Home NewsBitcoin News

I difensori di Bitcoin hanno smontato sei argomenti contro il BTC

Di Fredrik Vold
I difensori di Bitcoin hanno smontato sei argomenti contro il BTC 101
Fonte: Adobe/Angelov

Con poche sorprese, l'utima newsletter dell'editore di Bloomberg Joe Weisenthal ha scatenato una vivida discussione in Cryptoverse, con i membri della comunità che si sono recati a la difesa di bitcoin (BTC) [BTL] a frotte.

Nel pezzo, Weisenthal ha delineato sei motivi per ciò che vede durante le scarse prestazioni dei bitcoin quest'anno:

  1. L'argomento secondo cui le crisi economiche sono positive per BTC è stato smentito dalla recente azione di mercato.
  2. Bitcoin ha dimostrato di non essere un buon diversificatore di portafoglio data la sua crescente correlazione con il mercato azionario.
  3. Bitcoin si è comportato "all'incirca in linea" con ethereum (ETH), minando l'argomento secondo cui il bitcoin ha "distinte caratteristiche di" oro digitale ".
  4. Il dimezzamento di Bitcoin non ha portato a un movimento superiore, ma "è andato senza molto impatto".
  5. La "straordinaria espansione del bilancio" da parte della Fed non ha portato al tipo di collasso o inflazione valutaria previsto da molti Bitcoiner.
  6. I giovani sono di nuovo “discovering the stock market” attraverso piattaforme come [B] Robinhood [/ B], il che significa una maggiore concorrenza per gli investimenti.

Nonostante tutti questi presunti ostacoli per la criptovaluta di punta, tuttavia, Weisenthal ha ammesso che l'attuale crisi potrebbe essere ancora positiva per BTC "se sulla sua scia dovessimo riscontrare violazioni della privacy" che creerebbe una domanda di metodi di pagamento che non possono essere censurati.

"Ma nel frattempo, tutto ciò che è accaduto è che un sacco di narrazioni Bitcoin popolari sono state ridimensionate", ha concluso l'editore concludendo il suo pezzo.

Tra i difensori dei Bitcoin c'è Ryan Selkis, CEO della società di ricerca crittografica Messari , che è uscito con la sua personale opinione sulle opinioni controverse espresse dall'editore Bloomberg, definendolo "principalmente un cestino della spazzatura" in una newsletter e twitter thread pubblicato lo stesso giorno.

Selkis ha contestato tutte le argomentazioni di Weisenthal presentate nella newsletter, tranne l'ultima riguardante i giovani investitori che ora entrano in azioni, "potrebbero essere un segno che la "plebe" sia stufa delle criptovalute".

Su questo punto, tuttavia, ha anche osservato che non appena le grandi istituzioni fungeranno da "scintilla" per il prossimo rally delle criptovalute, la folla di potenziali investitori al dettaglio che salteranno a bordo sarà dieci volte più grande grazie a Robinhood, fungendo da "distributore di droga" per gli investimenti.

Sugli altri punti, Selkis ha anche contrastato la maggior parte degli argomenti di Weisenthal spiegando che bitcoin non è mai stato una "copertura di crisi di liquidità", che ethereum ha sempre seguito il prezzo del bitcoin, che si prevede che un nuovo massimo storico non seguirà immediatamente dopo un halving, e che "letteralmente ogni risorsa si è mossa a scatti" con le notizie relative a COVID-19.

"Sarebbe meglio SPERARE che le istituzioni salgano a bordo, ed è per questo che la spazzatura di Joe conta", ha detto il CEO cripto, aggiungendo "Il tempo lo dirà. Ho già piazzato la mia scommessa."

Altre reazioni:

__

__

__

__

____

Fonte: Can Bitcoin Really be Censored, Controlled, and Mass Surveilled?

Più Articoli