15 aprile 2021 · 2 min read

Problemi di Spesa Energetica Dell'Ucraina: arrivano i Miner di Bitcoin

Un esperto finanziario ha spiegato la logica alla base della recente spinta al mining di criptovalute a propulsione nucleare dello stato ucraino, sostenendo che la natura dell'industria del mining lo rende un partner ideale per utilizzare l'energia in eccesso dai reattori nucleari del paese.

Torri di raffreddamento della centrale nucleare di Zaporizhzhia. Fonte: npp.zp.ua

Inshe ha citato Alexei Mushak, un consigliere economico dell'ex primo ministro Oleksiy Honcharuk, affermando:

“Le moderne apparecchiature [miner ASIC] possono accendersi o spegnersi nello spazio di un minuto. Il mining [Cripto] può attenuare le fluttuazioni nel consumo e nella generazione [nelle centrali nucleari] ".

Questo punto è fondamentale, poiché molte altre forme convenzionali di industria - in particolare quelle che possono essere costruite vicino a centrali nucleari in Ucraina - fanno poco o nessun uso delle iniezioni improvvise di energia in eccesso e preferiscono un flusso costante, stabile e prevedibile.

Nel rapporto Inshe, l'autore ha osservato che l'estrazione di criptovalute consentirà probabilmente a NAEC Energoatom, l'azienda statale che gestisce le centrali nucleari del paese, di espandere i propri mercati di vendita negli anni a venire.

Ciò rappresenterebbe un enorme cambiamento di fortuna per l'azienda, che l'anno scorso ha registrato perdite per oltre 171 milioni di dollari.

Il progetto è ora sostenuto dal ministro dell'Energia della nazione, Olha Buslavets, il cui ministero ha autorizzato la costruzione dei cosiddetti "data center" - essenzialmente mining farm per Bitcoin (BTC) e alcune importanti altcoin - in quattro centrali nucleari.

Il successo o il fallimento dello sforzo dipenderà probabilmente dai risultati di un progetto pilota attualmente in corso presso la più grande centrale nucleare d'Europa, Zaporizhzhia, una stazione con una produzione netta annua di 29.299 GWh e una capacità nominale di 5.700 MW.

Indipendentemente da ciò, il governo sembra sostenere il progetto Energoatom fino in fondo, con il governo che ha aggiunto l'iniziativa di mining cripto al suo elenco di progetti prioritari da completare entro il 2023 nel dicembre dello scorso anno.

In altre parti del mondo, i minatori hanno aperto con successo negozi in punti caldi di produzione di energia, compresi progetti in alcune delle più grandi centrali idroelettriche del Sud America e in modo più controverso vicino ad alcuni dei più antichi e più inquinanti generatori di energia a carbone della Cina.

Ma i reattori Ucraini, principalmente di epoca sovietica, sono diventati oggetto di molta attenzione pubblica negli ultimi anni, con molti che affermano che il settore energetico in perdita sta trascinando la spesa pubblica nel pericoloso territorio economico.

I ministri hanno svelato i piani per coinvolgere gli attori locali nel progetto e Energoatom ha già stretto accordi con grossi miner come BitFury, con accordi di costruzione firmati con appaltatori e lavori pionieristici già in corso in alcuni siti. 
___
Per saperne di più:
- A Closer Look at the Environmental Impact of Bitcoin Mining
- Proof-of-Disagreement: Bitcoin's Work vs. Ethereum's Planned Staking
- This Is How Satoshi Nakamoto Defended Bitcoin Mining & Converted A Skeptic
- Ethereum Moves Ahead With Plans for Earlier Transition to Proof-of-Stake
- Bitcoin Mining in 2021: Growth, Consolidation, Renewables, and Regulation
- Bitcoin Miners Buy Oversupplied Energy, Turn To Renewables - Nic Carter