5 Notizie in 5 minuti – Le news della settimana dal 19 al 23 giugno nel tempo di un caffè

Marcello Bonti
| 3 min read

La settimana appena conclusa è stata caratterizzata da eventi interessanti. Primo tra tutti il ritorno delle richieste alla SEC statunitense degli ETF di Bitcoin, stavolta da parte di player del calibro di BlackRock e altri grossi gestori di capitali.

La notizia non è passata in sordina e BTC ha risposto subito a mille toccando nuovi massimi locali e portando con sé alla festa il resto del mercato. Ethereum non aspetta le buone notizie per continuare a innovare e interessanti novità sono state annunciate nella settimana, cambiano i criteri di staking e sono stati lanciati gli Ethscription.

La settimana è stata interessante, quindi accomodati e mentre metto su il caffè scopri le notizie più importanti del panorama crypto.

Le notizie della settimana in 5 minuti


Eccoti 5 notizie da leggere in 5 minuti per restare al passo con quanto è successo nel mondo crypto durante la settimana.

1. La richiesta per nuovi ETF dà la spinta a Bitcoin

Bitcoin chiude la settimana di nuovo a 30.000$, si tratta del livello più alto raggiunto da quando Terra USD ha perso il peg con il dollaro a maggio del 2022.

Fonte Coinmarketcap

L’aumento registrato in una settimana è intorno al 20%, a giustificare lo sprint di Bitcoin a 30.000$ questa settimana non sono stati solo i dati macro. Valkyrie il 22 giugno è stato l’ultimo tra i fondi di gestione di capitali che hanno presentato richiesta alla SEC per l’approvazione di un ETF spot associato all’andamento dei prezzi di BTC.

Si stima che le richieste per l’approvazione di un ETF spot su Bitcoin da parte di BlackRock, Fidelity, Invesco, Wisdom Tree e ora Valkyrie abbiano contribuito all’aumento del 19% del prezzo dal 16 giugno fino a 30.240 dollari.

2. ETH annuncia importanti cambiamenti

Cambiano i parametri dello staking di ETH a partire da questa settimana e la seconda crypto per dimensione di mercato lancia ethscription.

Le due importanti novità sono coincise con un periodo fortunato per il mercato, in cui le principali crypto hanno registrato una decisa spinta verso l’alto.

Mentre cresce l’interesse per gli ordinals, gli NFT basati su Bitcoin, il cofondatore del podcast Capsule 21 ha presentato gli Ethscriptions, simili agli Ordinals ma realizzati sulla blockchain di Ethereum.

Fonte OpenSea

Intanto, gli sviluppatori della crypto hanno proposto di aumentare il limite di deposito per i validatori da 32 a 2.048 ETH. L’effetto positivo sul prezzo è stato immediato. Di fatto la novità permetterebbe di abbattere i tempi di attesa per la creazione di un nodo per la convalida.

3. Le banche vogliono le crypto

Malgrado il perdurare dell’incertezza normativa negli Stati Uniti, in Europa si iniziano a registrare i primi effetti positivi dell’entrata in vigore del regolamento MiCA sui crypto asset.

Questa settimana ben due colossi del settore bancario hanno fatto richiesta alle autorità competenti per operare legittimamente con le criptovalute. La svolta per Bitcoin sembra iniziare grazie all’intervento delle banche.

La tedesca Deutsche Bank ha fatto richiesta alla BaFin, la nostra Consob, per la licenza a gestire un servizio di custodia per gli asset digitali, comprese le criptovalute.

Mentre la francese Crédit Agricole, tramite CACEIS, il ramo di asset servicing gestito insieme a Santander, ha ottenuto l’autorizzazione a fornire servizi di custodia di criptovalute dalle autorità francesi.

4. Intanto negli Stati Uniti la SEC…

L’ente di vigilanza sui mercati statunitense Securities and Exchange Commission (SEC), potrebbe mettere nel mirino le stablecoin e la finanza decentralizzata (DeFi). Questo quanto emerge da una ricerca condotta da Berenberg, pubblicata martedì.

Secondo gli analisti della banca d’affari USA guidati da Mark Palmer, se l’intenzione è limitare i protocolli DeFi non regolamentati come alternative a prestiti e trading tradizionali, l’obiettivo naturale sarebbero le stablecoin, di fatto l’ossatura della finanza decentralizzata.

5. In calo l’adozione crypto in Italia

Secondo il rapporto pubblicato dagli analisti di Triple A: Cryptocurrency around the world, nel 2023 il tasso di possesso delle criptovalute a livello globale sarà in media del 4,2%, con oltre 420 milioni di utenti di criptovalute in tutto il mondo.

A guidare la classifica di adozione ci sono USAIndiaPakistan, Nigeria e Vietnam. Nel report è possibile avere poi una visione dettagliata divisa per Paese. L’Italia rimane invece fanalino di coda con una percentuale di adozione pari al 2,43%.

Segui Cryptonews Italia sui canali social