24 aprile 2021 · 2 min read

Le banche dovrebbero dire "grazie cripto" dopo l'impennata di clienti

Le banche commerciali sudcoreane dovrebbero dire "grazie cripto", hanno affermato i media locali, con gli investitori di asset cripto che affollano le loro piattaforme per usufruire di rampe fiat on/off per fare trading con i loro token.

Fonte: Adobe/mnimage

Secondo un rapporto di SBS, la Neobank K-Bank ha visto l'incredibile cifra di  1,7 milioni di nuovi clienti aprire conti nei primi tre mesi dell'anno, con Anyghyup Bank (NH) che ha ottenuto 100.000 nuovi clienti solo nelle ultime quattro settimane.

Le banche, che SBS ha suggerito fossero "sorridenti da un orecchio all'altro", stanno raccogliendo i frutti della Crypto Fever 2.0 della Corea del Sud, con le mamme cripto e le nonne cripto desiderose di unirsi agli eserciti di 20-39 anni nel fare investimenti in token.

Secondo la legislazione sudcoreana approvata il mese scorso, tutti i trader di criptovalute devono aprire conti bancari collegati con nome reale e numero di sicurezza sociale verificati presso le banche commerciali che collaborano con gli exchange su una base contrattuale di sei mesi.

K-Bank ha collaborato con l' exchange di criptovalute Upbit, che questa settimana, ha aggiunto SBS, ha visto i volumi delle transazioni di criptovalute su 24 ore superare i valori delle transazioni giornaliere del KOSPI, l'indice della più grande borsa della Corea del Sud.

NH, nel frattempo, offre servizi bancari ai clienti di Bithumb e Coinone. Bithumb ha visto transazioni di 2,4 miliardi di dollari sulla sua piattaforma il 22 aprile, con 900 milioni di dollari transati su Coinone.

Tuttavia, mentre le banche possono godersi salad days in tema cripto, il quadro è più cupo per i clienti degli exchange più piccoli che non hanno istituito protocolli bancari con nomi reali.

Le nuove leggi specificano che gli exchange che non riescono a creare accordi bancari entro il 24 settembre devono chiudere o affrontare accuse di responsabilità penale - fino alla detenzione.

Ma secondo i rapporti di Donga Ilbo e MBN, ci possono essere fino a 200 exchange di criptovalute in Corea del Sud, il doppio della stima del governo di "circa 100".

Ancora più preoccupante è il fatto che alcune delle piattaforme più piccole e più sconosciute sembrano ancora cercare di attrarre nuovi clienti, nonostante non abbiano protocolli bancari - né la certificazione antiriciclaggio e di sicurezza delle informazioni richiesta dalla legge - sul posto.

Alcuni di questi exchange, hanno notato gli autori dei rapporti, sembrano fare promesse stravaganti e persino "truffaldine" sulla quantità di denaro che i loro clienti possono sperare di fare sulle loro piattaforme.

Altri, i media, sembrano aver chiuso improvvisamente, lasciando poche tracce della loro presenza, con siti web fuori uso - e i clienti furiosi che affermano di essere stati lasciati a bocca asciutta.


___
Per saperne di più: 
- With Banks Turning to Bitcoin, Is It Finally Time to Long the Bankers?
- First Bank Caps Remittances in Bid to Block Kimchi Premium Opportunists
- US Banks Offering Crypto Custody is 'Insanely' Bullish and Risky
- Bitcoin, Ethereum & Stablecoin Tribes Fight Over Benefits Of OCC News
- Colombia’s Banco de Bogotá Begins Crypto Pilot
- BIS and SWIFT Intensify Race With Crypto For Cross-Border Payments
- Davos Watch: ‘Underestimated’ Digital Revolution & Unsafe 'Magic Money Tree'
- Russian Banks Given Power to Freeze or Block Crypto-linked Accounts
- Spanish Banking Giant Prepared For Bitcoin
- Several Swiss Banks Are 'Ready to Go' Upon Crypto Gateway Launch - SDX
- Crypto Can Disrupt Legacy Finance And Add Another Layer On It - Panel