21 maggio 2021 · 2 min read

L'exchange cinese chiude in seguito al dramma del "divieto sulle cripto"

L'ultima puntata del dramma cinese di paura, incertezza e dubbio (FUD) su bitcoin (BTC) ha innescato il panico tra alcuni investitori, ma gli addetti ai lavori affermano che i cinesi sono ancora in grado di acquistare criptovalute. Nonostante ciò, l'exchange di criptovalute XMEX è accusato di utilizzare i recenti sviluppi per chiudere le sue operazioni.

Fonte: Adobe/chalermphon

Il governo cinese ha emesso divieti simili sui pagamenti e sui servizi finanziari legati alle criptovalute nel 2013 e nel 2017, ma Bobby Lee, fondatore e CEO dell'app Ballet per criptovalute, ha dichiarato a Reuters che l'ultimo annuncio rappresenta un semplice tentativo di Pechino di proteggere gli investitori al dettaglio dai mercati volatili .

Ha riferito Lee che potrebbe anche rappresentare una sfida per le banche rintracciare le transazioni legate alle criptovalute.

Inoltre ha aggiunto: “se guardi l'attività bancaria in Cina, milioni o forse miliardi di transazioni avvengono su base giornaliera. Tra tutte queste ... quante sono in realtà legate a servizi cripto rispetto a ristoranti o e-commerce? È quasi impossibile da quantificare ".

Detto questo, Reuters ha scoperto giovedì che era ancora possibile per i cinesi acquistare bitcoin e altre criptovalute e fare trading su exchange cripto esteri come Binance.

Ma ulteriori polemiche sono arrivate con l'annuncio di XMEX, in cui l'exchange ha dichiarato che, nel tentativo di "rispondere attivamente all'annuncio congiunto della China Mutual Finance Association e di altri tre dipartimenti secondo cui "Gli istituti di pagamento finanziario non devono condurre affari relativi alla valuta virtuale"," a partire da oggi l'azienda si conformerebbe chiudendo definitivamente le sue operazioni.

Inoltre la dichiarazione afferma che le transazioni contrattuali e quelle documentarie verranno automaticamente annullate e regolate e il trading di valute terminerà le transazioni; la transazione da cliente a cliente (C2C) terminerà e tutti gli ordini in sospeso verranno automaticamente annullati.

La dichiarazione è datata 21 aprile e aggiornata poche ore fa.

Nei post poi cancellati, XMEX aveva affermato di avere circa 3 milioni di utenti globali. Per garantire la sicurezza dei loro asset, agli utenti dell'exchange è stato "chiesto di ritirare tutti gli asset dell'account e quelli di Jianlibao" prima del 23 maggio 2021.

Detto questo, un certo numero di osservatori del settore delle criptovalute ha sollevato dubbi sui motivi della chiusura dell'exchange.

Commentando la mossa dell' exchange, il giornalista "Wu Blockchain" ha affermato che XMEX è "un exchange che vende principalmente contratti di scommesse su persone in piccole città e aree rurali in Cina. Alcuni ipotizzano che l'exchange abbia fatto abbastanza soldi per trovare una scusa per chiudere ".

Un altro membro del commentariat di Twitter, che si chiama Polly ฿, ha offerto una spiegazione diversa e ha detto che XMEX ha sede "alle Seychelles, si considerano una piattaforma globale, potrebbero chiudere le operazioni solo in Cina", riferendosi alla sezione del sito web di XMEX in cui si dice di "non voler violare le normative di vari paesi".

____

Per saperne di più: 
- No, China Didn’t Just Ban Crypto (Again): Here’s What Really Happened
- Chinese Arbitration Body Says Crypto Crackdown ‘Isn’t a Bitcoin Ban’

- Chinese Regulators Warn Crypto Crackdown Is Still Effective
- Elongate: Market Rereads Bitcoin FUD Playbook & Waits For The Next Tweet