26 ott 2021 · 4 min read

Un'altra ricerca su Bitcoin omette dettagli importanti

bitcoin
Fonte: Adobe/terovesalainen

Un documento di ricerca afferma che Bitcoin (BTC) è ancora concentrato in "poche mani", con i primi 10.000 singoli possessori che controllano un terzo delle monete circolanti. Tuttavia, i membri della comunità di Bitcoin sottolineano che la ricerca è fuorviante.

Bitcoin è ancora concentrato in "poche mani"

Secondo il documento, scritto da due ricercatori del National Bureau of Economic Research (NBER), un'organizzazione di ricerca privata senza scopo di lucro americana, l'ecosistema di Bitcoin è "ancora dominato da attori importanti concentrati, che si tratti di grandi miner, holders di bitcoin o exchange. "

Il documento di NBER afferma che "questa concentrazione intrinseca rende bitcoin suscettibile al rischio sistemico e implica anche che la maggior parte dei guadagni derivanti da un'ulteriore adozione potrebbe ricadere in modo sproporzionato su un piccolo gruppo di partecipanti".

La ricerca è stata riportata anche da Bloomberg, che su Twitter ha affermato che "i primi 1.000 investitori individuali controllano circa 3 milioni di bitcoin e la concentrazione potrebbe essere ancora maggiore".

In risposta a queste affermazioni, Nic Carter, co-fondatore di Coin Metrics e socio fondatore di Castle Island Ventures, si è mosso per sfatare l'idea che le partecipazioni di BTC siano concentrate oggi come lo erano all'inizio di Bitcoin.

Carter ha detto: "Guardate il numero crescente di indirizzi con una quantità x di bitcoin e la [sua] offerta innegabile che sta diventando sempre più distribuita", osservando che "la distribuzione dell'offerta per dimensione dell'indirizzo" mostra che gli indirizzi più piccoli stanno guadagnando una quota maggiore del fornitura complessiva di monete.

Comunità di Bitcoin: la ricerca è fuorviante

Dopo che Carter ha aggiunto il suo ridimensionamento dell'articolo, il tweet originale di Bloomberg è stato cancellato, prima di essere successivamente pubblicato di nuovo senza i commenti di Carter e molti altri argomenti, dimostrando che la ricerca è fuorviante.

Bitcoin
Il coefficiente di Gini misura la (dis)uguaglianza nella distribuzione della ricchezza.

Tuttavia, altri membri della comunità hanno fatto notare lo stesso, con un utente che ha detto: "articolo distorto. Non è stato menzionato il trend di redistribuzione”. Sulla stessa nota, un altro utente ha affermato che "la macchina FUD sta riavviando i motori".

Nel frattempo, l'opinione di Carter ha  fatto eco alla ricerca della società di analisi on-chain Glassnode all'inizio di quest'anno che invece di sostenere che "il 2% dei conti" possiede il 95% di tutti i BTC in circolazione, ha riferito che il numero è in realtà più vicino al 71%.

All'epoca, la scoperta ha portato il co-fondatore e Chief Technology Officer di Glassnode Rafael Schultze-Kraft ad affermare che "il possesso di BTC è molto meno concentrato di quanto spesso riportato", aggiungendo che il rapporto ha anche dimostrato che si è effettivamente "disperso nel tempo".

Inoltre, le affermazioni secondo cui la stragrande maggioranza di bitcoin sono concentrati in poche mani non dovrebbero sorprendere il mondo della finanza tradizionale.

Ad esempio, la CNBC ha riferito solo la scorsa settimana che il 10% delle persone più ricche negli Stati Uniti possiede l'89% di tutte le azioni quotate negli Stati Uniti detenute dalle famiglie, pur osservando che il numero "evidenzia il ruolo del mercato azionario nell'aumento della disuguaglianza della ricchezza".

Steven Rosenthal, senior fellow presso l'Urban-Brookings Tax Policy Center, ha detto alla CNBC all' epoca che "l'1% più ricco possiede molte azioni, il resto di noi ne possiede un po'".

Bitcoin "suscettibile a un attacco del 51%"

Nel frattempo, la ricerca del NBER ha anche notato che la concentrazione di miner è ancora più profonda e che il 10% più alto dei miner controlla il 90% della capacità di mining di Bitcoin e solo lo 0,1% (circa 50 miner) controlla il 50% del mining capacità.

I ricercatori affermano che la concentrazione di miner rende Bitcoin "suscettibile a un attacco del 51%".

I dati forniti dal pool di mining Bitcoin BTC.com mostrano che, negli ultimi 3 giorni, otto pool (con oltre il 5% dell'hashrate ciascuno) hanno controllato il 91% dell'hashrate di Bitcoin, ovvero la potenza di calcolo della rete. E mentre alcuni di loro sono controllati dagli stessi proprietari, i miner competono tra loro.

Distribuzione del pool di mining di Bitcoin negli ultimi 3 giorni:

Bitcoin
Fonte: BTC.com

Inoltre, dopo che la Cina ha represso i miner di BTC locali all'inizio di quest'anno, l'hashrate globale è ora meglio distribuito in tutto il mondo.

E mentre, in teoria, i miner di BTC potrebbero coordinare un attacco del 51%, sarebbe estremamente difficile e costoso. Ad esempio, secondo i calcoli teorici di crypto51.app, un'ora di un simile attacco alla rete di Bitcoin costerebbe quasi 2,7 milioni di dollari. Inoltre, mentre questo tipo di attacco potrebbe minare la fiducia nella rete, danneggiando gli stessi miner, in pratica consente solo una doppia spesa, ma non consente all'attaccante di rubare le monete di tutti.

Guarda il formatore di Bitcoin Andreas Antonopoulos discutere della possibilità di un attacco del 51%:

____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
_______ 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
 

Per saperne di più:
- Ci saranno ancora divieti come quello della Cina?
-Bitcoin e cripto riducono la disuguaglianza di ricchezza