26 giugno 2021 · 4 min read

"Grandi novità nella politica globale sulle criptovalute", il GAFI rimanda ad ottobre

Meno della metà dei paesi che aderiscono agli standard antiriciclaggio e di contrasto al finanziamento del terrorismo della Financial Action Task Force - Gruppo d'azione finanziaria (FATF - GAFI) hanno implementato i protocolli di regolamenti dell'ente del settore delle criptovalute, ma l'ente non sembra ancora eccessivamente preoccupato e mira a esaminare questo in modo più dettagliato nell'ottobre 2021.

Fonte: Adobe/weyo

Il GAFI ha completato oggi la sua ultima sessione plenaria e ha osservato in un comunicato ufficiale di aver completato la sua seconda revisione di 12 mesi dell'attuazione dei suoi standard sulle risorse virtuali e sui fornitori di servizi di asset virtuali (VASP - virtual asset service providers ), come gli exchange di criptovalute.

Gli autori del rapporto hanno concluso che "molte giurisdizioni hanno continuato a fare progressi nell'attuazione di queste revisioni", che sono state introdotte nel 2019. Il GAFI ha affermato che 58 su 128 giurisdizioni segnalanti hanno auto-segnalato l'attuazione degli standard GAFI rivisti, sebbene questo numero include sei nazioni che hanno completamente vietato agli exchagne di criptovalute di operare nei loro territori.

Il settore privato, ha aggiunto, ha “fatto progressi nello sviluppo di soluzioni tecnologiche per consentire l'attuazione della tanto diffamata Travel Rule.

Ma l'ente ha ammesso:

“La maggior parte delle giurisdizioni non ha ancora implementato i requisiti del GAFI. Ciò disincentiva ulteriori investimenti nelle soluzioni tecnologiche necessarie e nell'infrastruttura di conformità”.

E sosteneva che queste "lacune nell'attuazione" significavano che il mondo era ancora molto lontano dall'introdurre "salvaguardie globali per prevenire l'uso improprio dei VASP per il riciclaggio di denaro o il finanziamento del terrorismo".

L'ente ha concluso:

"La mancanza di regolamentazione o l'attuazione della regolamentazione nelle giurisdizioni può consentire un uso improprio continuo delle risorse virtuali attraverso l'arbitraggio giurisdizionale".

In una conferenza stampa, il presidente del GAFI Marcus Pleyer è apparso relativamente indifferente e ha suggerito che la prossima sessione plenaria, prevista per Ottobre 2021, affronterà la questione in modo più dettagliato.

Pleyer ha parlato dopo aver rivelato che Malta - una base per alcune aziende legate alle criptovalute - era stata inserita nella lista grigia del GAFI. Quest'ultima è un elenco di nazioni che il GAFI afferma dovrebbero essere poste sotto misure di "maggiore monitoraggio". I paesi nella lista grigia sono incaricati di lavorare in modo proattivo con il GAFI "per affrontare le carenze strategiche nei loro regimi per contrastare il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e il finanziamento della proliferazione".

Malta, che è stata inserita nell'elenco insieme a Tahiti, Filippine, Sud Sudan, ospita un "gran numero di gravi problemi", ha affermato il capo del GAFI, tra cui "problemi di riciclaggio di denaro", "società di comodo anonime" e collegamenti alla “criminalità organizzata”.

Un giornalista ha chiesto a Pleyer se la decisione di inserire Malta nella lista avesse qualcosa a che fare con la regolamentazione delle criptovalute (o la sua mancanza). Ma il capo del GAFI ha risposto negativamente, affermando invece che la plenaria di Ottobre si occuperà della policy cripto in modo più dettagliato.

Ha affermato che il GAFI stava "ora aiutando i paesi e il settore privato a implementare" gli standard emessi nel 2019 e avrebbe "pubblicato una guida per l'emissione in Ottobre" - confermando che le questioni relative alla policy cripto "non erano un problema" per Malta in questa fase .

Nel settore delle criptovalute, molti hanno accolto con favore la notizia, sottolineando che il "volume di feedback" che il GAFI aveva ricevuto sui documenti di consultazione aveva costretto l'ente a rimandare il problema.

Tuttavia, c'è stata una risposta più cauta dalla Blockchain Association con sede negli Stati Uniti, che ha definito il ritardo una "vittoria, ma piccola". Ha affermato che uno dei suoi "problemi" con la guida includeva questioni relative alla finanza decentralizzata ((DeFi), spiegando:

"Il GAFI tenta di affrontare le attività illecite nell'ecosistema DeFi espandendo gli obblighi di conformità dei VASP a qualsiasi individuo o entità che tragga profitti "sia diretti che indiretti" da un protocollo DeFi".

Ma, ha affermato l'associazione, questo approccio "non è praticabile" in quanto "impone obblighi normativi a individui ed entità che, a causa della natura decentralizzata del protocollo, hanno un controllo limitato su come si accede o si utilizza il protocollo".

L'associazione ha concluso di aver raccomandato al GAFI di "ritardare l'attuazione" del suo "approccio fuorviante per un anno", cosa che consentirebbe agli "stakeholder del settore e alle autorità di regolamentazione" di sviluppare un nuovo approccio "che aiuterà effettivamente le autorità di regolamentazione a compiere la loro missione".

Ha aggiunto che "continuerà a lavorare" con il Tesoro americano su "opzioni alternative per mitigare i rischi AML/CFT".

 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
____
Per saperne di più: 
- Crypto Industry's Lobbying Power Grows As Former Officials Change Sides
- FATF Makes Small Crypto Platforms Easy Prey For Big Players

- Updated FATF Crypto Guidelines Still ‘Predicated on Centralized Control’
- Financial Sector Players Call for Improved KYC Regulations