23 luglio 2021 · 4 min read

BlockFi combatte il fuoco normativo in 3 Stati USA; Vuole diventare pubblica

Altri regolatori statali stanno iniziando a seguire l'esempio del New Jersey dopo che il procuratore generale dello stato la scorsa settimana è stato segnalato per aver servito BlockFi, una delle principali società di prestito di criptovalute americane, con un ordine di cessare e desistere

Alabama e Texas hanno emesso ordini simili, ma sembra che le azioni dei regolatori non abbiano ancora fatto deragliare i possibili piani della società di diventare pubblica.

blockfi

Fonte: uno screenshot, Instagram/blockfi

Il procuratore generale del New Jersey (AG) ha dato il via alla partita accusando essenzialmente BlockFi di infrangere le leggi sui titoli statali, con il suo procuratore generale ad interim Andrew Bruck che ha affermato:

“Le nostre regole sono semplici. Se vendi titoli nel New Jersey, devi rispettare le leggi sui titoli del New Jersey”.

L'ufficio dell'AG ha successivamente deciso di concedere a BlockFi un'altra settimana in cui smettere di accettare nuovi clienti con sede nel New Jersey per conti fruttiferi come parte della sua iniziativa BlockFi Interest Account (BIA).

Ma ieri Cryptonews.com ha riferito che il direttore dell'Alabama Securities Commission (ASC) Joseph Borg ha consegnato alla società un'Ordinanza di giustificazione. Questo ordine obbliga l'azienda a spiegare perché non dovrebbe essere servito con un ordine di cessare e desistere.

E ora sembra che il Texas sia arrivato al tavolo. In un avviso che sembra non essere disponibile al momento della scrittura (07:42 UTC), il Texas State Securities Board ha rivelato di essere stato in contatto con BlockFi in merito a problemi normativi già dalla primavera di quest'anno. Il consiglio ha scritto:

"Intorno al 20 aprile 2021, l'Enforcement Division dello State Securities Board ha notificato a BlockFi che [esso] avrebbe offerto titoli in Texas che potrebbero non essere conformi al Securities Act. […] 

Tuttavia, [BlockFi ha] continuato a offrire le BIA ai texani in violazione delle sezioni 7 e 12 del Securities Act”.

Cosa afferma BlockFi

Su Twitter, l'azienda ha affermato di essere "pienamente operativa per tutti i clienti esistenti nel mondo", aggiungendo che "i clienti continueranno ad avere accesso a tutti i prodotti, servizi e risorse su BlockFi".

L'azienda ha inoltre rilasciato la seguente dichiarazione:

“Stiamo dialogando attivamente con più regolatori per dimostrare che la BIA non è un titolo e non dovrebbe essere regolata come tale. 

Crediamo fermamente che la BIA sia lecita e appropriata per i partecipanti al mercato delle criptovalute e rimaniamo fermi nel nostro impegno a lottare per i diritti dei consumatori di guadagnare interessi sui loro criptoasset. 

Accogliamo con favore le discussioni con le autorità di regolamentazione e crediamo che una regolamentazione adeguata di questo settore sia la chiave del suo successo futuro".

L'intervento dell'avvocato Byrne

Un esperto legale è intervenuto con alcune analisi su Twitter: Preston Byrne, un partner degli uffici di New York dello studio legale aziendale Anderson Kill, ha scritto che "l'Alabama, e presumibilmente il New Jersey, sembra ritenere che una BIA non sia un 'account' ma piuttosto un prodotto”. 

Ha affermato che valeva la pena notare il fatto che "BlockFi consente agli investitori di acquistare una BIA".

Byrne ha anche notato che la difesa di BlockFi era degna di considerazione, scrivendo:

"Almeno in via preliminare, la questione BlockFi sembra essere una discussione più interessante del solito 'sto vendendo un'offerta iniziale di monete a molti americani e non è un titolo ma uno strumento'".

L'avvocato ha aggiunto che il punto cruciale del caso BlockFi sarebbe probabilmente che BIA è più un conto che un prodotto e che "un conto di deposito bancario o un certificato di deposito, sebbene svolga molte delle funzioni di un titolo, non è trattato come tale ai sensi delle leggi federali sui titoli a causa dell'intento del Congresso e al rischio di insolvenza vicino allo zero, dovuto all'applicazione della legge bancaria federale.

Tuttavia, Byrne ha anche affermato che questo probabilmente non rimarrà una questione per i soli regolatori statali ancora per molto. Ha scritto:

"A questo punto, non c'è possibilità che i federali restino in disparte".

Ma nonostante tutto il furore legale, BlockFi sembra intenzionato a portare avanti piani ambiziosi per lanciare un exchange. Coindesk ha riferito che BlockFi "mira a diventare pubblico in 12-18 mesi", secondo i documenti, che si dice siano stati "distribuiti agli investitori" mercoledì di questa settimana.

Sebbene BlockFi si sia rifiutato di commentare sullo "stato attuale dei suoi piani", i documenti, secondo quanto riferito, mostrano che BlockFi chiuderà un round di finanziamento della serie E il 27 luglio, con "persone che hanno familiarità con la questione" che affermano che il round potrebbe raccogliere 500 milioni di dollari.

I documenti, ha continuato il media, mostrano che BlockFi punta a un'enorme "valutazione post-moneta di 4,75 miliardi di dollari".

---

 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN   
____
Per saperne di più:
- Apparent BlockFi Fat Finger Gaffe Sees Users ‘Credited BTC 701’
- BlockFi Valued at USD 3B Following USD 350M Round
- Bitcoin Shows Resilience Amid Global Political Pushback