Home NewsBitcoin News

La divergenza Bitcoin-Yuan ha raggiunto nuove vette

Di Eimantas Žemaitis
La divergenza Bitcoin-Yuan ha raggiunto nuove vette 101
Source: iStock/baona

La divergenza tra bitcoin e yuan ha raggiunto nuove vette, alimentando ancora una volta le ipotesi che i cinesi stiano probabilmente cercando sicurezza nella più grande criptovaluta decentralizzata al mondo.

Bitcoin e lo yuan da qualche tempo vanno in direzioni diverse e la loro correlazione inversa ha raggiunto un record la scorsa settimana, indica l' analysis di Bloomberg sugli ultimi 30 giorni della loro correlazione.

La correlazione inversa tra le due attività potrebbe essere dovuta a diversi motivi, tra cui la guerra commerciale cinese con gli Stati Uniti, la politica monetaria della banca centrale e il rallentamento dell'economia. Secondo Don Guo, CEO di Broctagon, fornitore di soluzioni con sede a Singapore per broker forex e di criptovalute, il bitcoin è usato come modo per proteggersi dalla tradizionale volatilità del mercato.

"Il ruolo di queste attività è stato sostanzialmente invertito. I commercianti si aspettano da tempo un calo dello yuan, alla luce delle tensioni internazionali e della politica di allentamento monetario della banca centrale. Con la guerra commerciale in atto, i trader di forex nervosi hanno iniziato a cercare modi per diversificare il proprio portafoglio e proteggersi da qualsiasi volatilità del mercato. E, ironia della sorte, questo li ha portati a passare al bitcoin, che è stato a lungo considerato un bene notoriamente "rischioso", a copertura di un investimento tradizionalmente più sicuro ". In una dichiarazione inviata a Cryptonews.com.

Non è la prima volta quest'anno in cui la correlazione inversa tra bitcoin e yuan diventa più evidente, come è accaduto anche in aprile e maggio, "mentre le tensioni aumentavano con il deterioramento delle relazioni commerciali USA-Cina", ha detto a Bloomberg il Dr. Garrick Hileman, direttore della ricerca su Blockchain.com.

"Molte attività tradizionali stanno inviando segnali di avvertimento in modo che gli investitori guardino altrove. I timori della recessione globale in arrivo hanno portato a una fuga dal mercato azionario e i rendimenti delle obbligazioni non sembrano troppo allettanti. Poiché le attività digitali sono meno dipendenti dal clima politica, sono sempre più visti come un bene "rifugio sicuro". Questo vale doppio per la Cina, dove il governo ha intrapreso misure positive nel suo atteggiamento verso le criptovalute, aggiungendo peso alla sua definizione come copertura. È probabile che continuerà mentre le paure del mercato spingono altri beni su una spirale discendente", ha aggiunto Don Guo.

Di recente, la Cina ha fatto notizia con i suoi piani di rilascio di un token digitale supportato dallo stato. E mentre la cripto-repressione della Cina continua ufficialmente, ci sono alcuni segni che il paese voglia ripensare le sue politiche legate alle criptovalute.

Nel frattempo, bitcoin è cresciuto nella prima metà di quest'anno, con alcuni analisti che prevedono “una nuova fase parabolica” per il principale asset digitale del mondo.

In questo istante (16:05 UTC), bitcoin si scambia acirca USD 10,900 ed è aumentato del 3% nelle ultime 24 ore e del 13% nell'ultima settimana.
___

Leggi di più: Bitcoin As a Safe Haven Case Still Lacks Proof

Più Articoli