23 mag 2022 · 4 min read

I flussi di fondi Bitcoin e crypto diventano negativi

Bitcoin
Fonte: Adobe/Alexander Limbach

 

I flussi di fondi crypto sono diventati negativi la scorsa settimana, dopo i forti afflussi della settimana prima, portando il totale degli asset in gestione al minimo da luglio 2021. Inoltre, sia i segnali on-chain che il mercato dei derivati ​​crypto stanno dipingendo un quadro cupo per il breve termine.

Secondo i dati della società di investimento e ricerca in criptovalute CoinShares, la scorsa settimana i fondi di investimento basati su criptovalute hanno perso un totale di 141 milioni di dollari, una forte riduzione rispetto ai 274 milioni di dollari aggiunti la settimana prima.

I deflussi della scorsa settimana provenivano principalmente da fondi basati su bitcoin (BTC), che ha visto deflussi vicini a 154 milioni di USD. Per gli altri fondi single-asset, le variazioni sono state minime nel corso della settimana, con i fondi ethereum (ETH) che hanno perso 0,3 milioni di dollari e i fondi solana (SOL) che hanno aggiunto 0,5 milioni di dollari.

L'eccezione degna di nota, tuttavia, sono i cosiddetti fondi multi-asset, o fondi supportati da due o più criptovalute. Questi fondi hanno registrato afflussi per 9,7 milioni di USD, con CoinShares che suggerisce che gli investitori considerano questi fondi "più sicuri rispetto ai prodotti di investimento a linea singola durante periodi di volatilità".

Crypto
Fonte: CoinShares

Spiegando le mosse del mercato, gli analisti di Genesis Global Trading hanno affermato, in una nota citata da Bloomberg, che è probabile che BTC rimanga nella sua gamma attuale tra 29.000 e 31.000 USD "per le prossime due settimane".

Altri, tuttavia, hanno affermato che ci si dovrebbe aspettare una maggiore volatilità al ribasso prima che il mercato si muova ancora una volta al rialzo.

“Se S&P scende ancora un po', ciò dovrebbe portare ad un crollo finale e una grande opportunità di acquisto per bitcoin. C'è molta tendenza al ribasso e dovremmo avvicinarci a un momento in cui vorrai davvero acquistarlo nei prossimi due mesi", ha affermato lo stratega tecnico di Fundstrat Global Advisors Mark Newton nello stesso rapporto.

Improbabile ripresa a breve termine nel crypto market

Nel frattempo, l'exchange di criptovalute Bybit e la società di ricerca Nansen hanno affermato nel suo rapporto State-of-the-Industry di maggio che è improbabile che ci sarà "una rapida ripresa a breve termine" nel mercato delle criptovalute, a giudicare dalla percentuale di stablecoin detenute dai wallet, che si dice sia salito ad aprile e maggio dopo essere caduto a marzo.

Inoltre afferma il rapporto che "[...] la percentuale di stablecoin detenuta dai wallet è effettivamente aumentata in relazione alla percentuale di possesso in calo a marzo", aggiungendo che il calo di marzo è stato "un precursore di un forte rimbalzo all'interno del più ampio mercato delle criptovalute".

Inoltre, il rapporto afferma anche di aver notato un picco di attività sulla rete Bitcoin da marzo. Il picco potrebbe essere dovuto a più grandi aziende tecnologiche che esplorano Bitcoin Lightning Network, ipotizza il rapporto, osservando che aumenti simili nell'attività di rete sono stati osservati anche su Polygon (MATIC) e Solana.

Inoltre afferma il rapporto che Avalanche (AVAX), d'altra parte, ha visto una riduzione dell'attività on chain a causa della "maggior parte delle sue attività on-chain che si è spostata sulle sue sottoreti".

Infine, lunedì, la società di analisi crypto Glassnode ha scritto nella sua newsletter settimanale che BTC è stato scambiato al ribasso per otto settimane consecutive, rendendola la "serie continua di candele rosse settimanali più lunga della storia".

Segnali dei derivati crypto: paura di un ulteriore ribasso 

Ha aggiunto che i segnali dei derivati ​​crypto, inclusa la volatilità implicita (IV) delle opzioni BTC, suggeriscono che c'è ancora paura di un ulteriore ribasso per "i prossimi tre-sei mesi". Inoltre, anche i segnali on-chain sembrano più deboli con una minore domanda di blockspace su entrambe le reti Bitcoin ed Ethereum.

Dati questi fattori, "è probabile che il lato della domanda continui a vedere venti contrari", ha concluso Glassnode.

Il prezzo di Bitcoin ed Ethereum

Alle 15:44 UTC, BTC è stato scambiato a 30.450 USD ed è aumentato del 2% in un giorno e in calo di quasi il 3% in una settimana. ETH è aumentato di quasi il 4% in un giorno e in calo di oltre il 3% in una settimana.

________

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più: 
- Analisti divisi sulle prospettive di Bitcoin e crypto
- Crypto & Stocks 'Decoupling' Prediction Flops but There's Still Hope 
- Bitcoin Halfway to Next Halving – What Can History Teach Us?
- As Bitcoin Keeps Tanking, Arthur Hayes Joins Chorus of USD 1M BTC Predictors and Warns of 'The Doom Loop'
- The Merge di Ethereum potrebbe ridurre la domanda di BTC
- Prezzo di Bitcoin più basso con l'aumento dei tassi?