Bitcoin si placa e trova stabilità sotto i 27.000 dollari

Gaia Rossi
| 5 min read

Bitcoin

La crypto di Satoshi Nakamoto si sta mantenendo al di sotto della soglia di 27.000 dollari.

I trader stanno monitorando con ansia l’andamento di Bitcoin, e stanno tenendo d’occhio gli eventi che potrebbero influenzarne la traiettoria.

Un fattore che sta causando incertezza nel mercato è la previsione di Goldman Sachs, secondo cui l’inflazione statunitense diminuirà più lentamente di quanto previsto.

Oltre a ciò, le battaglie legali in corso tra la Securities and Exchange Commission (SEC) e due importanti operatori del settore, Binance e Ripple, stanno avendo un impatto significativo sul mercato crypto.

E in mezzo a tutto questo, JPMorgan ha iniziato una discussione sul futuro del dollaro USA, alla luce delle previsioni che vedono la Cina come prossima economia globale.

Goldman Sachs – L’inflazione diminuirà lentamente


In una nota pubblicata venerdì, gli analisti di Goldman Sachs, guidati dal capo stratega dei tassi d’interesse Praveen Korapaty, hanno avvertito che il tasso di calo previsto dell‘inflazione statunitense dovrebbe essere più lento rispetto alle attuali aspettative del mercato.

Secondo loro, il mercato attuale sta sottovalutando la velocità con cui l’inflazione diminuirà. Inoltre sostengono che un eventuale  rallentamento della crescita economica potrebbe portare ad un calo più rapido dell’inflazione.

Inoltre, suggeriscono che il sentiment del mercato nei confronti dei costi dell’energia potrebbe essere più pessimistico rispetto a quello dei  futures sulle commodity.

Durante la recente riunione del Federal Open Market Committee (FOMC), la Federal Reserve ha deciso di sospendere il ciclo di rialzi dei tassi d’interesse dopo dieci aumenti consecutivi.

La decisione è stata motivata dai dati riportati nel rapporto di maggio del Bureau of Labor Statistics (BLS) degli Stati Uniti, che ha evidenziato un calo dell’inflazione dal 4,9% al 4%.

Tuttavia, l’inflazione di fondo rimane elevata al 5,3%.

Sebbene molti si aspettino che la Federal Reserve riduca i tassi di interesse, il presidente della Fed, Jerome Powell, ha dichiarato, durante la conferenza stampa di mercoledì, che i tagli dei tassi non saranno necessari per diversi anni.

Questa dichiarazione ha contribuito a rafforzare il dollaro USA e ha gravato, invece, sul Bitcoin.

La nota di Goldman Sachs relativa al calo dell’inflazione USA, più lento del previsto, si aggiunge ai fattori che influenzano negativamente la performance di Bitcoin.

La SEC combatte Binance e Ripple in tribunale


Bitcoin ha continuato a subire delle pressioni al ribasso a causa delle preoccupazioni relative alla causa della SEC contro Ripple e Binance.

L’incertezza sulle questioni normative statunitensi e le azioni della SEC continuano a essere un ostacolo per BTC, nonostante oggi abbia trovato un supporto.

Oltre alla SEC, anche le crescenti aspettative di rialzo dei tassi di interesse e i commenti “da falco” della Fed hanno contribuito ad alimentare le prospettive ribassiste.

La probabilità di un aumento dei tassi di 25 punti base a luglio è salita al 74,4% dal 52,8% della settimana precedente, secondo lo strumento FedWatch del CME.

 

JPMorgan analizza il futuro del dollaro USA


Secondo il Centre for Economics and Business Research (CEBR), si prevede che la Cina diventerà la più grande economia del mondo entro il 2030.

Gli analisti di JPMorgan ritengono che, anche in caso di superamento dell’economia statunitense da parte della Cina, il dollaro USA non perderà immediatamente il suo status di valuta di riserva mondiale, basandosi sui dati storici.

Anche se la Cina è considerata un potenziale concorrente, gli analisti ritengono che i vantaggi economici, tecnologici, demografici e geografici degli Stati Uniti renderanno difficile il cambiamento.

 

Si ritiene che l’euro e lo yuan cinese rappresentino una minaccia per il predominio del dollaro come valuta di riserva globale e gli esperti prevedono una transizione verso un assetto multipolare delle valute di riserva.

Il rafforzamento del dollaro USA, però, ha esercitato una pressione al ribasso sul prezzo di Bitcoin. Diamo uno sguardo all’analisi tecnica della crypto.

Previsione del valore di Bitcoin


La coppia BTC/USD ha recentemente raggiunto il 50% di ritracciamento di Fibonacci al livello di 26.610 dollari, con un pattern tweezer top sul timeframe giornaliero.

Questo indica un indebolimento del sentiment rialzista e suggerisce un potenziale declino dei prezzi se il livello di resistenza a 26.610 dollari dovesse reggere.

Inoltre l’EMA a 50 giorni e la trendline al ribasso sul grafico giornaliero costituiscono delle solide resistenze, confermando l’importanza del livello di 26.610 dollari.

Bitcoin

Grafico del valore di Bitcoin – Fonte: Tradingview

Bitcoin potrebbe trovare supporto intorno al livello psicologico di 26.100 dollari, e una rottura al di sotto di questo livello potrebbe portare a ulteriori pressioni di vendita, potenzialmente verso i livelli 25.550 o 24.750 dollari.

Invece, se si verificasse un breakout al di sopra di 26.610 dollari potrebbe alimentare uno slancio al rialzo, spingendo il prezzo verso i livelli di 27.100 o 27.750 dollari.

 

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

Le 16 crypto da tenere d’occhio nel 2023


Se siete interessati ad investire in un progetto crypto nella sua fase iniziale, è consigliabile esplorare i token in prevendita.

Il team di Cryptonews ha curato un elenco completo delle crypto più promettenti del 2023, fornendo informazioni preziose su questi progetti. L’elenco viene aggiornato regolarmente, con nuove altcoin e progetti ICO, quindi si consiglia di tenerlo d’occhio.

 

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

 

Trova il miglior prezzo per acquistare/vendere criptovalute


 

Bitcoin

Tracker dei prezzi crypto – Fonte: Cryptonews

 

Segui Cryptonews Italia sui canali social