Sentiment & Outlook 2020. "Questo li ha allontanati dall’industria delle criptovalute forse indefinitamente."

Per comprendere meglio le esperienze degli investitori al dettaglio, Xangle ha affermato di aver intervistato 600 persone che vivono negli Stati Uniti e che hanno effettuato un investimento in una ICO tra il 2017 e ottobre 2020.

Hanno scoperto che il 32,7% degli investitori riteneva che le ICO li avessero ingannati o negato loro informazioni. La nota positiva è che la metà di tutti gli intervistati non ha condiviso questa esperienza. Tuttavia, il 17% non è stato in grado di determinare se sono stati ingannati o meno, il che significa che non conoscevano abbastanza il progetto o il settore per determinare se il progetto li avesse ingannati o ha negato loro informazioni.

Fonte: Xangle, ICO Retail Investor Sentiment & Outlook 2020

"Queste risposte mostrano un problema molto più grande intorno alla trasparenza e all’asimmetria delle informazioni", afferma il rapporto." L’asimmetria delle informazioni porta a confondere gli investitori sui progetti e alla percezione di essere volontariamente ingannati sulle informazioni rese disponibili."

Del 33% che si è sentito ingannato dalla propria ICO, il 54% ha affermato che i fondatori della ICO dovrebbero essere ritenuti penalmente responsabili delle loro azioni. Nel frattempo, il 19% credeva il contrario, ma "avere quasi il 30% degli intervistati incerti sul fatto che si sia verificata una negligenza criminale o una frode dimostra che ancora una volta c’è molto di più da fare per educare gli investitori".

Il 22% degli intervistati ha investito per la prima volta in una ICO nell’anno del boom, il 2017. Ma la maggior parte di loro, il 35%, ha investito per la prima volta nel 2018, seguito dal 26% nel 2019 e dal 9% nel 2020. "Questo mostra un costante interesse per le ICO, con nuovi investitori che arrivano costantemente ogni anno ", afferma il rapporto.

La maggior parte degli intervistati (55%) ha investito per guadagnare di più, mentre quasi il 23% desiderava investire nell’idea alla base del progetto e quasi il 17% nella tecnologia e circa il 5% ha affermato di voler essere uno dei primi utenti. Quasi la metà ha investito meno di 1.000 USD, probabilmente per testare le acque, mentre il 30% degli intervistati ha investito tra 1.001 USD e 10.000 USD. Solo il 2% ha investito più di 100.000 USD.

Detto questo, prima del loro investimento, questi intervistati hanno fatto affidamento sulla ricerca adeguata, suggerisce il rapporto, affermando che "quasi la metà [di] coloro che hanno investito ha preso la propria decisione in base al passaparola piuttosto che alla propria ricerca". In altre parole, il 46% ha appreso della ICO in cui ha investito da amici, familiari o colleghi di lavoro. Un altro 19% l’ha appreso dai forum, il 18% dai social media e il 15% da articoli di notizie, TV e altri media.

La metà degli investitori precedenti investe ancora in progetti cripto e l’altra metà no. "Se il 50% dei tuoi clienti ha provato il tuo prodotto e non è mai tornato, è una grande bandiera rossa che il cambiamento è necessario", afferma il rapporto. Gli intervistati hanno ritenuto che la mancanza di regolamentazione, consapevolezza e sicurezza stia frenando il mercato delle criptovalute, seguita dalla mancanza di trasparenza e casi d’uso. Scoprono che sono necessarie maggiore responsabilità, protezione degli investitori da parte del governo e delle autorità di regolamentazione, più informazioni e progetti più esclusivi per aumentare il consenso degli investitori.

Inoltre, il 30% degli intervistati ha avuto un’esperienza positiva nell’investimento, affermando che lo rifarebbe e non cambierà nulla, mentre l’11% ha risposto che non avrebbe mai più investito in una ICO e si è pentito di averlo fatto in primo luogo.

Fonte: Xangle, ICO Retail Investor Sentiment & Outlook 2020

____
Maggiorni informazioni:
VCs Learned Bitcoin & ICO Lesson The Hard Way – Marc van der Chijs
This Is How John McAfee Made USD 23m For Shilling ICOs (According to SEC)
Kik Loses Against SEC As Judge ‘Shreds’ ICOs – Expect More Cases
Another ICO Set to Close and Refund Investors, Blames Regulatory Fog