Bitcoin e la crisi ucraina

Bitcoin
Ucraina oggi. Fonte: uno screenshot del video, Youtube/BBC News

__________

Bitcoin (BTC) ha avuto una risposta immediata dei prezzi all’invasione dell’Ucraina, quando la notizia è stata diffusa questa mattina presto. È diventato evidente che, al momento, bitcoin si comporta come un asset di rischio, con prezzi che scendono al di sotto dei livelli di resistenza tecnica delle medie mobili a 50 e 200 giorni.

Questa è stata una tempesta perfetta per bitcoin attraverso la minaccia combinata di aumenti dei tassi di interesse nelle principali economie, numerose proposte normative e ora l’instabilità geopolitica in Europa che scuote i mercati globali, spingendo i prezzi di bitcoin al ribasso del 23% da inizio anno. Ancora una volta, tuttavia, non crediamo che questo cambi i fondamentali di supporto a lungo termine per bitcoin.

L’identità fluida di Bitcoin

Sappiamo che l’identità di Bitcoin, ovvero la narrativa predominante che guida i prezzi in un dato momento, rimane molto fluida. Al momento, la narrativa predominante è guidata da speculatori sensibili al rischio e ai tassi di interesse e bitcoin si sta muovendo in modo simile ad altri asset di rischio. Ciò non toglie nulla alle sue proprietà come uno vero asset, di cui abbiamo discusso a lungo qui.

Ci è chiaro che bitcoin è ancora in un processo per stabilire la sua identità e questo potrebbe richiedere decenni. È ragionevole presumere che, durante questo periodo, persone diverse utilizzeranno bitcoin per scopi diversi, in base alle proprie esigenze e alle proprietà monetarie offerte da bitcoin.

Come abbiamo scritto in precedenza, alcune delle proprietà fisse di bitcoin, come la sua offerta limitata e la resistenza alla confisca, lo rendono altamente adatto come bene rifugio a lungo termine. Ciò non significa tuttavia che tutti lo useranno per quello in qualsiasi momento. Qualsiasi asset disponibile gratuitamente con molte proprietà benefiche vedrà diversi utenti utilizzarla per scopi diversi.

Mentre alcuni utenti probabilmente lo stanno utilizzando come riserva di valore a lungo termine e asset di rifugio sicuro in questo momento, molti altri utenti potrebbero non farlo. E alla fine, quello che probabilmente stiamo vedendo ora è un segnale delle proporzioni tra gli utenti attuali che lo usano come risparmio a lungo termine e rifugio sicuro, rispetto agli utenti che lo usano come oggetto di speculazione finanziaria.

Sebbene bitcoin rimanga nella sua fase di monetizzazione, non è strano aspettarsi che gli speculatori siano fortemente coinvolti nel trading e nella fornitura di liquidità e non utilizzeranno necessariamente bitcoin per nessuno degli usi, che le sue proprietà lo rendono più adatto. Probabilmente lo useranno molto più come un asset di rischio che come un rifugio sicuro, poiché sono nel business di fare soldi assumendosi dei rischi sulla sua futura adozione come denaro globale.

BTC è un asset indipendente e un arma a doppio taglio

Ci sono altri importanti eventi macro che sono altamente favorevoli alla futura adozione di bitcoin. Come esempio perfetto, proprio in questo momento stiamo assistendo al regime [di Justin] Trudeau, che arma il sistema bancario canadese contro i propri cittadini.

Questa è una dimostrazione brutale e sorprendente a milioni di persone che anche nelle presunte democrazie occidentali liberali, la situazione politica interna può deteriorarsi rapidamente fino al punto in cui le protezioni costituzionali degli individui vengono sospese e i governi cooptano le banche per attaccare i loro nemici politici. Avere una separazione tra denaro e stato è chiaramente a vantaggio della cittadinanza in situazioni come questa.

Bitcoin essendo un asset completamente indipendente è ovviamente un’arma a doppio taglio. Se qualcuno può accedere liberamente a un sistema monetario, significa che anche i tuoi nemici possono farlo. In un ordine globale che è sostanzialmente applicato utilizzando il sistema monetario globale basato sul dollaro come uno strumento importante nel kit di strumenti diplomatici, la capacità degli stati ostili di accedere a sistemi monetari alternativi è un problema.

Viene da chiedersi se l’invasione sia il primo segnale forte del fatto che l’era delle sanzioni e della pressione politica sia finita. Se un leader come Putin, anche sotto la minaccia delle sanzioni più severe possibili, invaderà ancora un’altra nazione sovrana, che potere hanno ancora le sanzioni?

Inoltre, la teoria dei giochi monetari sembra sfavorevole per le potenze occidentali. Avendo usato le sanzioni in maniera piuttosto liberale negli ultimi decenni, i suoi oppositori geopolitici hanno naturalmente cercato soluzioni alternative. Non è difficile immaginare che, a un certo punto, i costi costanti delle sanzioni per la partecipazione al sistema monetario globale basato sul dollaro supereranno i costi per abbandonarlo completamente. Più severe saranno le sanzioni imposte a una nazione, prima si verificherà questo capovolgimento. La Banca centrale russa è piuttosto avanzata nel suo lavoro sull’implementazione pratica di un rublo digitale.

Le potenze occidentali ora devono tracciare una linea apparentemente impossibile: applicare le sanzioni in modo troppo approssimativo e la Russia le ignorerà, valutando i loro costi in modo insufficiente per superare i benefici dell’invasione. Applicare sanzioni troppo energiche e la Russia potrebbe giudicare la partecipazione allo stesso ordine monetario basato sul dollaro come troppo costosa e cercare un’alternativa.

Se ciò accade, non solo smusserebbe gravemente il potere futuro del toolkit delle sanzioni, ma indebolirebbe l’effetto di rete globale dello stesso dollaro USA, riducendone l’utilità e quindi il valore come denaro.

Bitcoin e mining per aggirare le sanzioni?

L’Iran è un buon esempio in cui le sanzioni sulle esportazioni di petrolio sono state aggirate vendendo le sue riserve di energia sui mercati globali, utilizzando efficacemente il mining di Bitcoin per aggirare gli embarghi commerciali. Elliptic ha stimato che circa il 4% delle esportazioni totali di petrolio iraniane nel 2020 potrebbe essere derivato dal mining di Bitcoin. Tuttavia, resta discutibile se l’uso di Bitcoin per aggirare le sanzioni possa essere implementato in modo significativo.

Se lo desiderano, la Russia ha le risorse energetiche e la potenza di mining sotto il loro controllo per perseguire una strategia simile. Secondo la nostra ricerca, alla fine di dicembre 2021, circa il 6,8% delle operazioni di mining globali di Bitcoin si trovava all’interno della stessa Russia e un altro circa l’8,2% si trovava in Kazakistan, di fatto uno stato cliente russo.

Data l’abbondanza di energia a basso costo disponibile in Russia, l’utilizzo del mining come flusso di entrate alternativo per le risorse energetiche è uno scenario del tutto plausibile. Agli attuali prezzi di bitcoin ~ 35.000 [USD] , l’hashpower combinato di Russia e Kazakistan genererà un reddito annuo di 1,7 miliardi [USD] — non abbastanza per compensare i probabili costi delle sanzioni, ma anche non abbastanza per fare qualche affare cruciale con le controparti disposte.

Questa debolezza di prezzo è un’opportunità?

La recente debolezza dei prezzi ha fatto precipitare il famigerato “incrocio della morte” il 15 gennaio 2022, che è spesso interpretato come un presagio negativo per i futuri movimenti dei prezzi. La nostra analisi evidenzia che questi punti deboli di prezzo legati al “death-cross” sono stati in genere opportunità di acquisto piuttosto che un punto in cui fare il tutto esaurito, con i rendimenti mediani dopo l’evento death cross del 50% un anno dopo l’evento.

Ucraina
Bitcoin

È interessante notare che, sebbene la risposta dei prezzi alla crisi ucraina sia stata negativa, non abbiamo visto i minimi intraday di 33.000 [USD]  fissati il 24 gennaio 2022.

Di recente, bitcoin ha subito la tempesta dei prezzi perfetta, ma vale la pena notare che è un asset giovane con un’identità fluida e che al momento è dominato dalla speculazione di risk-off. Rimane un gruppo centrale di investitori che continua a vedere il potenziale a lungo termine di Bitcoin come un asset inflazionistico (reale), che vede anche i vantaggi di un asset apolide e una copertura contro il fallimento della politica monetaria, come evidenziato dai continui afflussi di fondi.

L’ulteriore inflazione delle materie prime causata dal conflitto in Ucraina pone un vero dilemma per i banchieri centrali che stanno cercando di mantenere mercati stabili e bassa disoccupazione. I fondamentali di Bitcoin non sono cambiati e, nel complesso, riteniamo che questa recente debolezza dei prezzi rappresenti un’opportunità a lungo termine piuttosto che un punto di fuga.

___

James Butterfill è Investment Strategist e Christopher Bendiksen è il Bitcoin Research Lead presso la principale società europea di investimento di asset digitali CoinShares

___

L’articolo è stato pubblicato per la prima volta da Coinshares su Medium il 24 febbraio.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

– Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

– Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

– Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
Invasione della Russia in Ucraina: Bitcoin avrà un ruolo
UE: improbabile la rimozione della Russia da SWIFT
Here’s What the Cryptoverse Has to Say About Russian Invasion of Ukraine
Interesse per Bitcoin cresce quando la Russia invade Ucraina
Calo dei mercati: più quesiti sulle politiche delle banche
Ucraina supera Russia nell’adozione crypto a inizio guerra