21 giu 2021 · 2 min read

La grande banca cinese annuncia il divieto alle cripto, ma poi cancella il suo post

La confusione sembra regnare in Cina dopo che una delle più grandi banche commerciali del paese, la Agricultural Bank of China, ha dichiarato che reprimerà le transazioni cripto e cercherà di bloccare gli account collegati a bitcoin (BTC) e le attività correlate alle criptovalute – ma in seguito a quanto pare ha cancellato il suo post sulla questione.

Fonte: Adobe/leungchopan

La banca aveva rilasciato una dichiarazione concisa e breve sulla questione, che è stata pubblicata da numerosi media cinesi, tra cui East Money.

BTC, ethereum (ETH) e molte altcoin sono scese dopo l'annuncio, prima di recuperare parte delle perdite. Alle 08:29 UTC, BTC viene scambiato a 33.274 USD ed è in calo del 6% in un giorno, mentre ETH è sceso di quasi l'8% al giorno e viene scambiato a 2.035 USD.

Nella dichiarazione, la banca originariamente ha scritto che stava "vietando l'uso dei suoi servizi per transazioni di criptovaluta come bitcoin".

Ha aggiunto che cercherà di "intensificare le [sue] indagini e il monitoraggio delle transazioni dei clienti" e che "al rilevamento di attività [cripto] correlate", adotterà "misure come la sospensione delle transazioni del conto e la cessazione dei servizi ai clienti" su base "immediata", con possibili trasgressori di criptovalute da "segnalare ai dipartimenti governativi competenti" il più "prontamente" possibile.

Ma pochi minuti dopo essere stato ripreso dai media, l'annuncio sembra essere stato ritirato senza lasciare traccia dalla sezione notizie del sito web della banca.

Più account Twitter, incluso il sito Web del media 8BTC News, hanno pubblicato screencaps di entrambi gli annunci cinesi originali, che contenevano dettagli su ciò che ha definito un "divieto" per i clienti "coinvolti in attività cripto". La banca ha anche affermato di aver fatto la sua mossa "nello spirito" dei recenti annunci dei regolatori del mercato e ha concluso con un avvertimento sui rischi degli investimenti nel mercato delle criptovalute.

Alcuni hanno accusato la banca di "rugging".

La banca è una delle "quattro grandi" della nazione ed è stata quotata in borsa nel 2010 in quella che, all'epoca, era la più grande offerta pubblica iniziale di sempre. Nonostante sia quotata in borsa, tuttavia, rimane saldamente legata a Pechino e alla politica monetaria cinese. Il suo maggiore azionista è il veicolo di investimento statale Huijin Investment, che possiede oltre il 40% della società.

La banca è anche una delle almeno cinque istituzioni finanziarie che collaborano direttamente con la Banca centrale del popolo cinese nel suo progetto pilota in rapida evoluzione dello yuan digitale.

La proprietà di Bitcoin è rimasta legale in Cina nonostante un massiccio giro di vite nel settembre 2017, che ha bandito gli exchange di criptovalute e le offerte iniziali di monete (ICO). Tuttavia, nelle ultime settimane, il governo è diventato sempre più desideroso di eliminare le frodi legate alle criptovalute e reprimere il mining di criptovalute, portando a segnalazioni di alcuni minatori che stavano considerando di trasferirsi all'estero.

Cryptonews.com ha contattato la banca per un commento e continuerà a monitorare la situazione per ulteriori sviluppi.
___

Reazioni:

 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN  

____
Maggiori informazioni: 
- Sichuan ‘Joins Chinese Crypto Crackdown’ as US Woos Middle Kingdom Miners
- Bitcoin Miner Relocation Within China and Worst Case Scenario

- Digital Yuan Not Intended for the International Stage, Say Experts
- Key Clues Emerge as to What Beijing Really Thinks About Bitcoin & Mining