Home NewsBitcoin News

Il wallet bitcoin Wasabi è troppo forte per l'Europol

Di Sead Fadilpašić
Il wallet bitcoin Wasabi è troppo forte per l'Europol 101
Fonte: Adobe/Arundhati

Il privacy wallet open-source, non-custodial di Bitcoin, Wasabi, è abbastanza popolare da attirare l'attenzione dell' Agenzia dell'Unione Europea per la Cooperazione Giudiziaria (Europol), le Forze dell'Ordine dell'Unione Europea con sede all'Aia. Per quanto riguarda ciò che esse possono fare per le opzioni sulla privacy di questo portafoglio - non sta andando bene per loro.
(aggiornato alle 11:20 UTC: aggiornamenti in grassetto
Aggiornato alle 11:46 UTC: sono state aggiunte le due ultime frasi).

In un rapporto in due parti per uso interno "alle sole forze dell'ordine", uno datato aprile e l'altro maggio 2020, l'European Cybercrime Centre (EC3) dell'Europol scrive che hanno notato un "numero crescente di indagini che coinvolgono Wasabi Wallet". EC3 prende atto dell'utilizzo da parte del portafoglio del metodo di anonimizzazione CoinJoin per le transazioni bitcoin, un'integrazione del software TOR, che ignora alcune leggi antiriciclaggio (AML), come la AMLD5, e ad altre funzionalità incentrate sulla privacy.
La notizia è stata segnalata per la prima volta da Coindesk

Sul quanto Wasabi sia popolare, l'agenzia dice "sicuramente abbastanza popolare da suscitare il nostro interesse". Continuano citando i dati forniti dalla blockchain e dallo specialista di analisi Chainalysis per i quali Wasabi ha archiviato le chiavi per oltre 110.000 BTC (1 miliardo di dollari). Inoltre, nelle tre settimane antecedenti al report di Marzo sono stati depositati quasi 50 milioni di dollari in BTC, con quasi il 30% dal dark web. "Questo è un importo significativo, relativamente parlando, dato che si stima che le transazioni dal dark web abbiano solo l'1% di share sul totale delle transazioni", scrive EC3.

Il rapporto procede con l'analizzare in dettaglio l'uso del portafoglio; dimostra una transazione ed esamina "le possibilità di indagini delle forze dell'ordine", precedendola con: "Avviso spoiler: le cose non stanno andando bene". I sospetti che usano correttamente il portafoglio "hanno un'alta probabilità di non essere rilevati".

Identificare visivamente una transazione Wasabi è possibile e può essere utile, dice, ma se un sospetto sta usando costantemente il mixer, gli strumenti di tracciamento del trading dovrebbero essere in grado di identificarli. Tuttavia, non potranno fare il demix. Sul fatto che le transazioni Wasabi possano essere demixate, "realisticamente parlando, nella maggior parte dei casi la risposta è negativa". Ciò può essere possibile, tuttavia, se un sospettato commette un errore e raggruppa le monete miste. Potrebbero esserci anche modi per farlo in futuro: l'agenzia olandese di investigazione sui crimini finanziari FIOD ha iniziato "promettenti ricerche tecniche sul comportamento e sulla miscelazione delle transazioni Wasabi [...]."

Mentre viene celebrata la trasparenza della blockchain, essa impedisce anche il completo anonimato, dato che il saldo personale e la cronologia delle transazioni sono disponibili per tutti. Tuttavia, quando si tratta di fondi personali, anche la privacy è una questione di grande importanza per il mondo cripto. Per quelli al di fuori, potrebbe sembrare che si stia preparando il terreno alle attività illegali, ma si tratta principalmente di proteggere i fondi dagli aggressori esterni. Probabilmente c'è anche qualche sfida con i regolatori e le autorità le quali considerano l'assoluta privacy una minaccia, poiché non consentirebbe di identificare i sospetti, e stanno lavorando per prevenirlo.

Secondo Wasabi, i dettagli tecnici del rapporto sono "morti".

"Non possiamo, tuttavia, verificare i dati che hanno fornito in merito ai modelli di utilizzo, è ovviamente plausibile, ma considerando la sensibilità della questione, vorremmo astenerci dalle speculazioni su questo e zkSnarks , anche su alcune delle tue domande che lo richiedono, "Gergely Hajdu, CEO di zkSNACKs , la società dietro il portafoglio Wasabi detto a Cryptonews.com .

Ha aggiunto che la società ha anche "piacevolmente riconosciuto che la loro valutazione della nostra situazione legale coincide anche con la nostra interpretazione di varie leggi internazionali".

"Abbiamo già saputo che stiamo fornendo una sicurezza eccezionale ai nostri utenti, ma la loro conferma è davvero rassicurante", ha detto Hajdu.

Europol ha confermato che il documento è un rapporto ufficiale Europol rivolto alle delle forze dell'ordine. L'agenzia ha rifiutato di commentare ulteriormente.


___

Ulteriori informazioni:
Here’s What Bitcoin’s 2 Biggest Privacy Wallets are Working on in 2020
Top 5 Privacy-Oriented Crypto Wallets
Darknet Turns To Bitcoin Mixers As Exchanges Get Stricter
This is Why Criminals Prefer Less Anonymous Bitcoin to Privacy Coins
A Bright Side to the Dark Web

Più Articoli