Carenza globale di hard disc: Chia sotto i riflettori

Chia Network, lo sviluppatore della blockchain e della piattaforma "smart transaction" con una criptovaluta etichettata come alternativa "verde" a Bitcoin (BTC), avrebbe causato una carenza globale di hard disc, mentre il suo presidente Gene Hoffman nega il cattivo impatto delle criptovalute sull'ambiente.

Fonte: Adobe/bdavid32

Chia Network utilizza l'algoritmo di consenso proof-of-space (PoSp) nel tentativo di consumare meno energia. Tuttavia, questi dischi richiedono ancora energia per essere prodotti ed eseguiti, e alcuni rapporti indicano che l'hardware coinvolto nel mining di PoSp potrebbe essere reso inutilizzabile solo dopo poche settimane.

Secondo New Scientist, il 26 maggio sono stati utilizzati circa 12 milioni di terabyte di spazio su disco per estrarre Chia, registrando un aumento esponenziale dal suo lancio a marzo, con una cifra di soli 3 milioni di terabyte due settimane prima.

Secondo Rick Branson, ingegnere di PlanetScale, la rete Chia è cresciuta di quasi un exabyte (974 PiB) nelle ultime 24 ore. Secondo lui, questo equivale a masterizzare una singola unità a stato solido (SSD) da 1 terabyte (TB) ogni 3 secondi. Inoltre ha aggiunto che "la sua portata è difficile da comprendere".

Secondo quanto riferito, l'aumento della domanda di SSD ha causato l' aumento dei prezzi, tuttavia, Hoffman sostiene che l'aumento della domanda guidata da Chia ridurrà il costo degli hard disc man mano che i produttori aumenteranno la produzione in futuro.

Inoltre ha affermato che "abbiamo in qualche modo distrutto la catena di approvvigionamento a breve termine", ma ha anche negato che questo diventerà un problema ambientale.

Nic Carter, partner di Castle Island Ventures, ha affermato che un tale aumento dei requisiti hardware potrebbe causare un'altra rappresaglia contro l'industria delle criptovalute.

In precedenza, Carter, un importante sostenitore dell'uso di energia di Bitcoin, è entrato in una faida su Twitter con il fondatore/CEO di Chia e creatore di BitTorrent, Bram Cohen, con la discussione che ruotava attorno alle differenze nelle questioni di moneta equa per quanto riguarda la proof-of-work e le catene PoSp.

Inoltre, alcuni nuovi miner si lamentano della mancanza di pool di mining, con conseguente distribuzione iniziale di monete relativamente ingiusta in cui solo i miner di grandi dimensioni sono in grado di produrre nuovi blocchi e raccogliere ricompense in blocchi.

Andrew M. Bailey, professore associato allo Yale-NUS College, ha suggerito che Chia sarebbe stata presa più seriamente se la sua distribuzione di monete fosse iniziata come un fork del set UTXO di Bitcoin.

In entrambi i casi, all'inizio di questa settimana, Chia Network ha annunciato un altro round di finanziamento di 61 milioni di dollari, guidato da Richmond Global Ventures e Andreessen Horowitz. La società sta inoltre cercando di lanciare un'offerta pubblica iniziale possibilmente anche entro quest'anno.

La mainnet della rete è stata lanciata lo scorso marzo.

Alle 13:08 UTC, l'XCH di Chia, al 119 ° posto per capitalizzazione di mercato, viene scambiato a 779 USD. Secondo CoinGecko è in calo del 5% in un giorno e del 22% in una settimana, così come del 53% dal suo massimo storico di 1.645 USD,che ha raggiunto meno di due settimane fa.

Grafico dei prezzi XCH:

Fonte: coingecko.com

(Informativa: tra gli investitori di minoranza di Chia c'è Cypherpunk Holdings, sostenuta e guidata dal fondatore di Cryptonews.com Antanas "Tony" Guoga.)

____

Per saperne di più: 
- Chia Network 'Opened Discussions' With Investors, Debuts On Exchanges
- Proof-Of-Bitcoin Needed As Critics & Competitors Unite To Play Climate Card

- A Closer Look at the Environmental Impact of Bitcoin Mining

- Moving to Green Bitcoin May be Moving To a Two-Tier Bitcoin
- Bitcoin Mining Council: Promotion, Cabal, Attack on BTC, or Pointless?