18 ago 2021 · 3 min read

Exchange cripto in Corea del Sud: falliti i controlli normativi

Gli exchange di criptovalute della Corea del Sud hanno subito un altro duro colpo: tutte le piattaforme di trading della nazione non hanno superato i controlli normativi.

corea del sud criptovalute

Fonte: Adobe Stock/ michaklootwijk

Lo sviluppo della situazione non sarà di buon auspicio per il settore a poco più di un mese dall'entrata in vigore delle nuove normative, con anche i "quattro grandi " exchange (Korbit, Bithumb, Upbit e Coinone) che falliscono i loro controlli.

Come riportato in precedenza, a giugno, la Financial Services Commission (FSC) di regolamentazione ha collaborato con un certo numero di ministeri governativi e società IT statali per condurre un'"indagine completa sui conti aziendali", così come i protocolli di "gestione delle monete e protezione degli investitori" degli exchange.

L'FSC ha anche reclutato agenti di polizia e una serie di appaltatori esterni del settore privato, inclusi esperti di sicurezza e specialisti di rete.

Ma secondo l'Hankook Ilbo e l'Hankyroreh, il numero di exchange della Corea del Sud che hanno "superato" i loro "test" di audit era zero.

Exchange che utillizavano operazioni bancarie false o fraudolente

A luglio, il processo di audit ha evidenziato il fatto che un certo numero di exchange utilizzavano operazioni bancarie "false" o fraudolente, con una serie di casi riferiti alla procura.

Ma i "falsi" trasgressori bancari erano per lo più piattaforme di trading più piccole. E molti nel settore si aspettavano che le piattaforme fortemente sostenute come Upbit e co, passassero l'audit a pieni voti. Tale è stato il loro zelo per conformarsi ai desideri dei regolatori e continuare a operare dopo il 24 settembre, quando tutti gli  exchange diventeranno direttamente responsabili dell' FSC e la sua agenzia Financial Intelligence Unit (FIU).

L'FSC ha rilevato che su 33 exchange, solo 25 avevano ottenuto l'accreditamento del sistema di gestione della sicurezza delle informazioni, mentre i protocolli antiriciclaggio erano ancora "mancanti" nella maggior parte degli exchange. Hanno anche notato che nessuna delle piattaforme di trading ha ottenuto i contratti bancari autenticati richiesti, di cui avranno bisogno per continuare a fare affari dopo il 24 settembre.

I revisori hanno aggiunto che in numerosi casi il personale assegnato ai controlli antiriciclaggio era "nessuno o insufficiente", mentre anche le risorse del sistema di gestione del rischio erano "insufficienti".

Il regolatore ha aggiunto che in "molte attività" degli axchange cripto non c'erano "standard" per la quotazione o la cancellazione dei token, con sistemi di rilevamento delle frodi inadeguati e mancanza di strumenti per aiutare a rilevare incidenti di possibile manipolazione dei prezzi e insider trading.

Hanno mischiato crypto asset con fiat

L'FSC ha anche riferito che ci sono stati casi in cui gli exchange hanno "mischiato" la gestione dei depositi dei clienti e dei crypto asset "senza distinguere" tra fiat e monete di proprietà del cliente e della società stessa. In molti casi, ha osservato, non c'erano risorse di personale sufficienti per far fronte a picchi improvvisi negli utenti degli exchange o nei volumi di trading.

Le banche hanno precedentemente avvertito che solo i "quattro grandi" exchange potrebbero continuare ad operare alla fine di settembre, ma alcuni potrebbero obiettare che anche questa previsione, carica di sventura, sta iniziando a sembrare in qualche modo ottimistica.

____

 

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
___

Per saperne di più:
- Gli Exchange cripto cominciano ad autoregolarsi poichè i regolatori iniziano a colpire

- Trader di derivati cripto vanitosi: i regolatori li possono beccare
- Signs of a Crypto Regulatory Climbdown from South Korea’s Ruling Party

- S Korean Regulator to Force Crypto Overseas Exchanges to Abide by its Rules
- Korbit Reopens Offline Customer Service Center in Seoul’s Busy Gangnam