Bitcoin crolla verso i $ 30.000 dopo i dati del CPI

Gaia Rossi
| 2 min read

Bitcoin

Nel corso delle ultime 24 ore, il mercato crypto ha vissuto un’improvvisa e drastica caduta, con i prezzi che si sono precipitati verso livelli più bassi. Tuttavia, non tutto è perduto, poiché alcuni asset crypto hanno mostrato resistenza in questa tempesta.

In particolare il valore di Bitcoin ha continuato a muoversi all’interno di un range compreso tra i 30.000 e i 31.000 dollari, ma adesso si trova pericolosamente vicino al limite inferiore.

Gli investitori di Bitcoin hanno avuto una giornata difficile, poiché il prezzo non è riuscito a superare la soglia dei 31.000 dollari, offrendo così un’opportunità ai ribassisti di prendere il controllo.

I ribassisti sono riusciti a spingere il prezzo di BTC al ribasso, generando una serie di candele rosse. Bitcoin ha toccato un minimo di 30.200 dollari su Binance e al momento viene scambiato intorno ai 30.400 dollari, con una perdita dell’1% rispetto al giorno precedente.

BTC

Fonte: TradingView

L’aumento della volatilità coincide con la pubblicazione dei dati dell’Indice dei Prezzi al Consumo (CPI) di questo mese. Il Bureau of Labor Statistics ha reso pubblici i dati ieri e sono risultati al di sotto delle aspettative.

La reazione del valore di Bitcoin è stata immediata, come si può osservare nel grafico qui sopra, ma i rialzisti non sono riusciti a sostenere il suo slancio e il prezzo è crollato subito dopo.

Sarà fondamentale, quindi, monitorare da vicino l’andamento dei prezzi nelle prossime ore per capire se Bitcoin  riuscirà a mantenere il supporto a 30.000 dollari o se subirà ulteriori perdite.

Altcoin in bilico


Anche il mercato delle altcoin ha registrato leggeri ribassi, sebbene vi siano alcune eccezioni. In particolare Litecoin (LTC) continua a dimostrare una solida performance, con un aumento di circa il 3,5% durante la giornata. Mentre Chainlink, UNI, BCH ed ETC si trovano in territorio positivo,  anche se i guadagni sono modesti.

Non tutte le altcoin, però, hanno avuto la stessa fortuna. La crypto che ha registrato la perdita più significativa nella giornata è stata KAVA, con un calo dell’11% in sole 24 ore. Seguono Algorand e Maker nella classifica delle altcoin in ribasso.

Invece KAS di Kaspa ha registrato un aumento del 9,2% nell’ultima giornata, diventando il migliore in termini di performance. Ciò porta il suo guadagno totale settimanale al 25%. In effetti KAS si posiziona anche come la migliore performer degli ultimi sette giorni.

Complessivamente, il mercato sembra trovarsi in una fase di consolidamento e l’annuncio dell’IPC non ha avuto un grande impatto sulla situazione attuale. Tuttavia, è importante sottolineare che periodi prolungati di trading all’interno di un range possono spesso essere precursori di movimenti più ampi in entrambe le direzioni.

 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali social