15 set 2021 · 5 min read

Il crypto market può sopravvivere al recente flash crash?

 

crypto market
Fonte: DepositPhotos.

In quello che è stato soprannominato "il crollo di El Salvador" nei circoli cripto, la valutazione del crypto market è scesa sotto i 2 trilioni di dollari il 7 settembre, per la prima volta in tre settimane. Il valore di mercato totale delle criptovalute è sceso brevemente martedì la scorsa settimana a un minimo di circa 1,9 trilioni di dollari, rappresentando quasi 420 miliardi di dollari di perdite giornaliere, secondo Coingecko.

Bitcoin, il più grande crypto asset, ha visto un calo del 15%, da massimi di 51.000 USD a meno di 43.000 USD in un paio d'ore. Anche altri crypto asset hanno visto cali a due cifre rispetto ai prezzi registrati 24 ore prima, con le migliori altcoin come Ethereum, Solana e Cardano che hanno perso tra il 13% e il 18% durante il flash crash.

Meno di una settimana dopo, il 13 settembre, il mercato ha affrontato l'ennesimo crollo sulla scia di fake news secondo cui Walmart inizierà ad accettare pagamenti in Litecoin. In meno di un'ora, la capitalizzazione di mercato totale è cresciuta di oltre 110 miliardi di dollari a 2,24 trilioni di dollari alle 13:00 GMT, prima che il FUD causasse un crollo di oltre 200 miliardi di dollari a 2 trilioni di dollari, alle 13:45 GMT.

La recente azione volatile sui prezzi delle criptovalute è quanto ci si aspettava dopo il rally delle altcoin di agosto, che rifletteva "la mania degli investitori al dettaglio rispetto ai guadagni sostenibili nel mercato", secondo una dichiarazione degli analisti di JP Morgan. L'aumento della mania degli investitori al dettaglio è stato registrato anche a gennaio e metà maggio, quando i mercati delle criptovalute sono crollati rispettivamente del 13% e del 50%.

Tuttavia, secondo Steve Gregory, CEO dell'exchange di criptovalute Currency.com, con sede negli Stati Uniti, che ha parlato in un'intervista il 9 settembre, non un singolo fattore ha causato la recente caduta dei prezzi delle criptovalute, ma piuttosto una serie di eventi che si sono verificati in sequenza e sono culminati il giorno della caduta. 

Cause del Flash Crash

D'accordo con gli analisti di JP Morgan, Gregory ha affermato che la forte spinta al rialzo della vendita al dettaglio, unita all'esuberanza rialzista che ha aumentato gli importi della leva finanziaria sul mercato, avrebbe potuto prevedere l'eventuale calo dei prezzi delle criptovalute. Inoltre ha riferito che, mentre la vendita al dettaglio ha fatto leva sulle proprie posizioni rialziste, i conti delle balene hanno fortemente ridotto il mercato, "dando il via a una cascata di liquidazioni".

Oltre 3,2 miliardi di dollari in criptovalute sono stati liquidati il ​​7 settembre quando il mercato ha rimesso oltre il 20% sulla maggior parte delle coppie di altcoin. I tassi di finanziamento sono aumentati fino a circa il 50% annualizzato, indicando che un numero enorme di trader era disposto a pagare così tanto per ottenere la leva finanziaria, segnalando un mercato euforico e eccessivamente indebitato.

Nonostante ciò, anche il mercato finanziario tradizionale ha aperto la settimana su un minimo con oro, argento e azioni in calo il 7 settembre, sulla scia del rafforzamento del dollaro rispetto alle principali valute di riserva e di un leggero aumento del rendimento dei titoli di stato statunitensi a 10 anni. Ciò potrebbe aver influito anche sui prezzi delle criptovalute, poiché questi asset sono tradizionalmente utilizzati per proteggersi dall'inflazione.

Inoltre Gregory ha riferito che la recente indagine su Coinbase da parte della Securities and Exchanges Commission (SEC) degli Stati Uniti potrebbe anche aver giocato un ruolo nel diffondere la paura in tutto il mercato delle criptovalute. La SEC ha minacciato di fare causa se la società lancia il suo prodotto Lend ad alto rendimento, una causa che Coinbase ritiene ingiusta dato che altri exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti offrono lo stesso. Inoltre, SEC sta anche indagando su Uniswap Labs, il principale sviluppatore dietro uno dei più grandi exchange decentralizzati del mondo, Uniswap.

"L'attenzione della SEC su Coinbase e Uniswap Labs potrebbe aver scosso la fiducia"."Alcuni potrebbero persino credere che questo evento potrebbe essere il precursore di un altro inverno cripto",ha affermato Gregory .

Tuttavia, crede che sia improbabile che gli Stati Uniti accelerino la caduta delle criptovalute "dato che molte aziende e molti investitori ne soffriranno", il che è lontano da ciò che la SEC intende fare.

"Gli Stati Uniti sono relativamente fedeli al mercato delle criptovalute e non hanno motivi reali per estendere normative troppo rigide sul mercato".

Infine, El Salvador ha annunciato che Bitcoin come moneta a corso legale è stata la notizia principale della settimana, ma ha fatto ben poco per fermare il calo dei prezzi delle criptovalute. Poco dopo il loro annuncio di lunedì, i cittadini hanno protestato contro la mossa causando disordini nel paese, che ha creato un cattivo rapporto con i nuovi utenti che miravano ad adottare i crypto asset.

Quale scenario si prospetta per il crypto market?

Il mercato sta ancora mostrando segnali fondamentali della continuazione dello slancio rialzista verso gli ultimi mesi del 2021. Secondo Gregory è probabile che bitcoin venga scambiato in modo laterale nelle prossime 2 o 3 settimane, tra 45.000 USD e 48.000 USD. La ripresa del mercato sarà guidata da grandi investitori che riempiono gradualmente le loro borse, poiché gli investitori al dettaglio sono spaventati dal mercato con l'attuale elevata volatilità.

A differenza del crollo di metà maggio e del suo successivo recupero, l'attuale calo dei prezzi potrebbe non durare molto a lungo con BTC che mostra segnali di crescita a breve termine a livelli superiori a 50.000 USD. Con l'annuncio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve statunitense previsto per il 14 e il 22 settembre, è "possibile che nel breve termine BTC torni a crescere attivamente", ha spiegato il dirigente di Currency.com.

Sebbene sia improbabile che la Fed modifichi in modo significativo gli attuali tassi di interesse, la politica monetaria è destinata a essere inasprita. È molto probabile che la dichiarazione sarà vaga e il tasso di inflazione rimarrà allo stesso livello: 5,3-5,5%. Ciò significa che c'è un'opportunità per i rivenditori di rientrare nel mercato nel tentativo di sfuggire all'inflazione e proteggere i propri fondi.

Quindi qual è lo scenario più possibile per Bitcoin nei prossimi mesi del 2021? Secondo Gregory, il mercato dovrebbe tornare al suo "super-ciclo" in ottobre, dopo aver oscillato sui livelli attuali per due o tre settimane, salvo cambiamenti significativi nella regolamentazione e nella politica monetaria.

Inoltre ha affermato che "il mercato è ancora rialzista, non solo il mercato delle criptovalute ma anche su tutti i mercati degli asset di rischio". "È probabile che il sentimento cambi solo se qualcosa cambia in modo significativo nella politica monetaria delle principali banche centrali del mondo".

Infine, alla domanda se Bitcoin scenderà mai di nuovo sotto i 30.000 USD, Gregory ha semplicemente risposto: "è improbabile".

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

 

Dichiarazione di non responsabilità: la sezione Industry Talk presenta approfondimenti degli attori del settore delle criptovalute e non fa parte del contenuto editoriale di Cryptonews.com.