Home NewsBitcoin News

Argentina e Venezuela cercano una soluzione cripto per la disperazione economica

Di Tim Alper
Argentina e Venezuela cercano una soluzione cripto per la disperazione economica 101
Fonte: Adobe/Oleksii

La pandemia coronavirus ha mandato gran parte del mondo in un crisi economica - ma per alcune nazioni sudamericane, come Argentina e Venezuela, le turbolenze finanziarie precedono la crisi sanitaria di diversi mesi. Ora gli innovatori in entrambi i paesi si sono rivolti alla tecnologia blockchain e alla criptovaluta nel tentativo di tirar via le loro nazioni da un fosso sempre più profondo proprio ora che le ricadute finanziarie dovute al COVID-19 iniziano a mordere più forte.

In Venezuela, che secondo le stime di CNBC dell'anno scorso, deve 100 miliardi di dollari ai creditori stranieri e ha registrato tassi di inflazione del 10 milioni %, il governo ha perseguito quella che chiama "criptoeconomia", creando la propria criptovaluta sostenuta dal petrolio - con risultati decisamente contrastanti .

Ma le iniziative del settore privato oltre il confine in Colombia stanno anche tentando qualcosa di nuovo, che potrebbe potenzialmente aiutare i venezuelani a sfuggire ai pericoli dell'iperinflazione: il criptodollaro, un sostituto artificiale del dollaro americano sostenuto dal bitcoin (BTC).

L'innovazione nasce da un'idea di Valiu , una società colombiana specializzata in soluzioni di rimesse transfrontaliere.

L'amministratore delegato di Valiu, Simon Chamorro, ha twittato che il suo team ha lavorato "completamente a distanza" sul progetto a causa della pandemia di coronavirus, ma ha notato che il progetto era ora in fase di test alfa.

Valiu afferma di avere migliaia di aziende partner in Colombia, dove decine di lavoratori venezuelani vengono per svolgere lavori stagionali. L'idea è che questi lavoratori possano acquistare e inviare criptodollari ai parenti a casa, dove possono essere ricevuti in portafogli basati su smartphone.

Nel frattempo, in Argentina (che questa settimana ha ammesso di aver mancato un termine di rimborso del debito di 503 milioni di USD, secondo La Nation), l'alta inflazione ha perseguitato l'economia per diversi mesi.

Ciò ha portato all' aumento di interesse per tutte le cose legate alle criptovalute. Fino a poco tempo fa, questo interesse era in gran parte limitato al settore privato e ai singoli investitori.

Il settore pubblico e il governo inizialmente si erano rifiutati di avere a che fare con qualsiasi cosa legata alle criptovalute.

Tuttavia, come recita il vecchio adagio: i tempi disperati richiedono misure disperate. Alla fine del 2019, la banca centrale argentina ha annunciato che avrebbe incontrato le menti fintech e blockchain in una serie di meeting. Insieme, hanno detto, avrebbero cercato nuovi approcci per alimentare una rinascita economica.

E ora sembra che questi incontri stiano finalmente dando i loro frutti.

Come riportato, la Central Bank of Argentina ha iniziato a promuovere una dimostrazione del concetto basata sulla blockchain. Si tratta di una soluzione decentralizzata basata sulla tecnologia di contratto intelligente RSK che consentirebbe la tracciabilità end-to-end delle richieste di addebito sul conto. Questo sistema, lanciato nell'ambito della tavola rotonda sull'innovazione finanziaria del 2019 della Banca Centrale Argentina, in collaborazione con The Blockchain Group , è ora in fase di test da parte delle banche partecipanti per determinare la loro capacità di risolvere i problemi di integrazione dei processi tra banche e attori del sistema, dopo di che si deciderà se altre banche parteciperanno e se saranno definiti altri potenziali usi della rete.

Ma non è tutto:

Più Articoli