06 apr 2022 · 4 min read

Massacro Ucraina: ecco come rispondono alcune aziende crypto

 

criptovalute
Bucha, regione di Kiev. Fonte: Twitter/@Podolyak_M

 

Molte aziende di criptovalute stanno adottando misure per supportare gli utenti ucraini sulle loro piattaforme, ma poche sono disposte ad andare oltre le sanzioni ufficiali e bandire del tutto gli utenti dalla Russia, nonostante i massacri scioccanti in Ucraina e il fatto che più russi stiano sostenendo questa guerra.

 

I commenti sulla conformità alle sanzioni e su un potenziale divieto per gli utenti russi sono stati esaminati da Cryptonews.com, dopo aver posto due domande a una serie di importanti exchange crypto e ad altri fornitori di servizi crypto centralizzati:

  1. Man mano che emergono ulteriori prove di incomprensibili atrocità da parte delle forze russe in Ucraina (scopri il massacro di Bucha qui) e un numero crescente di russi sostiene la guerra (oltre l'80%, secondo i dati di Levada), qual è la strategia della tua azienda per offrire i tuoi servizi a Utenti russi?
  2. Se la tua azienda non sta valutando la possibilità di vietare gli utenti russi a questo punto, in quali circostanze considereresti di farlo?

Molte aziende hanno risposto con commenti, mentre poche hanno risposto direttamente alle domande e nessuna società di criptovalute ha affermato di aver vietato o di prendere in considerazione un divieto per gli utenti russi.

Massacro Ucraina: ecco come rispondono alcune aziende crypto

 

Tra coloro che hanno fornito le risposte più chiare alle domande c'era l'exchange di criptovalute Bitfinex, che ha affermato che non bloccherà l'accesso alla sua piattaforma di trading per "utenti russi innocenti".

L'exchange di criptovalute in una nota ha affermato:"Bitfinex prenderà le misure appropriate contro gli account degli utenti russi che sono stati sanzionati, ma l'exchange non ha intenzione di congelare unilateralmente gli account di tutti gli utenti russi innocenti", aggiungendo:

"Il nostro punto di vista è che le azioni di un governo non rappresentano necessariamente i desideri di tutti i suoi cittadini".

crypto
Fonte: levada.ru

 

Prendendo una posizione simile, l'exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti Kraken ha affermato di aver "sempre sostenuto le criptovalute sulla base del fatto che autorizza i diritti e gli interessi dell'individuo".

La dichiarazione di Kraken ha aggiunto che,

"Il congelamento dell'accesso agli asset digitali dei cittadini di un intero Paese non punisce necessariamente coloro che sono effettivamente responsabili e che potrebbero essersi già preparati alla possibilità di sanzioni generali".

Nel frattempo, un portavoce di BlockFi ha affermato che la società non ha esposizione di clienti in Russia e quindi non ha adottato alcuna misura al riguardo.

Il portavoce ha inoltre fatto riferimento ai precedenti commenti del fondatore di BlockFi e vicepresidente senior delle operazioni, Flori Marquez, che ha delineato misure di supporto per gli utenti ucraini, incluso l'accredito di stablecoin per un valore di 50 USD a tutti gli account utente ucraini.

Inoltre, Marquez nei suoi commenti del mese scorso ha affermato che BlockFi ha sospeso per 90 giorni i pagamenti dovuti sui prestiti da clienti con sede in Ucraina.

Allo stesso modo, l'exchange di criptovalute Gemini con sede negli Stati Uniti ha anche affermato di non avere operazioni in Russia e Ucraina, ma ha aggiunto che sta conducendo "un'analisi approfondita" per identificare "qualsiasi esposizione a parti o regioni sanzionate".

"Abbiamo lavorato per estendere i nostri controlli di blocco GeoIP per impedire l'accesso alla nostra piattaforma dalle regioni appena sanzionate", ha affermato un rappresentante di Gemini, aggiungendo che l'azienda ricorda ai clienti il suo impegno a rispettare le sanzioni.

Nel frattempo, il fornitore di servizi crypto Crypto.com non ha affrontato direttamente le domande, ma ha commentato che,

“La conformità è una priorità chiave per Crypto.com e prendiamo sul serio i nostri obblighi. Siamo consapevoli e rispettiamo tutti i requisiti sanzionatori applicabili”.

Infine, l' exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti e quotato in borsa Coinbase non ha offerto alcun commento, ma ha invece fatto riferimento a un post sul blog di marzo in cui affermava che la società è "impegnata a rispettare le sanzioni".

Secondo il post del blog, le misure dell'azienda includono il blocco dell'accesso ai servizi Coinbase per individui o entità sanzionati, la chiusura degli account esistenti per gli utenti che sono stati successivamente sanzionati, nonché l'identificazione proattiva degli indirizzi blockchain che sono affiliati a persone sanzionate al di fuori di Coinbase e l'aggiunta di questi a una "lista di blocco interna".

Molte altre società crypto, come Binance, FTX, OKX, AAX, KuCoin, Blockchain.com e Celsius non hanno risposto alla nostra richiesta di commento.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- L'Ucraina metterà all'asta le donazioni di NFT ricevute
- Come puoi contribuire ad aiutare l'Ucraina con le Crypto
- ‘Big Holes’ Undermine Russia Sanctions – And It's Not Crypto (Psst! It's Traditional Politics & Finance)
- BTC sta aiutando entrambe le parti nella guerra in Ucraina
- Oligarchi russi non useranno le crypto per eludere sanzioni
- USA e EU mirano i tentativi russi di evasione nelle crypto
- Gli exchange potrebbero essere costretti a bloccare i russi
- Animoca blocca gli utenti russi e Revolut condanna la guerra