Cathie Woods di Ark Invest prevede che Bitcoin raggiungerà $ 1 milione entro il 2030 - Ecco perché

La fondatrice e CEO di Ark Investment, Cathie Wood, ritiene che Bitcoin potrebbe raggiungere 1 milione di dollari entro il 2030. 

La famosa speculatrice azionaria mantiene la sua audace previsione, secondo cui tra otto anni ogni BTC varrà 1 milione di dollari, nonostante le perdite registrate di recente nel mercato crypto, che ha visto la criptovaluta di punta crollare al minimo storico.

Mercoledì ha riferito a Bloomberg:

"A volte è necessario fare dei test e passare le crisi per vedere chi sopravvive, prima di tutto, ma anche per testare l'infrastruttura e la previsione. E ancora una volta pensiamo che bitcoin ne stia uscendo vincitore".

Inoltre Wood ha osservato che il recente crollo del mercato potrebbe spaventare gli investitori istituzionali, i quali potrebbero impiegare più tempo per cercare di capire la tecnologia e il funzionamento di Bitcoin. Quando faranno le loro ricerche, però, torneranno ancora più decisi.

Inoltre, ha aggiunto:

"Una volta che avranno studiato e capito che cosa è successo, penso che saranno più tranquilli nel passare a Bitcoin e forse a Ether come prima tappa, perché lo comprenderanno meglio".

A gennaio l'analista di ARK, Yassine Elmandjra, ha scritto nel suo rapporto "Big Ideas 2022" che il prezzo di Bitcoin potrebbe superare i 500.000 dollari entro il 2026. Elmandjra sosteneva che l'adozione di Bitcoin avrebbe trovato slancio man mano che un maggior numero di nazioni avrebbe adottato la crypto come moneta legale.

Wood: FTX è crollato per frode

L'importante investitore ha parlato del recente fallimento dell'exchange crypto FTX, affermando che è fallito a causa di una "frode". Tuttavia, ha insistito sul fatto che la saga di FTX non è nulla di paragonabile a Lehman Brothers o a Bernie Madoff. Ha affermato: 


"Mettiamo la situazione nella giusta prospettiva: l'intero settore crypto è un ecosistema da 800 miliardi di dollari. Apple è tre volte più grande in termini di mercato".

Tuttavia, Wood ha affermato che la tecnologia blockchain è solida nonostante il crollo di alcune società crypto di alto profilo. 

"Se osserviamo la blockchain di Bitcoin e quella di Ethereum, si scopre che l'infrastruttura, la tecnologia, non ha perso un colpo durante l'intera crisi". 

Infatti i dati on-chain di Glassnode mostrano che gli utenti stanno ritirando i loro fondi dagli exchange centralizzati verso i propri wallet dopo il crollo di FTX, dimostrando fiducia nella tecnologia sottostante.

Leggi anche

Segui Cryptonews Italia sui canali Social