08 settembre 2021 · 7 min read

Bitcoin è diventato legale in El Salvador

Nayib Bukele
Nayib Bukele. Source: A screenshot, Instagram/nayibbukele

 

Il grande giorno di Bitcoin (BTC) è alle porte: uno stato sovrano lo ha ufficialmente adottato come valuta legale, una mossa una volta quasi impensabile per un token decentralizzato e basato su Internet. Ma la controversia sta già rovinando la mossa, ideata dal presidente di El Salvador Nayib Bukele. Alcuni sostengono che una clausola nella nuova legge, che obbliga le aziende ad accettare BTC come forma di pagamento se richiesta, è un esempio di "tattiche forti".

Nel tentativo di accelerare il ritmo di adozione - e possibilmente iniziare il processo di disaccoppiamento dal dollaro degli Stati Uniti - la nuova legge, entrata in vigore prima di oggi, specifica all'articolo 7 che le aziende non hanno scelta in materia. Sembrerebbe che non siano liberi di rifiutare i desideri dei clienti di pagare in BTC.

Numerosi sondaggi condotti da una serie di enti nel paese hanno dimostrato che la maggior parte dei cittadini si oppone alla legge, non comprende cosa sia BTC e preferirebbe non possederlo.

Finora, tuttavia, la popolarità di Bukele rimane alta. Il presidente ha respinto come "FUD" i rapporti sull'opposizione popolare all'adozione. Le proteste di piazza contro la legge sono continuate, anche se la maggior parte di queste sembra essere stata mobilitata da gruppi di sinistra contrari a Bukele e al suo partito di destra Nuevas Ideas.

La stampa nazionale è aspramente contraria all'adozione di BTC e al governo di Bukele in generale. El Diario de Hoy, il più grande quotidiano della nazione, ha evidenziato una serie di "contraddizioni" all'articolo 7, sostenendo che anche il linguaggio della legge era ambiguo.

Ha riferito che l'articolo 7 "stabilisce l'obbligo di accettare bitcoin", ma "non specifica alcuna sanzione" per coloro che si rifiutano di accettarlo.

Inoltre, il governo e Nuevas Ideas si sono resi colpevoli di messaggi sulla questione se l'uso di BTC sia  "volontario" o "obbligatorio". Il giornale ha prodotto numerosi esempi di parlamentari e ministri che hanno rilasciato dichiarazioni apparentemente contraddittorie sulla questione.

Lo stesso media ha citato il consulente legale della presidenza, Javier Argueta, affermando che le aziende che scelgono di rifiutare i pagamenti BTC si troveranno ad affrontare possibili reati legati al diritto dei consumatori e altre "ripercussioni". Ha anche indicato che sarebbe "obbligatorio" per le aziende avere wallet BTC, osservando che qualsiasi azienda che avesse un wallet era "legalmente obbligata" ad accettare il token.

Questo tipo di dichiarazione sembra aver alienato alcuni osservatori internazionali, con la giornalista Naomi Brockwell che scrive:

“Amo bitcoin. Ma non esulterò per un sistema monetario imposto attraverso [la] minaccia di violenza”.

Ma il governo, forse, è stato molto sensibile a commenti come questi e spera di conquistare i bitcoiner con un approccio più flessibile. Argueta in seguito è apparso su Radio YSKL, dove ha detto in un'intervista:

"Non sto dicendo che sarà obbligatorio per le aziende, sarà solo un'altra opzione [di pagamento] per loro".

L'universo crypto diviso sull'adozione di bitcoin

Nic Carter, un partner di Castle Island Ventures, e una sorta di ex cheerleader per il piano di adozione di BTC in El Salvador negli ultimi mesi, è stato più cauto con la sua risposta, sostenendo su Twitter che i bitcoiner "possono celebrare" la legge BTC "senza abbracciare tattiche forti per imporlo.”

Inoltre ha affermato: "continuo a considerare non necessario l'articolo 7 della #LeyBitcoin e invito la leadership salvadoregna a riconsiderarlo. Uno standard di Bitcoin imposto in modo coercitivo non sarà adottato in modo sostenibile".

Altri si sono affrettati a sottolineare le questioni legali di tali articoli, con un commentatore sullo stesso feed che ha osservato: “Costretto ad accettare? Questo è per definizione una valuta legale! Perché stiamo facendo qualcosa dal nulla?"

Ma alcuni non erano così sicuri. L'economista Peter St Onge della Feng Chia University ha posto un enigma, osservando:

“Non c'è dubbio che l'articolo 7  sia coercitivo. La domanda è se è più o meno coercitivo di fiat”.

Hannah Rosenberg di Velas Commerce ha concordato, riflettendo sul fatto che l'articolo 7 "non va bene", ma aggiungendo che lo stesso era "vero per tutte le leggi sul corso legale".

Brockwell, nel frattempo, ha liquidato i difensori della posizione di Bukele come "apologisti della coercizione".

Su Reddit, un utente, che ha affermato di vivere in El Salvador, ha accusato Bukele di essere "solo un aspirante Trump che usa l'ignoranza della gente per rimanere popolare".

Un manifesto ha risposto:

“Si suppone che le criptovalute riguardino una scelta più ampia e  che non siano una forzatura per le persone. L'adozione dall'alto in basso raramente va a buon fine".

Il direttore esecutivo di Human Rights Watch, José Miguel Vivanco, nel frattempo, ha affermato che Bukele – che alcuni hanno affermato stia “seguendo le pagine dal manuale del dittatore” – sta ora “smantellando le istituzioni democratiche” “più velocemente” di quanto abbia fatto Hugo Chávez  in Venezuela.

Vivanco ha tracciato una serie di parallelismi tra Chávez e Bukele. Ha sottolineato che entrambi i leader avevano effettivamente preso il controllo delle loro Corti Supreme nazionali, avevano cercato di emendare la costituzione per consentire loro di servire termini più lunghi e avevano rimosso decine di giudici di corte inferiori nel tentativo di ottenere il controllo della magistratura.

I suoi pensieri sono stati ripresi dai funzionari americani. Il LA Times ha riferito che Jean Manes, il massimo funzionario degli Stati Uniti in El Salvador, aveva affermato che El Salvador era "una democrazia in declino" e aveva anche paragonato Bukele a Chávez.

Ricezione gelida sull'adozione di bitcoin

I media internazionali hanno risposto alla promulgazione con scetticismo, con il Financial Times che ha definito la mossa un "azzardo pericoloso". Il media ha ipotizzato, in un articolo editoriale:

“"La mossa bitcoin potrebbe anche essere un cavallo di battaglia per un piano a lungo termine per sostituire il dollaro degli Stati Uniti con una stablecoin locale".

Nei commenti condivisi con Cryptonews.com, Dermot O'Riordan, un partner di Eden Block, ha affermato che il bitcoin era "probabilmente non la criptovaluta ottimale per il governo di El Salvador", ma ha affermato che il token aveva "certamente" "trafitto il velo del sistema finanziario."

Probabilmente, tuttavia, ciò che Bukele desidera più di ogni altra cosa è che un flusso di pionieri della tecnologia si metta in contatto con l'Occidente e l'Asia e si trasferisca in El Salvador.

L'adozione di Bitcoin potrebbe favorire il turismo

Inoltre, potrebbe sperare che questa mossa possa portare sulla loro scia i turisti post-COVID 19, appassionati di BTC. Alcuni hanno suggerito che ci sono alcuni primi segni che potrebbe ottenere ciò che vuole.

Sidney Powell, CEO e co-fondatore di Maple Finance, ha dichiarato:

“Forse alcuni dei benefici più grandi e immediati di questa politica saranno per il turismo. L'invio di USD a livello internazionale tramite bonifico è costoso e doloroso. Convertire USD in BTC nel tuo account Coinbase e inviarlo a un hotel o a una compagnia turistica di El Salvador non risulta più difficile di inviare denaro a un amico".

Powell ha aggiunto che il settore del turismo ha "il potenziale per essere un grande vantaggio per il paese" e ha continuato:

“Essere in grado di evitare di pagare una commissione del 5%-10% a Western Union sarà una grande vittoria sia per i turisti che per le imprese. È come se l'intero settore del turismo fosse appena diventato del 10% più economico e più competitivo".

Il turismo è una delle principali fonti di reddito in El Salvador, che rappresenta oltre l'11% del PIL, per Knoema. In media, i turisti che sono arrivati nel paese nel 2019 hanno speso circa 552 dollari a persona durante le loro visite.

A Bitcoin Beach, una comunità nell'hotspot del surf di El Salvador, El Zonte, l'adozione di BTC è stata apprezzata dai visitatori. Molti credono che questo sia il progetto (finora riuscito) che ha trasformato la testa di Bukele in BTC.

Qualunque siano le vere ragioni del presidente per fare il grande passo in bitcoin, non si può tornare indietro ora.

Antoni Trenchev, cofondatore e amministratore delegato di Nexo, ha concluso:

“Michael Saylor ha messo l'adozione istituzionale sulla mappa e ora anche El Salvador sta mettendo lì l'adozione sovrana. In qualunque modo tu guardi, bitcoin si sta rafforzando sempre di più.”

Alle 12:55 UTC, BTC è stato scambiato a 50,992 USD ed è sceso di meno dell'1% in un giorno, riducendo i suoi guadagni settimanali a quasi l'8%.

 

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

Per saperne di più:

- Bitcoiner sollecitano a realizzare un pump di bitcoin per El Salvador
- In El Salvador la maggioranza è contraria alla legge Bitcoin

- No a bitcoin come valuta legate: il fondo monetario internazionale afferma che è una "scorciatoia sconsigliabile"

- El Salvador sarà un vero test per le reti livello-2 di Bitcoin

- El Salvador: stiamo distribuendo Bitcoin, ma non per convertirlo in Fiat
 

- Banca Mondiale accusata di ignoranza e ipocrisia perché si rifiuta di aiutare El Salvador

- Capire cosa ha convertito il presidente di El Salvador Bukele al Bitcoin

-El Salvador porta un nuovo enigma globale: Cos'è Bitcoin e Come tassarlo?