03 maggio 2021 · 2 min read

Bitcoin: inizia lo speedy trial di Taproot, ma senza blocco questa volta

Il tanto atteso aggiornamento Taproot di Bitcoin (BTC) - il suo più grande aggiornamento da SegWit nel 2017 - è stato avviato con lo Speedy Trial (un po' contestato), dando ai miner tre mesi per segnalare la disponibilità a mettere in atto l'aggiornamento. La prima delle sei fasi non è riuscita a fissare l'aggiornamento.

Fonte: Adobe/Worawut

Il 1° maggio, la rete ha visto un altro aggiustamento della difficoltà di mining, che ha segnato l'inizio della fase di aggiornamento di Taproot; un aggiornamento del protocollo proposto che dovrebbe migliorare la privacy e la flessibilità di Bitcoin.

Semplicemente, lo scopo di Speedy Trial è quello di consentire che il tentativo di attivazione dell'aggiornamento fallisca o riesca rapidamente, facendo la distinzione tra nessuna attivazione obbligatoria e la garanzia che il taproot venga attivato.

La difficoltà di mining di Bitcoin viene modificata ogni 2016 blocchi, o circa ogni due settimane. Ciò che i miner hanno davanti a loro è l'attuale periodo di segnalazione dei 2016 blocchi, con sei fasi di attivazione fissate nel periodo di tre mesi, durante le quali il 90% dei blocchi deve segnalare l'attivazione di Taproot, ovvero deve includere un segnale bit nei blocchi estratti. Se viene raggiunta questa soglia del 90%, l'aggiornamento verrà bloccato, quindi attivato a novembre. Se i miner non bloccano Taproot, è possibile utilizzare un altro meccanismo per riprovare.

Finora (alle 11:05 UTC di lunedì mattina), ci sono 39 blocchi di segnalazione e 254 blocchi con nessuna segnalazione (o il 13%). F2Pool, Foundry USA e SlushPool hanno segnalato, secondo taproot.watch.

Ciò significa che non vi è alcun lock-in durante la prima fase. "Taproot non può essere confermato entro questo periodo", afferma il tracker.

Sul sito Taproot-Activation, gestito dal vicepresidente di Poolin Alejandro De La Torre, era stato affermato in precedenza che 12 pool avrebbero sostenuto l'aggiornamento, fornendo l'hashrate medio di 1 mese a sostegno di Taproot dell'89% a partire dal 2 marzo. Secondo taproot.watch, Poolin non ha ancora segnalato.

I commentatori avevano rapidamente iniziato a esprimere preoccupazione per l'inizio della Speedy Trial, con alcuni dubbi sul fatto che fosse probabile il blocco su questo primo periodo di segnalazione.

Tuttavia, poiché si presume che coloro che hanno supportato l'aggiornamento questa volta continueranno a segnalare, alcuni commentatori sostengono che una certa percentuale è già garantita, per così dire.

E ci sono anche quelli che supportano ancora l'UASF (lavoro soft attivato dall'utente - l'attivazione di un soft fork avviato dai nodi, senza aver ottenuto il supporto da un'ampia minoranza di miner), invece del MASF (lavoro soft attivato dal miner).

Per lo sviluppatore Udi Wertheimer, il problema più grande qui è un altro componente importante di Taproot: Schnorr, che codifica più chiavi in una. Queste firme, ha detto, non sono supportate da molte delle altcoin, forse questo può avvenire rallentando o indebolendo l'adozione.

Nel frattempo, altri stanno guardando oltre Taproot, elencando i potenziali aggiornamenti futuri / necessari, ma anche chiedendosi quanto tempo ci vorrebbe per attivarli, dato che questo ha già richiesto anni di discussioni e votazioni.

__

____
Per saperne di più: 
- As Bitcoin's Taproot Nears, Ex-CIA Director's Paper Raises Privacy Concerns
- Bitcoin and Litecoin Move Closer to Their Privacy Improvements
- Bitcoin Taproot Upgrade Runs Into Activation Debate