`
. 1 min read

Changpeng Zhao ricercato dall’Interpol? Ennesima fake news che turba il mercato!

L’amministratore delegato del più grande exchange di criptovalute al mondo sta facendo il possibile per contrastare la diffusione di una nuova ondata FUD (Fear, Uncertainty and Doubt), ovvero paura, incertezza e dubbio, scatenatasi in seguito ad alcune voci infondate secondo le quali il CEO di Binance sarebbe stato inserito dall’Interpol nella lista dei famigerati “red notice”.

Un’immagine apparentemente falsificata, infatti, ha fatto il giro di Twitter mostrando una foto dell’amministratore delegato di Binance, Changpeng Zhao (CZ), sulla pagina web dell’Interpol dedicata agli avvisi rossi, suggerendo che il titano delle criptovalute sia in procinto di affrontare seri problemi legali.

Ricordiamo ai nostri lettori che il red notice, o avviso rosso, è una richiesta alle forze dell’ordine di tutto il mondo di “localizzare e arrestare provvisoriamente una persona in attesa di estradizione, consegna o azione legale simile”.

Secondo Changpeng Zhao, l’immagine non è reale ma photoshoppata.

Le voci secondo cui l’Interpol è alla ricerca di CZ sono iniziate quando il crypto influencer Cobie ha twittato un hash SHA256, l’hash conteneva un messaggio criptato che affermava:

“Avviso rosso dell’Interpol per CZ”.

Lo stesso Cobie ha dichiarato che il messaggio era solo un’improbabile voce di corridoio, e che nessuno avrebbe dovuto essere in grado di leggerlo.

“Ho pubblicato hash SHA256 di messaggi criptati più di 20 volte nell’ultimo anno, senza che il segreto venisse rivelato – il punto principale di uno schema di vincolo hash è che nessuno dovrebbe essere in grado di leggerlo fino a quando il segreto non viene rivelato…

Nel frattempo, CZ invita i traders e gli operatori del mercato delle criptovalute a ignorare le voci e le speculazioni non verificate. Il CEO di Binance ha dichiarato:

“Se ti fai prendere dal panico e cominci a vendere per colpa del FUD, o di immagini photoshoppate, beh, non è detto che diventerai ricco. Blocca le fonti di FUD”.

 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali Social

   

Articoli consigliati