18 Feb 2022 · 4 min read

Binance guiderà centro crypto dell'Associazione Banche Russe

Binance Russia
Fonte: AdobeStock / photo_gonzo

 

Il cripto exchange Binance si è unito all'Associazione delle banche russe (ARB), in cui il suo dirigente per la Russia e il CIS (Commonwealth degli Stati Indipendenti) sarà a capo di un nuovo dipartimento crypto.

Secondo Prime, il crypto exchange Binance ha diffuso un comunicato stampa sulla questione ai principali media russi, dove ha spiegato che il suo capo di Russia e CIS Olga Goncharova dirigerà il nuovo centro di esperti dell'ARB per le attività finanziarie digitali e le valute digitali (traduzione letterale).

Nuovo Expert Center diretto da Binance

L'exchange ha dichiarato che la sua entrata nell'associazione aiuterà a "fornire un dialogo con le autorità federali, i legislatori, gli esperti nel campo delle attività finanziarie digitali e le valute digitali".

Il nuovo "Expert Center" aiuterà a compilare "opinioni professionali sulla circolazione delle attività finanziarie digitali e delle valute digitali", e fornirà ai membri "materiale esperto e analitico" sul tema delle crypto, oltre a fornire "esperienza internazionale".

Sarà anche "impegnata nel dialogo" con "le autorità federali e i legislatori".

Il mese scorso, ha riportato Reuters, la leadership locale dell'exchange ha lasciato intendere che vedeva "prospettive di nuovi regolamenti che avrebbero incrementato il loro business".

Il direttore dell'Europa orientale di Binance, Gleb Kostarev, ha dichiarato che la piattaforma di trading "spera in un approccio normativo progressivo dalla Russia che potrebbe influenzare l'approccio adottato dai suoi vicini".

Egli ha detto:

"Il nostro obiettivo è quello di ottenere una licenza e condurre attività legali dove il regolamento lo permette".

L'ARB è il più grande collettivo bancario russo ed è stato formato nel 1991. Attualmente ha 240 membri, secondo il suo sito web, ma a causa di una controversia del 2017, non comprende più le otto principali banche della nazione - compresi i giganti Sberbank, VTB e Gazprombank - tra i suoi numeri.

Nel comunicato sulla questione, il vicepresidente dell'ARB Anatoly Kozlachkov è stato citato per aver dichiarato:

"Abbiamo una vasta esperienza nell'interazione con i regolatori russi, rappresentando gli interessi della comunità bancaria. Vogliamo prendere una posizione più attiva sulla questione delle crypto e contribuire allo sviluppo di una regolamentazione equilibrata. Terremo conto degli interessi del mercato e garantiremo la protezione dei cittadini russi dalle frodi".

L'ente ha aggiunto che la "comunità bancaria russa non può rimanere distaccata dalla discussione sviluppatasi" che riguarda la regolamentazione della "circolazione degli asset finanziari digitali".

Secondo quanto riportato da Izvestia, l'ARB ha dichiarato che i suoi membri "non avranno alcun problema" ad imporre le misure relative alle criptovalute proposte dal Ministero delle Finanze in un progetto di legge sulla regolamentazione crypto, il quale dovrebbe essere presentato oggi.

Izvestia ha dichiarato di aver parlato con diverse banche, tra cui le "otto principali", nessuna delle quali ha dichiarato di riscontrare problemi con le misure. Queste misure propongono di creare un sistema in cui tutte le transazioni di criptovalute sono fatte attraverso piattaforme bancarie - dove possono essere monitorate per l'evasione fiscale e le violazioni del riciclaggio di denaro.

Un sistema simile esiste attualmente in Corea del Sud, dove gli exchange di criptovalute devono stipulare contratti individuali con i partner bancari. Tuttavia, nella nazione dell'Asia orientale, le banche sono anche tenute ad accettare tutti i rischi finanziari associati, il che potrebbe non essere il caso del sistema russo proposto.

Le banche russe e i relativi esperti sono stati citati per aver dichiarato che potrebbero essere necessari "diversi mesi per creare un tale sistema", con alcuni che sostengono che il costo della creazione di piattaforme tecnologiche sarebbe probabilmente a carico dei clienti che utilizzano le criptovalute. Ma le banche sembravano generalmente positive sulle prospettive di adozione.

Eppure, il D-Day delle criptovalute in Russia ha avuto un inizio un po' lento. Le divisioni tra il Ministero delle Finanze e la Banca Centrale (che sta ancora spingendo per un divieto sulle criptovalute) hanno rischiato di far deragliare una spinta per regolare l'industria nei prossimi mesi, e potrebbe ancora trasformare il D-Day in un fiasco.

Ma nonostante il ministero abbia affermato che il disegno di legge sarebbe stato reso pubblico oggi, il gabinetto russo non aveva nemmeno visto il progetto di legge sulle criptovalute al 17 febbraio.

Il servizio stampa del gabinetto ha comunicato ieri alla Tass:

"[Il documento] non è stato ancora presentato".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Late Drama Threatens to Disrupt Russian Crypto Regulation Plans
- Russian Central Bank & Government Fail to Agree on Crypto Regulation; New Limits Proposed

- New Russian Law ‘Will Dampen Public’s Interest in Crypto’, Says Biz Leader
- 2022 Crypto Regulation Trends: Focus on DeFi, Stablecoins, NFTs, and More