`
. 2 min read

BNB Chain pronta per l’aggiornamento “Luban” di giugno!

BNB

Secondo quanto comunicato dagli sviluppatori di GitHub, la rete blockchain BNB Chain subirà un importante aggiornamento all’altezza del blocco 29.020.050, previsto per l’11 giugno alle 21:30 UTC (23:30 ora italiana).

Gli aggiornamenti della rete sono solitamente ben accolti dagli investitori, visto che consentono agli sviluppatori di offrire funzionalità ancora più avanzate.

BNB Chain utilizza il token BNB per permettere agli utenti di pagare le fee e votare sulle modifiche alla rete. Questo vuol dire che tali aggiornamenti potrebbero provocare l’aumento di valore del token BNB in futuro.

L’hard fork noto con il nome di “Luban”, include tre proposte di evoluzione (BEP) per la Binance Smart Chain (BSC), ovvero BEP-126, BEP-174 e BEP-221. Queste proposte mirano a migliorare la velocità e la sicurezza della rete per gli utenti.

Velocità e sicurezza migliorate con “Fast Finality”

BEP-126 infatti introduce il meccanismo di “Fast Finality”, che impedisce l’inversione di un blocco una volta che è stato finalizzato sulla rete. Questi riduce notevolmente, la possibilità di manipolazione da parte di hacker, nel caso in cui si verifichino situazioni di questo tipo.

I blocchi all’interno delle blockchain rappresentano i dati delle transazioni, che vengono registrati in modo permanente e protetti mediante crittografia. L’approvazione e la finalizzazione dei blocchi sono compiti affidati a entità chiamate validatori, i quali verificano l’autenticità delle transazioni e ne confermano l’inclusione nella blockchain.

Miglioramento della sicurezza nel bridge BSC

Il BEP-174 è un protocollo che introduce la “Gestione dei Relayer Cross Chain”, con l’obiettivo di mitigare potenziali problemi relativi alla sicurezza nel bridge BSC (Binance Smart Chain). Gli attacchi ai bridge rappresentano una delle principali minacce per la sicurezza nel settore crypto, rendendo, quindi, essenziale l’implementazione di soluzioni per affrontare questa problematica.

I relayers operano all’interno delle blockchain e agiscono come messaggeri on-chain, facilitando il trasferimento di token tra diverse blockchain attraverso i bridge. Svolgono, quindi, un ruolo cruciale nell’assicurare che queste transazioni avvengano senza intoppi. Di solito, i relayers sono entità selezionate tramite una whitelist e attualmente richiedono un processo di aggiunta manuale che può risultare complesso.

Il BEP-174 introdurrà dei “manager” per i relayers, selezionati dalla governance della chain. Questi “manager” saranno responsabili della gestione della registrazione dei singoli relayer in modo da rendere facile la rimozione o l’aggiunta di qualsiasi relayer durante un potenziale momento di crisi.

Maggiore interoperabilità

Il BEP-221, invece, introduce la “CometBFT Light Block Validation”, un sistema che propone l’aggiunta di un nuovo contratto alle blockchain che utilizzano la tecnologia CometBFT.

Questo contratto ha lo scopo di facilitare la verifica di blocchi specifici da altre blockchain compatibili con CometBFT e consentire il trasferimento di dati tra queste blockchain. Un esempio di queste blockchain compatibili potrebbe essere BNB Greenfield, che si concentra sullo storage, e BNB Chain.

 

Leggi anche:

 

 

Segui Cryptonews Italia sui canali Social

   

Articoli consigliati