2023-02-07T11:57:00+00:00 . 2 min read

Binance sconvolge il settore crypto con un blocco dei trasferimenti in dollari

Binance
Fonte: Binance / Instagram

Binance, il più grande exchange crypto al mondo per volume di trading, ha annunciato che sospenderà momentaneamente i prelievi e i depositi in dollari per i clienti internazionali, a partire da mercoledì 8 febbraio.

L’exchange guidato da Changpeng Zhao, noto anche come CZ, ha aggiunto che gli altri metodi di trasferimento non saranno interessati ed ha sottolineato che la sospensione riguarderà solo “una piccola parte” dei suoi utenti. L’azienda non ha fornito ulteriori informazioni, ma ha spiegato che “sta lavorando per riavviare il servizio il prima possibile”.

Inoltre Binance US, un’unità della società regolamentata nell’ambito del Financial Crimes Enforcement Network del Dipartimento del Tesoro, ha dichiarato in un tweet di non essere interessata dalla sospensione. La mossa si applica quindi solo ai clienti non statunitensi che trasferiscono denaro da o verso conti bancari in dollari.

Signature Bank limita i pagamenti di Binance

Binance ha deciso di intraprendere questa strada in un momento in cui sta affrontando problemi bancari negli Stati Uniti. In aggiunta il mese scorso, la Signature Bank, partner bancario dell’exchange, ha innalzato i minimi di transazione per i trasferimenti in dollari, annunciando che non avrebbe effettuato i pagamenti se l’importo trasferito era inferiore a 100.000 dollari. La decisione è stata presa perché la banca aveva dichiarato a dicembre di voler ridurre le proprie attività nel settore crypto, eliminando circa 10 miliardi di dollari di depositi.

Signature Bank e Silvergate sono entrambe le più grandi banche crypto. Tuttavia il duo è stato duramente colpito dalla crisi del mercato delle criptovalute dello scorso anno, che ha visto circa 2.000 miliardi di dollari di valore spazzati via.

Entrambe hanno ricevuto prestiti miliardari dalle Federal Home Loan Banks, un sistema progettato per sostenere i finanziamenti immobiliari e gli investimenti delle comunità in seguito al crollo dell’exchange FTX.

Signature Bank ha ricevuto quasi 10 miliardi di dollari di finanziamenti dalla sua banca locale di mutui immobiliari nell’ultimo trimestre del 2022, mentre Silvergate ha ricevuto almeno 3,6 miliardi di dollari. I prestiti di Signature sono più che raddoppiati rispetto alla somma più elevata degli ultimi anni, mentre il 2022 è stato il primo anno in cui Silvergate ha fatto ricorso alle banche di mutui immobiliari.

In seguito al crollo di FTX, la banca Silvergate ha subito una corsa agli sportelli. Quindi, oltre a chiedere prestiti, la banca ha dovuto vendere 5,2 miliardi di dollari di titoli di debito che deteneva in bilancio con una perdita significativa per coprire circa 8,1 miliardi di dollari di prelievi degli utenti. Il risultato è stato una perdita di 718 milioni di dollari, che secondo quanto riferito supera i profitti totali della banca dal 2013.

Leggi anche

Segui Cryptonews Italia sui canali Social

   
7 febbraio 2023 12:57 CET

Articoli consigliati