Bank of China emette la prima azione tokenizzata su Ethereum

Marcello Bonti
| 2 min read

BOCI ha annunciato di avere emesso note strutturate interamente digitali per un valore di 200 milioni di CNH. Bank of China Investment in collaborazione con la svizzera UBS è la prima istituzione finanziaria cinese a emettere un titolo tokenizzato a Hong Kong.

Il prodotto creato da UBS, risponde alle normative cinesi e svizzere ed è stato e collocato ai clienti nell’area Asia-Pacifico. Inizia così una collaborazione a lungo termine tra BOCI e UBS nel settore delle note strutturate digitali. Una nota strutturata è un prodotto finanziario che può tenere traccia di un paniere di azioni, un indice azionario, merci, valute, tassi di interesse e così via.

Il primo titolo digitale cinese su blockchain pubblica


Oggi la sede orientale di UBS con sede a Hong Kong ha dichiarato che la Bank of China Investment (BOCI) ha emesso titoli in forma di note strutturate per un valore di 200 milioni di CNH (28 milioni di dollari) solo in formato digitale sulla blockchain pubblica Ethereum.

L’emissione è stata effettuata dal ramo dedicato agli investimenti internazionali della Bank of China, di proprietà dello stato e la seconda banca più grande della Cina.

I titoli tokenizzati sono stati emessi nel rispetto delle leggi di Hong Kong e Svizzera grazie al servizio UBS Tokenize.

Ying Wang, Deputy CEO di BOCI ha dichiarato:

“BOCI è molto lieta di essere all’avanguardia nell’innovazione della finanza tecnologica e della finanza digitale. Lavorando insieme a UBS, stiamo guidando la semplificazione dei mercati e dei prodotti legati agli asset digitali, per i clienti dell’Asia Pacifica, attraverso lo sviluppo di prodotti strutturati digitali basati su blockchain, progettati specificamente per i clienti dell’Asia Pacifica.”

“Siamo incoraggiati dall’evoluzione dell’economia digitale di Hong Kong e ci impegniamo a promuovere la trasformazione digitale e lo sviluppo innovativo dell’industria finanziaria di Hong Kong.”

Con l’emissione di questi titoli digitali, BOCI e UBS rappresentano l’avanguardia dell’impiego a norma di legge della blockchain per l’emissione di prodotti finanziari indirizzati a una particolare utenza.

Si tratta del primo prodotto di questo tipo emesso nell’area Asia-Pacifico a norma di legge e realizzato su una blockchain di punta e pubblica come Ethereum.

Aurelian Troendle, Global Head of MTN Trading di UBS AG ha commentato: “Siamo lieti di collaborare con BOCI a questa transazione per portare i prodotti strutturati su una rete blockchain pubblica, sostenendo il crescente interesse dei nostri clienti in APAC per i prodotti di asset digitali completamente regolamentati”.

In particolare ha evidenziato i vantaggi dell’uso della tecnologia blockchain in termini di efficienza.

UBS si fa strada nel mondo digitale grazie alla blockchain


UBS è da tempo un pioniere della blockchain. È stata tra i promotori della Utility Settlement Coin, che poi è diventata Fnality, il progetto di settlement token voluto dalla banca e pronto per essere lanciato nel Regno Unito.

Alla fine dello scorso anno, UBS Wealth Management ha annunciato l’emissione di titoli per 50 milioni di dollari su blockchain riservati ai clienti ad alto patrimonio, (HNWI), con sede a Hong Kong e Singapore.

L’anno scorso la banca ha anche emesso un’obbligazione su blockchain da 370 milioni di dollari sullo Swiss Digital Exchange (SDX). Un’operazione innovativa perché costituisce il maggiore titolo digitale nativo emesso fino a oggi.

BOCI rappresenta l’istituto bancario d’investimento estero del Gruppo BOC e investe parecchio in innovazione tecnologica.

È stato il primo istituto finanziario cinese a emettere titoli strutturati all’estero. Attualmente, BOCI è uno dei principali emittenti con una gamma completa di prodotti, un grande volume di emissioni e servizi completi per i suoi clienti.

___

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali social