Australia: nuova roadmap per la policy sulle criptovalute

 

Fonte: Adobe/totajla

 

L'Australian Prudential Regulation Authority (APRA) ha pubblicato una serie di aspettative iniziali sulla gestione del rischio per tutte le entità regolamentate coinvolte in attività relative alle criptovalute. Il regolatore ha anche emesso una roadmap per la policy fino al 2025. 

Nella sua lettera, APRA afferma che si aspetta che tutte le entità regolamentate adottino un approccio prudente quando intraprendono attività associate ai crypto asset. L'autorità di regolamentazione richiede a tali enti di garantire che tutti i rischi siano ben compresi e ben gestiti prima che vengano lanciate nuove iniziative. 

L'autorità di regolamentazione afferma che sta sviluppando un quadro prudenziale a lungo termine per le criptovalute e le attività correlate in consultazione con altre autorità di regolamentazione dall'estero. 

Secondo la sua roadmap per la policy, APRA intende:

  • In relazione alle attività relative alle criptovalute: consultare i requisiti per il trattamento prudenziale delle esposizioni di criptovalute da parte di entità australiane per gli istituti di deposito autorizzati (ADI) dopo che il Comitato di Basilea avrà completato la consultazione in corso. In Australia, questa consultazione dovrebbe essere svolta nel 2023 e nel frattempo l'APRA terrà conto della necessità di una guida prudenziale iniziale;
  • Per quanto riguarda il rischio operativo: anticipare i requisiti nuovi e rivisti per la gestione del rischio operativo, coprendo l'efficacia dei controlli, la continuità operativa e la gestione dei fornitori di servizi. Il progetto di norma prudenziale sarà pubblicato per la consultazione a metà del 2022;
  • In relazione alle stablecoin: l'agenzia valuterà possibili approcci alla regolamentazione prudenziale delle stablecoin. Questo lavoro sarà soggetto allo sviluppo di un quadro legislativo e normativo più ampio e l'APRA prevede di consultare i requisiti prudenziali per le strutture di grandi dimensioni immagazzinate (SVF) nel 2023.

Secondo la lettera, APRA si aspetta che tutte le entità regolamentate:

  • Condurre la due diligence e una valutazione completa del rischio prima di impegnarsi in attività associate alle criptovalute e assicurarsi anche che comprendano e dispongano di azioni per mitigare eventuali rischi risultanti;
  • Considera i principi e i requisiti degli standard prudenziali australiani quando fai affidamento su una terza parte nello svolgimento di attività che coinvolgono criptovalute;
  • Applicare severi controlli sulla gestione del rischio, con responsabilità chiare e report pertinenti sui principali rischi associati alle nuove iniziative.

 

APRA funge da regolatore prudenziale del settore dei servizi finanziari in Australia. L'agenzia sovrintende a banche, unioni di credito, società di costruzioni, vari attori del settore assicurativo, nonché la maggior parte dei membri del settore delle pensioni. Secondo i dati dell'autorità di regolamentazione, APRA supervisiona gli istituti che detengono un patrimonio complessivo di 7,9 trilioni di dollari australiani (5,9 trilioni di dollari) per i depositanti, gli assicurati e i membri di fondi pensione australiani.
 

______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

 

Per saperne di più:
- First Australian Bitcoin ETF Comes to Cboe
- Regolatori studiano il pump and dump nel mercato crypto
- Molte critiche alla SEC per la nuova definizione di exchange
- Argentina Launches Regulatory Sandbox for Crypto Innovators & Investors
- FMI: raccomandazioni sulla governance della DeFi