22 giu 2022 · 5 min read

Bitcoin e criptovalute scendono ancora

Criptovalute
Fonte: AdobeStock / Alex

 

Mercoledì il mercato delle criptovalute è tornato a scendere, dopo un certo ottimismo all'inizio della settimana che lasciava presagire che il minimo storico fosse ormai alle spalle. Secondo gli analisti, le prospettive per le criptovalute sono ora molto incerte, alcuni avvertono che i prezzi potrebbero crollare sulla base dei precedenti storici, mentre altri indicano i rischi derivanti dall'economia in generale.

Il prezzo di Bitcoin ed Ethereum

Alle 10:55 UTC di mercoledì mattina, bitcoin (BTC) è stato scambiato a 20.440 USD, in calo del 3,8% nelle ultime 24 ore e dell'8,1% negli ultimi 7 giorni. Allo stesso tempo, ethereum (ETH) si è attestato a 1.090 USD, in calo del 6% per il giorno e del 10,3% per la settimana.

Bitcoin negli ultimi 30 giorni:

Bitcoin
Fonte: CoinGecko

Commentando la situazione nei mercati finanziari più ampi, Mohamed A. El-Erian, presidente del Queen's College dell'Università di Cambridge, ha dichiarato mercoledì su Twitter che i mercati stanno segnalando "preoccupazioni" per la crescita economica globale.

Il noto economista ha affermato: "Ciò segue un notevole cambiamento di consenso recentemente tra gli economisti nel vedere la stagflazione come la linea di base e la recessione come un rischio crescente".

Secondo un commento degli analisti di mercato Bitfinex condiviso con Cryptonews.com, la turbolenza è tornata nel settore crypto, poiché "l'inflazione elevata minaccia le valutazioni di tutti gli asset a rischio", aggiungendo:

"Bitcoin, che si è rivelato un'eccellente copertura contro l'inflazione monetaria, è stato rivalutato alla luce dell'inizio dell'inflazione al consumo. Poiché le banche centrali continuano a invertire le politiche precedentemente accomodanti, possiamo aspettarci una maggiore volatilità nel prezzo di bitcoin".

Nessuna conferma che la vendita sia ancora finita

Commentando più specificamente le prospettive del prezzo di bitcoin, Chris Burniske, partner della società di venture capital crypto Placeholder, ha affermato di "aspettarsi un luglio difficile" dato che bitcoin non è mai rimasto al di sotto della sua media mobile di 200 settimane per due settimane o più.

Il grafico settimanale di bitcoin ha chiuso al di sotto della media mobile di 200 settimane la scorsa settimana e resta ancora da vedere se chiuderà al di sotto di essa alla fine di questa settimana.

Al momento in cui scrivo, la media mobile di 200 settimane di bitcoin si attestava a 22.416 USD.

Nel frattempo, fornendo un aggiornamento sulla sua opinione sulla recente tendenza al ribasso nel mercato di bitcoin, Arthur Hayes, un saggista di criptovalute ed ex CEO dell'exchange di criptovalute BitMEX, ha affermato di ritenere che il crollo di BTC a 17.600 USD lo scorso fine settimana sia stato causato da un venditore, che ha innescato una corsa agli arresti.

Hayes ha aggiunto che il mercato "si è rapidamente ripreso con un volume basso", dopo che i venditori hanno finito, aggiungendo che non sa se le vendite siano ancora finite.

"Per gli abili cacciatori, potrebbero esserci ulteriori opportunità di acquistare monete da coloro che devono colpire ogni offerta, indipendentemente dal prezzo", ha scritto Hayes.

Commentando lo stesso, Joe DiPasquale, CEO del gestore di criptovalute BitBull Capital, ha dichiarato all'inizio di questa settimana che stava cercando di "osservare le reazioni del mercato ai nuovi minimi", prima di formarsi un'opinione sulla direzione a breve termine per le criptovalute.

DiPasquale ha affermato in un commento via email: “Questa si è rivelata una buona strategia, poiché il crollo di questa settimana è stato persistente, senza molto sollievo. La riunione della Federal Reserve degli Stati Uniti è andata come previsto e in seguito Bitcoin ha subito un forte calo".

Ha aggiunto che la sua azienda ha contrassegnato le fasce di prezzo da 19.000 USD a 20.000 USD e da 16.000 USD a 17.000 USD come "aree di interesse", osservando che Bitcoin "è rimbalzato da quest'ultimo".

"Tuttavia, a meno che non recuperi con successo 20.000 USD con volumi e offerte elevati, non ci aspettiamo che il rally continui", ha affermato DiPasquale, prima di avvertire che "è probabile che il trend macro rimanga ribassista, finché non vedremo la Fed cambiare o almeno rilassarsi la loro posizione nella riunione della [Federal Reserve] di luglio”.

Miner di Bitcoin in capitolazione

L'avvertimento di ulteriori perdite è arrivato quando nell'ultima settimana ha iniziato a emergere la notizia che i miner di bitcoin, un gruppo che spesso ha un'esposizione pesantemente indebitata al prezzo di bitcoin, hanno iniziato a liquidare le loro scorte di monete.

Secondo un aggiornamento dell'analista di Arcane Research Jaran Mellerud, a maggio i miner sono stati costretti a iniziare a liquidare le loro partecipazioni in bitcoin a causa del "deterioramento della redditività del mining".

Bitcoin
Fonte: Arcane Research

Mellerud ha scritto nell'aggiornamento che,

“Il crollo della redditività del settore di mining ha costretto le società di mining quotate in borsa ad aumentare il tasso di vendita a oltre il 100% della loro produzione a maggio. Le condizioni sono peggiorate a giugno, il che significa che probabilmente venderanno ancora di più".

Ha aggiunto che i miner sono "alcune delle più grandi balene" in Bitcoin e che detengono collettivamente circa 800.000 BTC.

Contagio nel settore delle criptovalute

Nel frattempo, Timo Lehes, co-fondatore della piattaforma di investimento in criptovalute Swarm Markets, ha dichiarato in un commento inviato via e-mail martedì che "si parla molto di" contagio "che si sta diffondendo attraverso il sistema".

Ha spiegato che il contagio è sempre amplificato dalla paura tra gli investitori e ha confrontato la situazione del mercato delle criptovalute di oggi, con il crollo della banca d'affari Lehman Brothers all'inizio della Grande Crisi Finanziaria nel 2008. Lehes ha spiegato che la banca è crollata, perché non ne aveva abbastanza liquidità per coprire obbligazioni a breve termine, aggiungendo che alcune delle attività della banca in effetti sono state vendute in seguito per un valore più elevato.

"Non esiste una soluzione facile, ma una liquidità più solida è un buon punto di partenza per le istituzioni crypto sotto stress", ha inoltre affermato Lehes, ribadendo che "i problemi principali si riducono agli stessi problemi nella crisi finanziaria del 2008".

Infine, il rischio di ulteriori perdite è stato segnalato anche da Ian Harnett, co-fondatore del ricercatore di mercato finanziario Absolute Strategy Research, che in un'intervista alla CNBC ha avvertito che bitcoin potrebbe scendere fino a 13.000 dollari.

Harnett è arrivato alla sua conclusione indicando i mercati ribassisti di bitcoin del passato, che hanno spesso visto la moneta cadere dell'80% dal suo massimo storico.

Un calo di tale entità nel 2022 "ti riporterebbe a circa 13.000 USD", che è un'"area di supporto chiave", ha affermato Harnett.

____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

___

Per saperne di più:
- Il modello stock-to-flow di Bitcoin è di nuovo sotto tiro
- 'Il momento migliore per entrare nel mining di Bitcoin
- La Fed degli Stati Uniti è responsabile della recessione
- Il punto di forza delle crypto per la SEC
- Il token CEL sale alle stelle
- SNX aumenta e Synthetix vede aumentare il volume di trading